Parco nazionale di Big Bend

Parco nazionale di Big Bend

Il Parco nazionale di Big Bend, il cui Codice WDPA è: 976, è un parco nazionale statunitense situato nella parte meridionale del Texas, lungo il confine con il Messico.
Il Parco nazionale di Big Bend è amministrato dal National Park Service.
Per più di 1.600 km, il Rio Grande costituisce il confine internazionale tra il Messico e gli Stati Uniti, e il Parco nazionale di Big Bend gestisce circa 393 km di questo confine.
Questo parco ha una superficie di 3.242 km², ed è quindi la più vasta area protetta del deserto di Chihuahua.
Dal punto di vista geografico e morfologico questa regione è caratterizzata da crepe, fessure e dirupi.

Clima –
La temperatura del Parco nazionale di Big Bend è quella tipica dei luoghi desertici con 38 °C durante il giorno e prossima allo zero di notte. Il vento può soffiare costantemente fino a 80 km/h per più giorni. Il deserto copre oltre il 90% del territorio.
Questo territorio è caratterizzato da precipitazioni molto scarse, con 500 mm di pioggia all’anno nelle zone collinari, e inferiore ai 250 mm nel deserto. La più alta piovosità si registra intorno ai Monti Chisos.

Flora –
Nel Parco nazionale di Big Bend troviamo oltre 1200 specie di piante che è una diversità sorprendente considerando il clima caldo e secco del deserto e il paesaggio aspro. Eppure l’assoluta asprezza di questo paesaggio crea una varietà di habitat per le piante. All’ombra di un canyon fioriscono le orchidee. Lungo il fiume prosperano i salici. Nel deserto basso, le piante più resistenti trovano un modo per sopravvivere e persino per prosperare.
La varietà di cactus e altre specie vegetali aggiungono colore alla regione di Big Bend. I cactus nel parco includono il fico d’India (Opuntia spp.), il claretcup (Echinocereus coccineus) e il pitaya (E. enneacanthus). In primavera, i fiori di campo sono in piena fioritura e i fiori di yucca mostrano colori vivaci. I bluebonnets (Lupinus spp.) Sono prevalenti in questo territorio e i bluebonnets bianchi e rosa sono talvolta visibili lungo la strada. Altre piante da fiore che abbondano sono la calendula del deserto (Baileya multiradiata), il salice del deserto (Chilopsis linearis), l’ocotillo (Fouquieria splendens), l’ortica (Eucnide urens) e la lechuguilla (Agave lechuguilla).
Di particolare importanza per la regione era un tempo la pianta candelilla (Euphorbia antisyphilitica). Questa è stata utilizzata per creare la cera candelilla ed è stata la motivazione per i campi di cera all’interno del Parco nazionale di Big Bend come Glenn Springs, in Texas.

Fauna –
I vari habitat del Parco nazionale di Big Bend supportano una straordinaria varietà di fauna selvatica, tra cui 11 specie di anfibi, 56 specie di rettili, 40 specie di pesci, 75 specie di mammiferi, oltre 450 specie di uccelli e circa 3.600 specie di insetti. Il parco vanta più tipi di uccelli, pipistrelli, farfalle, formiche e scorpioni di qualsiasi altro parco nazionale negli Stati Uniti.
La maggior parte degli animali non è visibile durante il giorno, in particolare nel deserto. Il parco si anima di notte, con molti animali che cercano cibo. Ogni anno vengono segnalati circa 150 avvistamenti di puma (Puma concolor), nonostante il fatto che solo due dozzine di puma vivano nel parco. Altre specie che popolano il parco includono coyote (Canis latrans), ratto canguro (Dipodomys spp.), Roadrunner maggiore (Geococcyx californianus), aquila reale (Aquila chrysaetos), volpe grigia (Urycon cinereoargenteus), pecari dal collare (Pecari tajacu) e lepre dalla coda nera (Lepus californicus). Nelle zone montane sono presenti anche l’orso nero messicano (Ursus americanus eremicus).
I piani per reintrodurre il lupo messicano nel Parco nazionale di Big Bend furono respinti alla fine degli anni ’80 dallo stato del Texas. Il disaccordo sulla reintroduzione includeva la questione se il parco contenesse abbastanza animali da preda, come cervi e giavellotti, per sostenere una popolazione di lupi.
Nel Parco nazionale di Big Bend troviamo, inoltre, più di 450 specie di uccelli.
Gli uccellini affollano il parco, poiché ospita l’unica area negli Stati Uniti all’interno della gamma di riproduzione del Colima warbler (Vermivora crissalis). Il colima warbler arriva nelle montagne di Chisos a metà aprile fino all’estate negli alti canyon delle montagne. Entro la metà di settembre, ritorna ai suoi terreni di svernamento nel Messico sudoccidentale. La specie è un nidificatore di terra e preferisce l’habitat dell’acero di quercia che si trova nel Boot Canyon e in aree simili alte e fresche da Laguna Meadow a Boot Canyon e il South Rim. Il primo record negli Stati Uniti del pigliamosche ciuffo settentrionale (Mitrephanes phaeocercus), una specie centroamericana, risale a questo sito nel novembre 1991.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *