Parco nazionale di Kings Canyon

Parco nazionale di Kings Canyon

Il Parco nazionale di Kings Canyon, il cui Codice WDPA è:11115335 è un’area naturale protetta della California situata nella Sierra Nevada meridionale, circa 90 km a est di Fresno e 250 km a nord di Los Angeles.
Questo Parco è stato istituito nel 1940 e si estende su un’area di 1.873 km².
Il Parco nazionale di Kings Canyon confina a sud col Sequoia National Park, col quale forma un’unica unità amministrativa, il Sequoia and Kings Canyon National Parks, gestita dal National Park Service. L’area complessiva dei due parchi è di 3.495 km².
L’area in cui ricade il parco era già nota ai coloni nella prima metà dell’Ottocento, ma non ricevette molta attenzione fino a quando vi arrivò John Muir nel 1873. Muir ne notò la grande somiglianza geologica col parco di Yosemite, giungendo alla conclusione che entrambe le vallate fossero state create dall’azione di grandi ghiacciai durante l’ultima era glaciale. Muir si adoperò per rendere l’area una zona protetta, ma il suo futuro rimase incerto per quasi cinquant’anni. Alcuni politici e imprenditori volevano costruire una diga sul lato occidentale della valle del KIngs Canyon, ciò che avrebbe compromesso l’integrità del suo patrimonio naturale e forestale.
Il dibattito si concluse nel 1940, quando i fautori della sua conservazione riuscirono a farlo diventare un parco nazionale, annettendo il parco Generale Grant (istituito nel 1890) per formare un unico parco. Fu nominato in onore del primo direttore del United States Geological Survey, Clarence King.

Ambiente –
Il parco è composto da due sezioni: la prima, più piccola ma più importante, comprende le foreste “Redwood Mountain” (Redwood Mountain Grove) e “Generale Grant” (General Grant Grove). La Redwood Mountain Grove è la più grande foresta naturale di sequoia gigante (Sequoiadendron giganteum) rimasta al mondo. Ha un’area di 1300 ha e vi si trovano oltre 15.800 sequoie con un diametro del fusto alla base di 3 m.
La General Grant Grove ospita la sequoia Generale Grant, il secondo albero più grande del mondo come volume (dopo la Generale Sherman, che si trova nell’adiacente parco nazionale di Sequoia).
La rimanente sezione, che comprende Il 90 % dell’area del parco, si trova a est della foresta Generale Grant. Vi nascono alcuni tributari dei fiumi Kings River e San Joaquin River. Una valle formata da uno di essi, il South Fork, chiamata Kings Canyon, dà il nome all’intero parco. Ha una profondità di 2500 metri ed è il più profondo canyon degli Stati Uniti[1].
A est dei canyon si ergono i picchi della Sierra Nevada, che culminano nel North Palisade, il punto più elevato del parco (4341 m). La dorsale della Sierra forma il confine orientale del parco. È attraversata da molti passi ben transitabili in estate, tra cui il Bishop Pass, il Taboose Pass, il Sawmill Pass e il Kearsarge Pass, tutti a quote superiori ai 3400 metri.

Flora –
Nell’rea in cui ricade il Parco nazionale di Kings Canyon ci sono più di 1.500 tipi di piante con specie che vanno dai minuscoli licheni alle sequoie giganti; la flora varia principalmente in base all’altitudine.
Gli alberi originari della regione sono costituiti principalmente da conifere e latifoglie. Le conifere hanno aghi e coni che non perdono durante i mesi più freddi e mantengono il loro verde tutto l’anno, guadagnandosi il nome di sempreverde. Le latifoglie lasciano cadere le foglie in autunno e rifioriscono in primavera.
A quote più basse, i due pini più comuni che troverete sono il pino ponderosa e il pino Jeffrey (entrambi noti anche come “pini gialli”). Il pino ponderosa ha corteccia giallo-arancio, aghi raggruppati in tre e scaglie di corteccia che si incastrano come un puzzle. Il tronco di un pino ponderosa può crescere fino a 6 piedi di diametro. Il pino Jeffrey è simile alla ponderosa ma tende a vivere ad altitudini più elevate.
Il pino da zucchero cresce a quote leggermente più alte e può essere visto lungo molte escursioni. Questi pini producono grandi pigne, hanno aghi corti raggruppati in cinque e hanno una corteccia bruno-rossastra. I tronchi possono crescere oltre 2 metri di diametro e gli alberi maturi sfoggiano rami molto storti.
I pini ad altitudini più elevate includono il lodgepole e la corteccia bianca. Il pino lodgepole, il pino più diffuso nel Nord America, raggruppa i suoi aghi in due; ha corteccia giallo-arancio e piccoli coni. Il pino di corteccia bianca riunisce cinque aghi e ha coni appiccicosi di colore viola. Questi pini tendono ad essere più piccoli e si trovano più vicini alla linea degli alberi.
Gli abeti sono un’altra specie di conifera che troviamo nel parco.
Abeti rossi, con aghi corti che si arricciano e coni che vanno da 12 a 20 cm, si trovano ad altitudini da 1.800 a 2.700 metri. Gli abeti bianchi, che si trovano ad altitudini inferiori da circa 1.000 a 2.500 metri, hanno aghi da 5 cm che crescono in torsioni dal ramo, corteccia grigiastra e coni da 7 a 12 cm. Gli animali selvatici spesso si rifugiano nelle ampie cavità vicino alla base di vecchi tronchi. Entrambi gli abeti crescono nelle foreste vicino al Glacier Point di Yosemite e nella regione alta lungo Tioga Road. Gli abeti bianchi possono essere visti in tutto Sequoia e Kings Canyon.
Alle quote più alte (2.700-4.200 metri) si trovano i pini a coda di volpe, alberi nodosi che si sono adattati alla dura vita rocciosa della vita in cima. Questo pino, come il pino dalla corteccia bianca, sembra rachitico e deformato, spesso con un tronco contorto e una cima appuntita e dall’aspetto morto. Le radici crescono sul granito e richiedono solo una breve stagione di crescita, consentendo all’albero di aggrapparsi a un’esistenza gelida.
La rara noce moscata della California ricorda un abete, con aghi singoli affilati, e può essere trovata lungo il Marble Fork Trail nel Sequoia National Park vicino a un torrente che scorre su lastre di marmo. Il cedro dell’incenso viene spesso confuso con le sequoie giganti, poiché entrambe hanno una corteccia rossastra e ispida che quasi si sbriciola al tatto. Ma un cedro incenso ha spruzzi piatti di fogliame che emettono un odore fragrante nella stagione calda e piccoli coni bruno-rossastri che ricordano il becco di un’anatra quando vengono aperti.
Il peso massimo indiscusso della flora dei parchi nazionali è la sequoia gigante. Quelli più piccoli possono essere difficili da identificare, ma non c’è dubbio che un albero maturo di 75 metri risale a 2000 o 3000 anni fa. Questi alberi crescono fino a un’altezza di 95 metri, pesano oltre 1.200 tonnellate e possono avere una base di 13 metri diametro. I rami degli alberi possono raggiungere un diametro di 2,4 metri. Gli alberi sono spogli fino a circa 30-45 metri di altezza, dopo di ché iniziamo a trovare i rami. La corteccia, naturalmente resistente al fuoco, varia da 10 a 60 cm di spessore. Questi alberi resistono alla decomposizione e producono piccoli coni abbondanti con centinaia di semi delle dimensioni di fiocchi d’avena. È interessante notare che ci vuole un fuoco per asciugare i coni abbastanza da rilasciare i semi.
Le sequoie giganti possono essere trovate ad altitudini comprese tra 1.500 e 2.300 metri. Ovviamente, il posto migliore per vedere questi alberi è nei parchi nazionali di Sequoia e Kings Canyon. Le grandi distese di Giant Forest e Grant Grove offrono esempi fantastici e facilmente accessibili di sequoie giganti, e ci sono altri boschetti, accessibili a piedi, sparsi in tutto il parco. Yosemite ha tre banchi di sequoie giganti: il Mariposa Grove vicino a Wawona e i più piccoli boschi di Tuolumne e Merced vicino al Big Oak Flat Entrance.
Le latifoglie della zona includono la quercia nera della California, che cresce a quote più basse in entrambi i parchi. La corteccia da grigio scuro a nera di questi alberi è caratteristica. Producono anche ghiande e possono raggiungere un’altezza di 23 metri. La quercia blu perde le foglie in autunno e può essere trovata ai piedi delle alture da 300 a 1.500 metri. Foglie sempreverdi agrifoglio segnano la quercia viva del canyon, l’altra quercia comune nella regione.
Il corniolo del Pacifico produce fioriture con fiori verde-biancastri ogni primavera. Il tremante pioppo ha una corteccia bianca sottilissima e un esercito di piccole foglie che frusciano al minimo vento. Lungo ruscelli e fiumi in basso
I fiori di campo producono una vasta gamma di colori durante la primavera e l’estate, mentre sbirciano da crepe e fessure o campi e prati in moquette. La stagione della fioritura inizia a febbraio nelle pianure, e dura fino all’inizio dell’autunno nella regione alta. L’elenco dei fiori selvatici trovati in questi parchi è intimidatorio e comprende più di 50 specie, alcune delle quali sono descritte di seguito.
Diffuso sui prati e lungo i pendii delle colline c’è un fiore di lavanda, il lupino. È facilmente riconoscibile dalle sue foglie palmate – foglie che provengono da un punto centrale come le dita di una mano. Cerca la fioritura lungo i fondovalle e nella regione di Wawona dello Yosemite. Vedrai anche pastinaca di mucca qui, fiori dalle sfumature bluastre posti su steli sottili, con foglie quasi felci. I fiori a freccia della pastinaca di mucca assomigliano a violette a distanza, ma un esame più attento rivela una cima a forma di ombrello e un gambo senza foglie. Le grandi fioriture dal blu al viola che spuntano tra foglie alte e strette sono iris selvatiche. Nella regione di Wawona dello Yosemite, cerca la miseria delle montagne, ciuffi di piccoli fiori bianchi in cima a soffici foglie che sembrano aghi di pino; e l’addio alla primavera, un bizzarro fiore rosato con quattro petali grandi e fragili e foglie piccole e sottili.
Si possono anche vedere fiori di scimmia, euforbia vistosa e achillea a queste altitudini. Il fiore della scimmia è uno dei fiori più luminosi della natura, che va dal blu al viola, rosa e arancione, e si vede lungo i ruscelli e ad alta quota nel terreno ghiaioso. I petali sono costituiti da fiori a due labbra che le persone più fantasiose dicono assomigliano al volto sorridente di una scimmia. Il vistoso euforbia cresce nei prati e nelle radure dei boschi. Queste piante robuste hanno grandi foglie di forma ovale e gambi pieni di una linfa lattiginosa velenosa. In estate compaiono mazzi colorati di minuscoli fiori a cinque petali; più tardi i baccelli di euforbia scoppiarono, rilasciando un ciuffo di semi setosi da disperdere al vento. Crescendo fino a 3 piedi di altezza, l’achillea fiorisce come un ampio e piatto grappolo di fiori bianchi (occasionalmente rosa) con un aroma pungente. Era usato dai nativi americani come erba curativa, una bevanda per curare l’indigestione e per ridurre la febbre. Oggi il fiore essiccato è comunemente visto in pot-pourri.
Di notte si può cercare l’enotera: i suoi fiori a quattro petali si aprono al tramonto e appassiscono al mattino e vengono impollinati dalle falene. I fiori vanno dal bianco al giallo e al rosa e hanno un dolce profumo di limone; gli steli possono raggiungere 1,8 metri.
Uno degli ultimi fiori della stagione è la verga d’oro dei prati, che appare a fine estate e in autunno. La pianta cresce in lunghi steli, con foglie strette che sporgono lungo tutto questo, e può essere sormontata da una macchia gialla che ricorda una piuma. La verga d’oro era usata dagli indiani d’America per curare tutti i tipi di disturbi.
Nelle foreste si trovano le zampe della fica e la pianta della neve all’ombra e il lupino, il giglio mariposa e la viola di montagna al sole. La pianta della neve ha un gambo rosso o arancione fiammeggiante, mentre le zampe della fica hanno foglie piccole e sfocate e fiori delicati che si raggruppano per assomigliare alla forma della zampa di un gatto. Il giglio mariposa, che fiorisce sotto i pini in Yosemite, prende il nome dalla parola spagnola per farfalla, che si dice assomigli. I fiori sono costituiti da tre petali bianchi come la neve con macchie scure alla base; i lunghi steli conferiscono ai fiori un aspetto fluttuante. Gli indiani d’America arrostivano i bulbi di questi fiori per mangiarli.
Ad altitudini più alte e più fresche, abbondano numerose fioriture sottili. L’acetosella ha foglie a forma di giglio, con grappoli di piccoli fiori rosa non più grandi della punta di un’unghia. Il phlox diffuso ha foglie appuntite che sporgono come spine e fiori larghi e piatti in cima. Il prato penstemon produce un gruppo di fiori rosa brillante in cima a un unico gambo sottile. I fiori sono disposti come trombe, puntando in ogni direzione.
Un fiore preferito dei colibrì, l’aquilegia cresce nei prati e sgorga dalle fessure rocciose. Sembra piuttosto fragile, con foglie cespugliose raggruppate alla base di steli nudi che producono fiori cadenti. Il colore può variare, ma cerca cinque petali che si estendono all’indietro in un lungo tubo appuntito.
Una delle tante piante presenti nei parchi è l’azalea selvatica. Queste piante assomigliano ai loro cugini domestici e sono spesso le prime a proclamare l’arrivo della primavera, con un’abbondanza di colori vivaci. La Sierra presenta una sola varietà: l’azalea occidentale, un arbusto basso con foglie lisce e verde intenso.
Il trifoglio dell’orso è un arbusto a crescita bassa con foglie appiccicose e un odore pungente, che si trova nell’area di Lodgepole di Sequoia e ad altitudini comprese tra 2.100 e 2.400 metri.
La mariposa manzanita, con la sua corteccia liscia dal rosso al viola e le foglie ovali delle dimensioni di una moneta, fiorisce tutto l’anno ed è solo un tipo di manzanita comune in questa regione. La mariposa manzanita produce piccoli grappoli di fiori bianchi e rosa che alla fine si trasformano in bacche che sembrano piccole mele, che è ciò che significa manzanita.
Guardando in alto, infine, tra le querce si può scorgere un cespuglio verde che sembra crescere dai rami. Questo è il vischio. Nonostante il suo fascino vacanziero, è un parassita più che un arbusto, cresce in mazzi verdi in alto sulle cime degli alberi e succhia il nutrimento da querce e altri alberi. Un altro parassita è la quercia velenosa, prevalente sotto i 1.500 metri. È un arbusto con grappoli lucidi a tre foglie e bacche bianche. In inverno, gli steli della quercia velenosa sono nudi e molto difficili da riconoscere, quindi è meglio stare alla larga da boschetti che assomigliano a bastoncini conficcati nel terreno.

Fauna –
Il Parco nazionale di Kings Canyon e di Sequoia ospitano 72 specie di mammiferi. Le specie comunemente osservate includono marmotte dal ventre giallo, cervi muli, pika e diverse specie di scoiattoli, come scoiattoli di terra della California, scoiattoli di Douglas, scoiattoli di terra dal mantello dorato e scoiattoli grigi occidentali. La maggior parte dei mammiferi è riservata e notturna e raramente viene vista dai visitatori del parco. Gli esempi includono ringtail, puzzole maculate, donnole dalla coda corta e leoni di montagna.
Nei parchi è presente un’enorme diversità di tipi di habitat, in gran parte a causa di un gradiente di elevazione che va da 410 metri sotto la sede del parco a 4.418 metri in cima al Monte. Whitney, il punto più alto degli Stati Uniti continentali. Di conseguenza, due gruppi di mammiferi sono particolarmente diversi:
tra i roditori si annoverano 26 specie di dimensioni variabili dalla minuscola arvicola montana fino al castoro, che può essere lungo 1,2 metri e pesare oltre 27 Kg. Questo gruppo comprende anche topi, scoiattoli, roditori, scoiattoli, marmotte, topi di legno e istrici.
Nel Parco nazionale di Kings Canyon vivono diciassette specie di pipistrelli, tra cui diverse specie di preoccupazione come il pipistrello dalle grandi orecchie di Townsend, il pipistrello pallido, il pipistrello maculato, il pipistrello mastino occidentale e il pipistrello rosso occidentale. Una specie di mammiferi su 5 nei parchi è un pipistrello! I pipistrelli trovano il cibo emettendo un richiamo ad alta frequenza e usando il loro udito sensibile per rilevare gli echi degli insetti volanti. Tre specie nei parchi emettono chiamate udibili dall’orecchio umano: ascoltale di notte se visiti i parchi. I pipistrelli si trovano dalle altitudini più basse del parco fino a più di 3.000 metri.
L’orso nero americano è un onnivoro (mangia sia piante che animali) e mangia spesso bacche e piante da prato, artigli su tronchi o scavi per insetti, penzola da rami di pino da zucchero per inseguire coni e foraggi per ghiande in autunno. Un orso nero maschio pesa in media da 135 a 160 kg e le femmine più piccole pesano da 68 a 90 kg. Gli orsi neri possono variare di colore dal marrone cannella al nero, e alcuni possono avere lievi fiammate sul petto.
Il grizzly della California una volta si trovava in questi parchi ed era abbondante in tutto lo stato. Gli orsi grizzly furono sterminati in California negli anni ’20. Il grizzly della California rimane uno dei simboli più duraturi dello stato, adornando sia la bandiera dello stato che il sigillo.
Le pecore bighorn della Sierra Nevada sono l’unico mammifero del parco elencato come minacciato a livello federale ai sensi dell’Endangered Species Act. Anche il pescatore del Pacifico, il ghiottone e la volpe rossa sono elencati dallo Stato come minacciati in California e il pipistrello dalle grandi orecchie di Townsend è un candidato per la lista statale.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *