Hedychium coronarium

Hedychium coronarium

Lo zenzero a giglio bianco (Hedychium coronarium J. Koenig, 1783) è una specie erbacea appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Liliopsida,
Ordine Zingiberales,
Famiglia Zingiberaceae,
Genere Hedychium,
Specie H. coronarium.
Sono sinonimi i seguenti termini:
– Amomum filiforme Hunter ex Ridl.;
– Gandasulium coronarium (J.König) Kuntze;
– Gandasulium lingulatum (Hassk.) Kuntze;
– Hedychium chrysoleucum Hook.;
– Hedychium gandasulium Buch.-Ham. ex Wall.;
– Hedychium lingulatum Hassk.;
– Hedychium maximum Roscoe;
– Hedychium prophetae Buch.-Ham. ex Wall.;
– Hedychium spicatum Lodd.;
– Hedychium sulphureum Wall.;
– Kaempferia hedychium Lam..

Etimologia –
Il termine Hedychium proviene dal greco ἠδύς hedýs dolce, piacevole e da χιών chión neve.
L’epiteto specifico coronarium viene da coróna corona, ghirlanda: atto a comporre ghirlande o con organi disposti a corona.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’ Hedychium coronarium è una pianta originaria della regione himalayana del Nepal e dell’India dove è conosciuta come Dolan champa (दोलन चम्पा) in lingua hindi, Takhellei angouba in lingua manipuri, Sontaka in Lingua marathi e Suruli Sugandhi in lingua kannada.
Questa pianta è presente nell’Asia dell’est: Cina, India, Bhutan, Nepal, Sri Lanka, Myanmar, Thailandia, Vietnam, Malesia, Indonesia ed in Australia.
Questa pianta è stata poi introdotta in Brasile nel periodo dello schiavismo dai deportati africani che ne usavano le foglie come materasso ed è oggi talmente comune da essere considerata una pianta infestante.
È una pianta comune nei giardini degli agricoltori e si trova anche allo stato selvatico sulla Sierra del Rosario nella provincia di Pinar del Río, sulla Sierra de Escambray nella Provincia di Cienfuegos e sulla Sierra Maestra.
La pianta è presente anche a Cuba.
Il suo habitat è quello delle zone umide lungo i ruscelli, nelle zone paludose, in luoghi umidi aperti e ai margini di foreste secondarie ombreggiate, ad altitudini dal livello del mare fino a 2.500 metri.

Descrizione –
L’Hedychium coronarium è una pianta perenne robusta, fortemente aromatica, che cresce da 1 a 2,5 metri di altezza da un rizoma carnoso di 25-50 mm di diametro.
Le foglie sono grandi, di forma da oblunga a lanceolata, lunghe 16 – 60 cm e larghe 5 – 10 cm.
I fiori, di colore bianco candido, molto profumati, sono ermafroditi, fortemente irregolari, composti da un calice tubolare e una corolla parimenti tubolare. Ci sono tre stami, di cui due sterili uniti tra loro. L’ovario è inferiore.
I fiori sono riuniti in infiorescenze nelle quali spiccano le grandi brattee, disposte a spirale.
La pianta fiorisce durante il periodo estivo.

Coltivazione –
L’Hedychium coronarium è una pianta delle regioni subtropicali e tropicali, non molto resistente al freddo, tollerando temperature di breve durata che scendono a circa -2 °C.
Questa pianta richiede un terreno ricco e umido e una posizione soleggiata o parziale ombra.
Riesce a crescere in acque poco profonde e spesso sfugge alla coltivazione e si naturalizza. Queste piante possono diffondersi considerevolmente per mezzo dei loro rizomi per formare fitte vegetazioni che possono essere abbastanza difficili da sradicare.
La pianta si propaga per seme che è meglio seminare non appena è maturo in una posizione leggermente ombreggiata in contenitori in un vivaio. La germinazione è migliore a 18 °C; quando le piantine sono abbastanza grandi da essere maneggiate vanno poste in vasi individuali; il trapianto va poi effettuata quando l’apparato radicale e la pianta sono perfettamente formati.
La pianta si può propagare anche per divisione di cespi; in questo caso i singoli cespi vanno divisi con una vanga o un coltello affilato, assicurandosi che ogni divisione abbia un germoglio in crescita. I ciuffi più grandi possono essere piantati direttamente nelle loro posizioni permanenti, ma è meglio rinvasare le porzioni più piccole e farle crescere finché non si sono stabilite e radicate bene.
La propagazione per tubero è la più agevole e questa va operata ponendo questi in piccole buche, ricoperte e subito innaffiate.

Usi e Tradizioni –
I fiori del Hedychium coronarium hanno un profumo delizioso che è più pronunciato verso sera.
Da questa pianta si ricava un olio essenziale ottenuto dai fiori, apprezzato nella realizzazione di profumi di alta qualità.
La pianta ha utilizzi di tipo alimentare.
I germogli ed i fiori giovani vengono cotti al vapore e mangiati o usati come aromatizzanti.
Le radici vengono cotte e sono state utilizzate come cibo durante i tempi di carestia.
L’ Hedychium coronarium ha anche impieghi medicinali.
Il seme è aromatico, carminativo e gastrico.
La radice è antireumatica, eccitante e tonica.
Il rizoma macinato è usato come febbrifugo; si prepara anche un decotto per trattare il dolore al petto e alle braccia.
L’olio essenziale ottenuto dalle radici è carminativo e ha indicazioni antielmintiche.
Dalla parte basale dello stelo si ottiene un decotto che viene usato per gargarismi nel trattamento della tonsillite o, in alternativa, una parte dello stelo può essere masticata.
Lo stelo masticato viene applicato alle narici infette.
Dalle foglie si prepara un infuso che viene utilizzato per trattare i disturbi addominali. Inoltre questa pianta insieme alla Lantana camara, è usata come febbrifugo.
Le foglie bollite vengono applicate alle articolazioni rigide e doloranti.
Tra gli altri usi si riporta che i gambi contengono il 43-48% di cellulosa e sono utili per la fabbricazione della carta.
La pianta è stata raccomandata come possibile fonte di pasta di carta.
Un estratto dei fiori è usato come ingrediente nelle preparazioni cosmetiche commerciali come balsamo per la pelle.
Un estratto della radice è usato come ingrediente in preparazioni cosmetiche commerciali come balsamo per la pelle, tonico e agente mascherante.
La pianta essiccata e fatta in polvere viene utilizzata come ingrediente in preparazioni cosmetiche commerciali come balsamo per la pelle.
La radice contiene l’1,7% di olio essenziale che viene utilizzato in medicina.
I fiori sono ampiamente utilizzati nelle ghirlande di fiori alle Hawaii e in Giappone.
Inoltre la pianta è anche ampiamente coltivata come pianta ornamentale nelle aree tropicali e subtropicali del mondo.

Modalità di Preparazione –
La fragranza del Hedychium coronarium viene solitamente estratta per distillazione in corrente di vapore.
Per usi medicinali si utilizza il rizoma macinato, come febbrifugo; si prepara anche un decotto per trattare il dolore al petto e alle braccia.
Dalla parte basale dello stelo si ottiene un decotto che viene usato per gargarismi nel trattamento della tonsillite o, in alternativa, una parte dello stelo può essere masticata.
Dalle foglie si prepara un infuso che viene utilizzato per trattare i disturbi addominali. Inoltre questa pianta insieme alla Lantana camara, è usata come febbrifugo.
Le foglie bollite vengono applicate alle articolazioni rigide e doloranti.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *