Come potare il Bergamotto

Come potare il Bergamotto

Il bergamotto (Citrus × bergamia, Risso & Poit.) è un agrume del genere Citrus, coltivato in Italia, soprattutto nella provincia di Reggio Calabria che, da sola, detiene l’80% della produzione mondiale.
In questa scheda vedremo alcuni aspetti legati a questa pianta e soprattutto come potare il Bergamotto.
Il bergamotto è una pianta che viene coltivata su un portainnesto di arancio amaro di un anno. Il bergamotto ha una vita produttiva che è mediamente di 25 anni, con inizio verso i tre anni e massimo della produttività a 8 anni.
Per ottenere delle buone produzioni, la pianta di bergamotto va potata abbastanza bassa per consentire che il frutto cresca in basso al riparo dal forte sole estivo e dal forte vento.
Per l’impalcatura e la forma di allevamento della pianta si tenga conto che questa va coltivata con sesti di 4 x 4 m (o 5 x 4 m) e che è spesso necessario riparare l’impianto di bergamotti con dei filari di pini di elevata altezza e fitti, per riparare la coltivazione da eventuali venti che sono mal tollerati dal bergamotto.
La forma di allevamento comunemente adottata è il globo a chioma piena e la tecnica di potatura va effettuata per ridurre il fenomeno dell’alternanza al quale questo agrume va soggetto.
Per ottenere tale forma si parte da una pianta già impalcata a circa 50-80 cm dal terreno e presentante 3-4 branche (quindi con angolature di 120° o 90°). Tali branche devono essere inclinate di 60° rispetto alla verticale, essere in posizione simmetrica ed i loro punti di inserzione devono essere distanti circa 10-15 cm uno dall’altro; eventuali rami in eccedenza saranno eliminati. In ogni caso gli interventi cesori devono essere limitati al minimo indispensabile.

Oltre a questo criterio è importante ridurre la produzione di rametti giovani per arieggiare la chioma della pianta e fare in modo che i rametti fruttiferi siano distanziati correttamente. Nell’effettuare la potatura, come detto, bisogna abbassare i rami alti della pianta facendo in modo che la maggioranza della fruttificazione sia situata nelle parti più basse della chioma; in generale diciamo da altezza degli occhi in giù.
Anche se la forma di potatura scelta è quella a globo nel bergamotto, più che in altri agrumi, è importante poter ricevere molta luminosità all’interno della pianta (anche per motivi fitosanitari) per cui bisogna eliminare rami che si intrecciano ed eccessiva vegetazione interna.
Inoltre la potatura non andrebbe mai eseguita in febbraio e marzo, quando si ha l’accumulo delle sostanze di riserva e vanno ugualmente evitati i periodi in cui le temperature sono molto basse o molto alte. Si raccomanda ancora di non esagerare con le potature, limitandosi solo ad alleggerire la chioma eliminando i rami secchi, rotti o debilitati.
I succhioni, cioè i lunghi rami privi di frutti, vanno eliminati quando provengono dalla parte basale delle branche più grosse, mentre per quelli situati nelle zone più periferiche della chioma ci si può limitare alla spuntatura.
Inoltre, nel bergamotto, si consiglia di potare allo stesso modo ogni anno, per diminuire, come accennato, all’alternanza di produzione presente in questa specie.
Un dettaglio, infine, sulle varietà più coltivate di bergamotto; queste sono:

– La “Fantastico” che da sola detiene il 75% della produzione ed è spesso preferita alle altre due perché ha abbondante fruttificazione ricca di oli essenziali; L’albero ha un buon sviluppo, foglie grandi, i suoi frutti hanno una forma globosa e si raccolgono a fine novembre inizio di dicembre.
– La varietà “Femminello” che ha uno sviluppo ridotto, è di rapido accrescimento produttiva ma esigente e poco longeva; i suoi frutti si raccolgono nel mese di ottobre.
– La cultivar “Castagnaro” che è una pianta vigorosa e longeva resistente al vento ma presenta il fenomeno dell’alternanza della produzione in misura più accentuata di quello delle altre varietà. Questa cutivar ha foglie grandi e lanceolate ed il suo frutto ha una forma globosa e medio è il contenuto del suo olio essenziale. Il frutto di questa varietà matura e viene raccolto nel mese di novembre.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *