Bioma dell’Asia

Bioma dell’Asia

Bioma dell’Asia – In Asia la vegetazione è estremamente varia ed in queste continente troviamo la più grande diversità di biomi, così come sono vari i suoli e i climi. Gli areali dominati da specie vegetali proprie sono numerosi; e alcuni di essi sono stati il teatro dell’affermazione dell’agricoltura, a cui si devono estese modificazioni dell’ambiente naturale degli stessi areali.

Tra i grandi domini vegetali uno dei più vasti è quello della fascia più settentrionale dell’Asia, in Siberia, dove predomina la vegetazione della tundra (prevalentemente muschi e licheni), e quello immediatamente a sud della taiga (costituita da foreste di conifere, con larici, pini e abeti).
Seguono, ancora più a sud, le vaste regioni delle praterie, orientate da est a ovest, che sfumano nelle aree più interne della regione nella fascia arida, dove allignano solo radi arbusti di tamerici o ciuffi di graminacee, come nei bacini endoreici che formano il cuore orografico dell’Asia e nelle zone adiacenti, nonché in gran parte del Sud-Ovest; qui però la vegetazione del deserto e delle oasi assume caratteri tropicali (ad esempio vi compare la palma, che manca nei deserti posti più a nord).

Nell’Asia meridionale, in quella orientale e nel Sud-Est asiatico, investiti dagli influssi equatoriali, prevale, alle latitudini inferiori, caratterizzate da forti precipitazioni lungo l’arco dell’anno, la foresta pluviale equatoriale. È una foresta lussureggiante che si contraddistingue per le numerose specie arboree preziose, come il teak, l’albero del pane, numerose varietà di bambù e palme.

Più a nord dell’Equatore si trova una foresta tropicale meno fitta, condizionata dal clima a regime monsonico, che nelle zone con una prolungata siccità invernale assume i caratteri della savana, più o meno rada, come negli altipiani del Deccan; la foresta lussureggiante ricompare invece nei versanti meridionali dell’Himalaya, in una fascia compresa tra i 1.500 e i 2.500 metri d’altitudine, oltre la quale si hanno associazioni vegetali di ambiente temperato e montano.
La foresta subtropicale sempreverde ricompare con caratteri particolari (ad esempio, il dominio delle lauracee, delle piante a foglie spesse), come nella Cina meridionale e in Giappone. Alle medie latitudini predominano le foreste miste di piante decidue e conifere.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *