Commiphora africana

Commiphora africana

La Commiphora africana o Mirra africana (Commiphora africana (A.Rich.) Endl.) è una specie arbustiva o di piccolo albero appartenente alla famiglia delle Burseraceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Sapindales, Famiglia Burseraceae e quindi al Genere Commiphora ed alla Specie C. africana.
Sono sinonimi i termini:
– Balsamea africana Baill.;
– Balsamea kotschyi Engl.;
– Balsamea pilosa Engl.;
– Balsamodendrum africanum Arn.;
– Commiphora benadirensis Mattei;
– Commiphora cakiicola Engl.;
– Commiphora calciicola Engl.;
– Commiphora loandensis Engl.;
– Commiphora nkolola Engl.;
– Commiphora pilosa (Engl.) Engl.;
– Commiphora rugosa Engl.;
– Commiphora sambesiaca Engl.;
– Heudelotia africana A.Rich..

Etimologia –
Il termine Commiphora proviene dal greco κόμμι cómmi gomma, resina e da φορέω phoréo portare: che produce resina.
L’epiteto specifico africana si riferisce alla sua origine africana, dell’Africa.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Mirra africana è una pianta originaria dell’Africa e ampiamente presente nell’Africa subsahariana in Angola, Botswana, Burkina Faso, Ciad, Eritrea, Etiopia, Kenya, Mali, Mauritania, Mozambico, Namibia, Niger, Senegal, Somalia,Sud Africa, Sudan, Swaziland, Tanzania, Uganda, Zambia e Zimbabwe.
Il suo habitat tipico è quello delle savane aride, presente su una varietà di tipi di suolo spesso siti rocciosi, croste lateritiche e sabbia ad altitudini da 300 a 1.900 metri.
Inoltre sui terreni sabbiosi questa specie talvolta forma popolamenti puri, meritevoli di considerazione come comunità o associazione vegetale.

Descrizione –
La Mirra africana è una pianta che si presenta in forma di arbusto deciduo spinoso a bassa ramificazione o di piccolo albero con un tronco corto e una corona densa e arrotondata. Questa pianta di solito cresce da 3 a 5 metri di altezza, con esemplari occasionali fino a 10 metri.
La pianta è spesso priva di foglie per diversi mesi nel periodo secco ed ha un apparato radicale strisciante che si estende per diversi metri attorno all’albero.
La sua corteccia è di colore grigio-verde, si desquama per rivelare una superficie lucida, rossa se danneggiata da cui trasuda una gomma chiara, commestibile, aromatica.
Le foglie sono trifogliate con una grande fogliolina terminale e due piccole foglioline laterali, dentate smussate e, come la maggior parte delle Commifore, piacevolmente aromatiche quando schiacciate.
La fioritura avviene all’inizio della stagione secca, di solito prima del rossore delle foglie. La fioritura e la fruttificazione sono irregolari e non si verificano tutti gli anni.
I frutti sono rossastri e di circa 6-8 mm di diametro, che si dividono quando sono maturi per rivelare un seme duro e nero tenuto da uno pseudo- arillo con quattro dita rosse, che assomigliano ai fermagli che tengono un gioiello in una spilla o montatura ad anello. I frutti dell’albero sono commestibili mentre le radici succulente e dolci sono spesso masticate dall’uomo, e le nuove foglie sono ricercate da cammelli e capre, in particolare all’inizio della stagione secca.

Coltivazione –
La Commiphora africana è una pianta delle aree tropicali e subtropicali più asciutte, che si trova naturalmente ad altitudini inferiori a 800 metri, sebbene occasionalmente si trovi ad altitudini fino a 1.600 metri ed oltre.
Cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 23 e 33 °C, ma può tollerare 18 – 40 °C.
Preferisce una piovosità media annua compresa tra 400 e 800 mm, ma tollera 250 – 1.000 mm.
Cresce bene su una varietà di tipi di terreno, preferendo siti rocciosi, croste lateritiche e sabbia. Sebbene si trovi sull’argilla, non va bene su vertisuoli. La pianta, infatti, sembra crescere meglio su terreni calcarei, sabbie, argille rosse e argille sabbiose. Inoltre preferisce un pH compreso tra 6 e 7,5, tollerando 5,5 – 8. Da sottolineare che le piante ormai radicate sono molto resistenti alla siccità.
Si tratta di una pianta resistente agli incendi, rigenerandosi bene una volta che il fuoco è passato.
Per quanto riguarda la propagazione questa pianta si può moltiplicare per seme.
Il seme ha un rivestimento duro che impedisce l’assorbimento di acqua, ritardando così la germinazione. Esistono vari metodi per accelerare l’imbibizione mediante trattamento superficiale, come l’abrasione del rivestimento del seme o l’uso di acido solforico che possono funzionare, anche se questo non è riportato in letteratura.
I semi, presumibilmente, possono essere conservati per diversi anni a temperatura ambiente ma la conservazione a freddo prolunga la longevità.
La pianta è comunque facilmente propagabile anche per talea. Le talee di grandi dimensioni possono essere utilizzate per realizzare una recinzione vivente.
Questo albero è estremamente sensibile all’umidità atmosferica e produrrà le sue gemme fogliari al primo accenno di venti carichi di umidità. Di conseguenza è il primo albero a emettere foglie con l’arrivo della stagione delle piogge, e rimane notevolmente verde per tutto il periodo delle piogge.

Usi e Tradizioni –
Le caratteristiche vegetative di questa pianta fanno sì che i pastori del Sahel settentrionale seguono l’andamento delle piogge e gli alberi di C. africana man mano che crescono le foglie, trovando continuamente nuove aree in cui i loro animali possono pascolare. Inoltre la pianta è di straordinaria importanza per molti pastori nomadi nelle parti settentrionali del Sahel, che crescono in un ambiente altrimenti povero e forniscono medicine, cibo e vari altri prodotti per la popolazione locale.
Questa specie è, inoltre, la pianta alimentare preferita del coleottero Diamphidia , la cui larva è usata come potente veleno per le frecce.
La C. africana è particolarmente indicata come siepe vivente.
Le parti degli alberi sono usate per curare una vasta gamma di disturbi: frutta per febbre tifoide e problemi di stomaco, corteccia per la malaria, resina per convulsioni e per coprire e disinfettare le ferite e resina bruciata come insetticida e afrodisiaco.
Il legno morbido e resistente alle termiti viene utilizzato per intagliare utensili domestici, strumenti musicali e oggetti di uso generale. Viene estratto anche un olio commestibile e parti dell’albero mostrano forti proprietà fungicide.
Le parti sotterranee tenere delle giovani piante sono succose con un sapore leggermente dolce; queste vengono dissotterrate, sbucciate e masticate crude come la manioca. Vengono consumate principalmente da bambini e pastori.
La gomma ottenuta dal gambo viene mangiata.
La corteccia viene prodotta per fare un tè rosso e le foglie cotte.
I frutti sono usati per il trattamento della febbre tifoide e come rimedio per i problemi di stomaco.
I frutti vengono masticati o pestati e utilizzati come trattamento contro il mal di denti e le malattie delle gengive.
La corteccia in polvere viene mescolata con il porridge e presa come cura per la malaria.
La corteccia viene masticata o pestata, quindi mescolata con tabacco e applicata sui morsi di serpente; inoltre la corteccia in polvere viene mescolata con gesso e applicata alle punture di scorpione e viene utilizzata come trattamento per la lebbra.
Si beve un decotto di radici come rimedio contro febbre, lebbra e mal di pancia.
La resina è antisettica. È usata per alleviare il mal di testa e disinfettare le ferite.
I gambi vengono carbonizzati, mescolati con burro di karité (Vitellaria paradoxa) e usati come unguento vulnerabile sulle ferite.
Tra gli altri impieghi ricordiamo che la Commiphora africana, siccome è una pianta che si propaga facilmente per talea, anche di dimensioni piuttosto grandi, è quindi particolarmente adatta per essere utilizzata come recinzioni vive e siepi.

Modalità di Preparazione –
La Mirra africana è una di quelle piante di cui si utilizza tutto e per molteplici impieghi e non solo per scopi alimentari e curativi.
La resina profumata viene bruciata nelle stanze come incenso, repellente per insetti, ecc; è usata come profumo nelle pozioni; conservata negli indumenti per respingere le tarme, ecc.
Gli steli sono usati come spazzolini da denti per pulire i denti e mantenere l’igiene dentale.
La corteccia è la fonte di una tintura bruno-rossastra usata per tingere i tessuti.
I semi sono usati come perle per realizzare collane profumate.
Il legno è morbido ma resistente alle termiti e trova impiego a tutto tondo come legname da costruzione di utilità e per alveari, sgabelli, utensili domestici e ruote per carri.
Il legno è talvolta utilizzato come combustibile e per produrre carbone.
La corteccia e le radici, come detto, vengono bollite e utilizzate come bagno di vapore nel trattamento di febbri e raffreddori.
Le foglie e la corteccia sono utilizzate nel trattamento di ferite, problemi cutanei, sterilità maschile, disturbi intestinali, ecc..

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *