Come si propaga il Sorbo domestico

Come si propaga il Sorbo domestico

Il sorbo domestico (Sorbus domestica L.) è un albero da frutto appartenente alla famiglia delle Rosacee e del genere Sorbus. I frutti vengono chiamati comunemente sorbole. Di questa specie esistono due varietà: una con frutti piriformi, più allungati (simili a piccole pere), e l’altra con frutti maliformi, più rotondi (simili a piccole mele).
Inoltre le cultivar di sorbo domestico, oltre che per la forma, si distinguono tra loro in base all’epoca di maturazione, variabile da agosto ad ottobre.
Tra le varietà reperibili quelle di maggior pregio sono la “Sorba-pera maggiore settembrina” e la “Sorba-mela ottobrina”; quest’ultima è la migliore dal punto di vista qualitativo.
Per quanto riguarda la moltiplicazione il sorbo domestico si moltiplica per seme o per innesto; le piante ottenute da seme, oltre ad essere eterogenee, si sviluppano molto lentamente, entrando in produzione al 15° anno di vita.

Per anticipare la messa a frutto si consiglia di innestare sul biancospino o sul cotogno, quest’ultimo è comunque sensibile a calcare e siccità ed una produzione costante non si ottiene prima del 10° anno; per questo motivo il sorbo è poco diffuso sottoforma di impianti frutticoli specializzati, oltre alla grande dimensione dell’albero che ne rende difficile la raccolta.
Tuttavia la sua presenza in azienda o per uso personale fa di questa pianta un interessante soluzione, intanto perché aumenta la biodiversità delle specie presenti e poi perché la presenza di più specie incrementa il numero dei pronubi e quindi del processo di impollinazione e, quindi, della produzione di altri fruttiferi che si avvantaggiano dell’impollinazione entomofila.
Le forme di allevamento attuabili sul sorbo sono la piramide, il vaso e la forma libera, con sesti d’impianto compresi tra 4 X 3 m e 6 X 4 m, con un investimento di 400-800 piante/ha.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *