Andricus caputmedusae

Andricus caputmedusae

L’ Andricus caputmedusae (Andricus caputmedusae Hartig, 1843) è un piccolo imenottero appartenente alla famiglia dei Cynipidae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Animalia, Sottoregno Eumetazoa, Superphylum Protostomia, Phylum Arthropoda, Subphylum Tracheata, Superclasse Hexapoda, Classe Insecta, Sottoclasse Pterygota, Coorte Endopterygota, Superordine Oligoneoptera, Sezione Hymenopteroidea, Ordine Hymenoptera, Sottordine Apocrita, Superfamiglia Cynipoidea, Famiglia Cynipidae e quindi al Genere Andricus ed alla Specie A. caputmedusae.
Sono sinonimi i termini:
– Cynips caputmedusae.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’ Andricus caputmedusae è una specie presente in Europa, con distribuzione simile ad altri Cinipidi, dal Portogallo alla Macedonia, alla Grecia (isole comprese) ed altri Paesi Europei, dove vive su Quercus x haynaldiana, infectoria e subsp. veneris, lusitanica, mongolica, petraea, pubescens, pyrenaica, robur ed, occasionalmente, Quercus cerris, dalechampii, frainetto, hartwissiana.

Morfologia –
L’Andricus caputmedusae è un piccolo imenottero di pochi millimetri, con un corpo di colore ocra-bruno più o meno intenso e con striature orizzontali individuabili a livello dell’addome.
Le ali sono trasparenti e con venature percepibili.
Zampe e antenne sono lunghe ed il dimorfismo sessuale tra maschio e femmina è legato soprattutto per la presenza dell’ovopositore nelle femmine.
Di questo insetto, di 3 – 4 mm di lunghezza, non si conosce la generazione sessuata; forse la specie è completamente partenogenetica.

Attitudine e Ciclo biologico –
La femmina dell’Andricus caputmedusae depone le uova nei tessuti delle piante ospiti dove genera le galle in cui vivono e si nutrono le larve.
Le larve conducono vita endofitica e si sviluppano all’interno delle caratteristiche galle; queste rappresentano l’elemento distintivo più macroscopico ed evidente, spesso tipico della specie.
Le galle sono caratteristiche e presenti nella parte terminale dei rametti o nel loro punto di inserzione su un altro ramo. Le galle sono costituite inizialmente da una formazione ovoidale-discoidale di colore rugginoso, con diametro di circa 40 mm; sulla superficie delle galle vengono prodotti tanti filamenti, intensamente ramificati, di colore ocra-verdastro che si attorcigliano tra loro ed intorno al disco centrale, divenendo poi secchi e di consistenza cuoiosa e coriacea. Alla fine la galla assume un aspetto muscoso “a riccio”, con diametro fino a 4-6 cm, che le rende inconfondibili.

Ruolo Ecologico –
Le galle prodotte dall’Andricus caputmedusae, come per quelle prodotte da altri Cinipidi sono luogo di vita, nutrizione e crescita di altri piccoli insetti o mammiferi.
Non viene eseguito nessun intervento di lotta sia per la loro bassa pericolosità, sia per le difficoltà tecniche di esecuzione degli interventi, considerata la tipologia delle piante ospiti.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Russo G., 1976. Entomologia Agraria. Parte Speciale. Liguori Editore, Napoli.
– Tremblay E., 1997. Entomologia applicata. Liguori Editore, Napoli.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *