Parco nazionale del Monte Rainier

Parco nazionale del Monte Rainier

Il parco nazionale del Monte Rainier, il cui Codice WDPA è: 372151, è un parco nazionale dello Stato di Washington, negli Stati Uniti d’America.
Il parco prende il nome dal Monte Rainier, stratovulcano appartenente alla Catena delle Cascate ed ha una superficie di 956,6 chilometri quadrati.
Questo parco è stato istituito il 2 marzo 1899 ed è stato creato per preservare il Monte Rainier, un vulcano dormiente alto 4.392 metri e l’area circostante.
La vetta del Monte Rainier è stata scolpita dal ghiaccio, e intorno all’area sommitale rimangono circa due dozzine di ghiacciai con una serie di chiazze più piccole di ghiaccio e neve permanenti. Il più grande di questi è il ghiacciaio Emmons lungo la parete nord-est. Il clima del parco è fresco montano, con estati calde e inverni freddi; l’elevazione influisce notevolmente sulle temperature. La regione del parco riceve ogni anno grandi quantità di precipitazioni, soprattutto sul versante occidentale del Monte Rainier. Gran parte di questo cade come neve in inverno e ad altitudini più elevate; la neve può verificarsi in qualsiasi periodo dell’anno nella zona sommitale. Le nevicate totali sono alquanto notevoli tant’è che la stazione dei ranger nell’area del paradiso, sul versante meridionale, ha registrato alcuni dei totali annuali più alti del mondo, che occasionalmente superano i 24 metri.
Il parco, con la sua vicinanza alla vicina area urbana di Puget Sound, è una destinazione popolare per i visitatori. È una delle principali aree del paese per l’escursionismo e l’alpinismo. Oltre a un vasto sistema di sentieri escursionistici all’interno del parco, il Pacific Crest National Scenic Trail costeggia parti del confine orientale del parco. Ci sono diversi punti di accesso su strada asfaltata sui lati orientale e meridionale del parco. Tre centri visitatori, a est su Sunrise Ridge, a sud-est sul fiume Ohanapecosh e nell’area del paradiso, sono aperti durante i mesi più caldi, così come il Paradise Inn (costruito nel 1916), uno dei più rinomati lodge del parco nazionale degli Stati Uniti. La sede del parco si trova ad Ashford, appena a sud-ovest del parco.

Flora –
Quasi tre quinti del parco sono boscosi, con prevalenza di conifere. Le quote più basse hanno fitte foreste di abeti giganti di Douglas, cedri rossi occidentali (arborvitae giganti) e cicuta di montagna. Altri abeti e pini bianchi occidentali sono tra le specie ad altitudini più elevate fino a circa 1.830 metri. I prati subalpini appaiono a circa 1.370 metri e diventano più estesi con l’aumentare dell’altitudine mentre gli alberi si diradano, fino a lasciare il posto a prati alpini sopra il limite del bosco a circa 2.130 metri. Durante i mesi caldi i prati subalpini e alpini sono ricoperti di fiori di campo che sbocciano progressivamente più in alto sui pendii con il passare dell’estate.
Sebbene il parco sia famoso in tutto il mondo per i suoi elaborati fiori selvatici, la vegetazione del Parco Nazionale del Monte Rainier è notevolmente diversificata. Il clima e l’altitudine variano notevolmente nel parco, creando una vasta gamma di habitat che supportano un ampio numero di specie vegetali. Ci sono oltre 890 specie vascolari e più di 260 specie di piante e funghi non vascolari nel parco. Ci sono più di 100 specie di piante esotiche, specialmente lungo i corridoi di trasporto, vicino ai sentieri e nelle aree ripariali. Le principali zone della comunità vegetale nel parco includono:
– Zona della foresta;
– Zona subalpina;
– Zona alpina.
Zona della foresta:
– Circa il 58% del parco è coperto da foreste. Le foreste a bassa quota sono distribuite dal confine del parco da circa 500 a 800 metri di altitudine e sono dominate da cicuta occidentale, abete di Douglas e cedro rosso occidentale. Le foreste di media elevazione si estendono da circa 1200 a 1800 metri di elevazione a seconda dell’aspetto e contengono abete bianco del Pacifico, cedro giallo dell’Alaska, pino bianco occidentale e abete nobile. Al di sopra di 1400 metri, le foreste di alta quota sono caratterizzate da abeti subalpini, cicuta di montagna e cedro giallo dell’Alaska. Il pino bianco e l’abete rosso Englemann sono presenti nei siti più secchi sul lato est del parco. Le età delle foreste vanno dai boschi giovani (meno di 100 anni) a quelli vecchi di 1.000 o più anni. I giovani popolamenti possono essere trovati in aree di disturbo, come aree bonificate da incendi o colate detritiche, o bonifiche morene e altri terreni esposti lasciati da ghiacciai in ritirata.
Zona subalpina:
– Alle quote superiori delle foreste di alta quota, gli alberi diventano meno densi mentre la foresta si trasforma in un parco subalpino. Il parco subalpino copre circa il 23 per cento del parco; La vegetazione in questa zona è un mosaico di ciuffi di alberi e prati erbacei che si estendono dal limite del bosco al limite del bosco, o da circa 1500 a 2100 metri di altitudine. La copertura degli alberi e l’ubicazione delle comunità vegetali in questa zona sono limitate dalla profondità e dalla durata del manto nevoso.
– In questa zona troviamo anche i Prati subalpini. Si tratta di prati rigogliosi e riguarda parte del parco subalpino, circondano il Monte Rainier ad altitudini da circa 1500 a 2100 metri. I prati sono uno spettacolo preferito dai visitatori del parco, che affollano la montagna per vedere le elaborate esposizioni di fiori selvatici che fioriscono nei prati. I prati subalpini possono essere ammantati di neve fino al mese di giugno se non più tardi, spingendo i fiori selvatici a fiorire in modo aggressivo per sfruttare la breve stagione di crescita. La breve stagione influisce anche sul tipo di comunità vegetali presenti nei prati. La vegetazione dei prati subalpini è classificata in cinque ampi tipi di vegetazione (Henderson 1974):

– 1. Comunità di Heather / Bell-heather / Huckleberry (Phyllodoce / Cassiope / Vaccinium): aree di arbusti bassi e densi dominati da eriche e mirtilli sui lati sud e ovest del parco, come Paradise e Indian Henrys Hunting Ground. Huckleberry è la stessa specie del mirtillo e produce quelle bacche familiari e commestibili in autunno.
– 2. Valeriana Sitka / Comunità di carici vistosi (Valeriana sitchensis / Carex spectabilis): alti e densi popolamenti di fiori selvatici perenni che si trovano tutt’intorno alla montagna, in particolare nelle aree in cui il disturbo delle valanghe impedisce la crescita degli arbusti. Oltre alla valeriana di Sitka, numerose specie di fiori selvatici rientrano in questo tipo di vegetazione tra cui lupino, bistort americano, pasqueflower, pennello, margherita di montagna, levistico grigio, giglio del ghiacciaio e giglio delle valanghe.
– 3. Comunità dei carici neri alpini (Carex nigricans): densi tappeti di carice nero, solitamente presenti in aree con neve persistente di fine stagione e una stagione di crescita molto breve. Può contenere anche vistose carice e erba dei capelli di montagna, intervallate da specie di fiori selvatici come l’aster alpino, il salice alpino e la pernice.
– 4. Comunità erbacee basse: dominate da muschi, in aree di disturbo o terreno instabile. La vegetazione cresce a ciuffi, possibilmente con chiazze di terreno nudo visibili. Le specie trovate in questa comunità vegetale includono la sassifraga, il carice nero, la lenticchia d’acqua, la pernice, il grano saraceno alpino e le zampe di gallina.
– 5. Comunità di festuca verde (Festuca viridula): prati erbosi di festuca verde, nota anche come erba di montagna, fioriscono sul lato est più secco del parco, che riceve meno neve e piogge a causa dell’ombra della pioggia del Monte Rainier. Altre specie che caratterizzano le comunità di festuca verde sono il lupino, il cinquefoil a ventaglio e l’aster a cascata.
Zona alpina:
– La zona alpina si estende dal limite del bosco alla sommità della montagna. La neve e il ghiaccio permanenti coprono circa il 50 percento della zona. La vegetazione alpina copre il resto, suddiviso in quattro ampi tipi di vegetazione (Edwards 1980): campi coltivati, pendii di astragalo, letti di neve e comunità di erica. I pendii dell’astragalo e i letti innevati hanno piccoli gruppi di piante ben distanziati che sono spesso trascurati dai visitatori del parco e dagli osservatori casuali. Il tipo e l’ubicazione della vegetazione nella zona alpina sono controllati dalla durata della stagione di crescita, dalla pendenza e dall’aspetto (esposizione al sole). I pendii di Talus e le cime delle creste sono tra le prime aree prive di neve e quindi hanno la stagione di crescita più lunga. I letti innevati hanno la stagione di crescita più breve e potrebbero non essere privi di neve ogni anno. I campi coltivati e le comunità di eriche hanno una stagione di crescita intermedia. I campi caduti sono aree con dolci pendii ricoperti da piccole rocce e piccoli gruppi dispersi di piante come carici, penstemons e astri. I tipi di erica sono le più antiche comunità conosciute nel parco. Alcune comunità di erica persistono nel parco fino a 10.000 anni.
Disturbi su larga scala (incendi, venti ciclonici, insetti, valanghe, ecc.) possono rimuovere la foresta stabilita su centinaia di miglia quadrate, creando opportunità per la prosperità di altre comunità vegetali. La dimensione e la frequenza di questi disturbi varia notevolmente tra gli ecosistemi. Il fuoco, sebbene relativamente poco frequente nel parco, è un disturbo su larga scala che rimodella le comunità vegetali del parco. Valanghe e lahar (colate di fango) sono perturbazioni di piccola e media scala. Il disturbo può anche agire su piccola scala, con danni causati dal vento, malattie e insetti che causano piccole lacune e influenzano le dinamiche locali nel tempo. Le persone possono anche influenzare la vegetazione, soprattutto nei delicati prati subalpini. È molto importante rimanere sui sentieri per ridurre al minimo i disturbi non necessari. Fortunatamente, le persone possono anche offrirsi volontarie per aiutare a ripristinare questo danno collaborando con il programma di ripristino ecologico del parco.

Fauna –
La fauna selvatica del parco è abbondante e varia. Il cervo dalla coda nera, l’alce Roosevelt, gli orsi neri e le capre di montagna sono gli animali più grandi; procioni, scoiattoli e marmotte sono tra i piccoli mammiferi più comuni. Nel parco sono state osservate più di 220 specie di uccelli, ma molti di loro sono migranti o visitatori rari. Tra gli uccelli più comuni ci sono le ghiandaie grigie e di Steller, gli schiaccianoci di Clark, i picchi pelosi e una varietà di warblers.
La fauna annovera 63 specie di mammiferi, 16 di anfibi e 5 di rettili.
I coyote possono essere visti lungo Stevens Canyon Road e Box Canyon, così come vicino al “punto panoramico delle capre” sotto Longmire. Le volpi rosse sono visibili nelle aree picnic intorno a Paradise e Longmire. Sebbene siano chiamati “rossi”, spesso appaiono di colore grigio o nero.
I cervi sono spesso avvistati tutto l’anno in tutto il parco. Il cervo visto sul lato ovest del Monte. I più piovosi sono cervi dalla coda nera colombiani e quelli trovati sul lato est sono cervi mulo. Gli alci molto più grandi tendono ad essere più sfuggenti. Cercali sul lato est della montagna a settembre. Le capre di montagna preferiscono le alte creste e le scogliere e la migliore possibilità di avvistarle è fare escursioni a Summerland, Panhandle Gap o Indian Bar.
In estate, scoiattoli di terra, marmotte, scoiattoli, pulcini e pika sono comunemente avvistati nelle aree Paradise e Sunrise. Le annose marmotte, in particolare, sono residenti nei prati spesso visti dai sentieri naturalistici vicino al Paradiso.
Anche i puma, noti anche come puma o leoni di montagna, sono residenti nel parco. Sebbene potenzialmente pericoloso, non si sono verificati feriti umani nel parco a causa di un puma. Sono animali solitari e notturni. Se incontri un puma nel parco, fermati immediatamente e prendi i bambini piccoli. Non correre o accovacciarti. Mantieni il contatto visivo con il gatto, mantieni la calma e indietreggia lentamente. Se il puma diventa aggressivo, diventa più assertivo gridando ad alta voce, agitando le braccia e lanciando oggetti. Segnala eventuali avvistamenti di puma al ranger del parco il prima possibile. Clicca qui per ulteriori informazioni sui puma nel parco.
Sebbene improbabile, potresti incontrare un orso nero sul monte. Rainier. La maggior parte delle persone che vedono un orso in natura lo considerano il momento clou del loro viaggio. Gli orsi tendono ad evitare le persone. Nella maggior parte dei casi, se dai a un orso l’opportunità di fare la cosa giusta, lo farà. Se incontri un orso nel deserto, evitalo se puoi e dai all’orso ogni opportunità per evitarti. Se incontri un orso a distanza ravvicinata, mantieni la calma. È probabile che tu non sia in pericolo. Se mantieni la tua posizione e parli per assicurarti che sappia che sei una persona, l’orso se ne andrà presto. Si prega di segnalare tutti gli avvistamenti di orsi a un ranger del parco. Clicca qui per maggiori informazioni sugli orsi nel parco.

Guido Bissanti

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *