Mappa geografica della Guyana

Mappa geografica della Guyana

La Guyana, ufficialmente Repubblica Cooperativa di Guyana, è una repubblica situata in America meridionale, con superficie di 214 970 km² ed una popolazione di 737.718 abitanti (al 2017).
La capitale della Guyana è Georgetown, con una popolazione di 239.227 abitanti (al 2009).

Geografia –
La Guyana è un paese prevalentemente pianeggiante con montagne ad ovest ed a sud, che fanno da confine rispettivamente con il Venezuela ed il Brasile.
Il territorio comprende quattro zone geografiche principali: la pianura costiera, la fascia di sabbia bianca e gli altopiani interni.
La pianura costiera, che occupa circa il 5% della superficie del paese, ospita oltre il 90% dei suoi abitanti. La pianura varia da cinque a sei chilometri di larghezza e si estende dal fiume Corentyne a est fino al confine venezuelano a nord-ovest.
La pianura costiera è costituita in gran parte da fango alluvionale portato in mare dal Rio delle Amazzoni, portato a nord dalle correnti oceaniche e depositato sulle coste della Guyana. Argilla ricca di grande fertilità, questo fango ricopre le sabbie bianche e le argille formate dall’erosione del substrato roccioso interno e trasportate verso il mare dai fiumi della Guyana. Poiché gran parte della pianura costiera si allaga durante l’alta marea, gli sforzi per arginare e drenare quest’area sono andati avanti dal 18° secolo. Una recente analisi globale di telerilevamento ha suggerito che c’erano 1.178 km² di piane di marea in Guyana, rendendolo il 30° paese classificato in termini di superficie pianeggiante di marea.
La Guyana non ha un litorale ben definito o spiagge sabbiose. Avvicinandosi all’oceano, la terra perde gradualmente quota fino a comprendere molte aree di palude. Sul litorale, rispetto alla linea della vegetazione c’è una regione di distese fangose, acque marroni poco profonde e banchi di sabbia. Al largo di Nuova Amsterdam, queste distese di fango si estendono per quasi 25 chilometri. I banchi di sabbia e le acque poco profonde sono un grave ostacolo alla navigazione e le navi in arrivo devono scaricare parzialmente i loro carichi al largo per raggiungere i moli di Georgetown e Nuova Amsterdam.
Una linea di paludi forma una barriera tra le colline di sabbia bianca dell’interno e la pianura costiera. Queste paludi, formate quando l’acqua è stata impedita da una serie di dighe di defluire sui terreni coltivati costieri, fungono da serbatoi durante i periodi di siccità.
La fascia di sabbia bianca si trova a sud della zona costiera. Questa zona è larga da 150 a 250 chilometri ed è costituita da basse colline sabbiose intervallate da affioramenti rocciosi. Le sabbie bianche sostengono una fitta foresta di latifoglie. Queste sabbie non possono sostenere le colture e, se gli alberi vengono rimossi, l’erosione è rapida e grave. La maggior parte delle riserve di bauxite, oro e diamanti della Guyana si trovano in questa regione.
La più grande delle tre regioni geografiche della Guyana è l’altopiano interno; una serie di altipiani, montagne piatte e savane che si estendono dalla cintura di sabbia bianca ai confini meridionali del paese. I Monti Pacaraima dominano la parte occidentale degli altopiani interni. In questa regione si trovano alcune delle rocce sedimentarie più antiche dell’emisfero occidentale. Il monte Roraima, al confine con il Venezuela, fa parte della catena del Pakaraima e, con i suoi 2.762 metri, è la vetta più alta della Guyana. Più a sud si trova l’altopiano di Kaieteur, un’ampia area rocciosa di circa 600 metri di altitudine; le montagne Kanuku alte 1.000 metri; e le basse montagne di Acarai situate al confine meridionale con il Brasile.
Gran parte degli altopiani interni sono costituiti da prati. La più grande distesa di prati, la Rupununi Savannah, copre circa 15.000 chilometri quadrati nella Guyana meridionale. Questa savana si estende anche in Venezuela e Brasile. La parte della Guyana è divisa in regioni settentrionali e meridionali dalle montagne Kanuku. Le rade erbe della savana in generale supportano solo il pascolo, sebbene i gruppi amerindi coltivino alcune aree lungo il fiume Rupununi e ai piedi dei monti Kanuku.
In questo paese i fiumi principali sono l’Essequibo e il Cuyuni.

Clima –
In Guyana Francese, paese posto poco a nord dell’Equatore, il clima è tropicale, caldo e umido tutto l’anno, con una stagione relativamente secca e leggermente più calda da luglio a novembre, e una stagione piovosa da dicembre a giugno.
Le temperature sono elevate tutto l’anno, con minime sempre superiori ai 20 gradi, e massime che a Cayenne vanno dai 29/30 gradi da gennaio a maggio ai 32,5 °C di settembre e ottobre, che sono i mesi più caldi, perché sono i più secchi e soleggiati. Però in questo periodo l’umidità è un po’ meno elevata, attestandosi intorno al 65% nelle ore più calde, mentre nel resto dell’anno supera il 70%. Nelle giornate più calde è comunque possibile che la temperatura punti verso i 34/35 °C sulla costa e i 37/38 °C nelle zone interne, da maggio a novembre.
Le precipitazioni in Guyana Francese sono decisamente abbondanti, dato che superano i 2.500 millimetri l’anno, ma spesso anche i 3.000 mm. All’interno della stagione piovosa (che come abbiamo detto va da dicembre a giugno), si distinguono tre periodi:
– la prima stagione piovosa, a dicembre e gennaio, dovuto al fatto che la zona di convergenza intertropicale (ZCIT) passa sul Paese, da nord verso sud; gli alisei di nord-est soffiano con intensità moderata sulla costa, e il mare può essere agitato;
– la piccola stagione secca, detta “la breve estate di marzo”, che si può verificare anche in febbraio, dovuta al fatto che la ZCIT è ormai a sud del Paese, e quindi il tempo tende ad essere soleggiato, ma che per la sua brevità (una o due settimane) non da molto affidamento, ed è comunque più evidente nel nord-ovest (v. St. Laurent du Maroni) che nel sud; in questo periodo il vento può addirittura portare la polvere dal deserto del Sahara;
– la lunga stagione delle piogge, da aprile a giugno, con il culmine a maggio, quando la ZCIT passa di nuovo, questa volta da sud, portando con sé una gran quantità di calore e umidità della foresta amazzonica. Il vento è più debole e l’umidità rende il caldo soffocante. Le piogge più abbondanti, e spesso torrenziali, si verificano lungo la parte centrale e orientale della costa (v. Cayenne, Saint-Georges-de-l’Oyapock), dove creano spesso allagamenti. A maggio e giugno cadono più di 300 millimetri al mese a St. Laurent du Maroni, ma anche più di 500 mm in un solo mese (maggio) a Cayenne e Saint-Georges-de-l’Oyapock, nell’est. In questo periodo piove quasi tutti i giorni.
Durante la stagione secca, da luglio a novembre, la ZCIT si trova a nord, ma non di molto, e comunque si possono formare dei rovesci temporaleschi nelle zone interne, che poi possono dirigersi verso la costa. A settembre e ottobre, i mesi meno piovosi, le precipitazioni si attestano intorno ai 55/60 millimetri al mese a Cayenne, un po’ di più a Maripasoula, nell’ovest, dove arrivano a 70/80 mm, e ancor di più a St. Laurent du Maroni, nell’estremo nord-ovest, dove arrivano a circa 100 mm, ma è comunque meno che negli altri mesi.
L’umidità di questo paese è elevata tutto l’anno, rendendo il caldo fastidioso, soprattutto nelle zone interne, mentre sulle coste almeno soffia la brezza. Il periodo più umido è quello delle grandi piogge, da aprile a giugno, mentre quello relativamente più secco è quello meno piovoso, ma anche più caldo, da agosto a ottobre.
Il soleggiamento non è buono nella stagione delle piogge, da dicembre a giugno, quando si registrano circa 3/5 ore di sole al giorno, mentre diventa buono da luglio a novembre, quando è intorno a 7/8 ore.

Flora-
La Guyana è un paese che, dal punto di vista ambientale, ha protetto solo lo 0,05% del territorio. Sono state inoltre identificate altre 14 aree di interesse biologico per creare ulteriori territori protetti, identificati con il progetto National System Area. A differenza di altre zone del Sud America, oltre il 70% dell’habitat naturale del Paese è intatto. La ricca storia naturale della Guyana britannica venne descritta da primi esploratori, Sir Walter Raleigh e Charles Waterton e poi dai naturalisti Sir David Attenborough e Gerald Durrell.
Nel febbraio 2004, il governo della Guyana ha concesso la proprietà di più di 4 047 km² di terre situate nel distretto di Konashen alla comunità Konashen, gestita dal popolo Wai Wai. Questa concessione è la più grande area protetta di proprietà di una comunità del mondo. Questo importante evento è avvenuto in seguito a una richiesta da parte della comunità di Wai Wai sia al governo della Guyana sia al Conservation International Guyana (CIG) per l’assistenza nello sviluppo di un piano sostenibile. Le tre parti hanno firmato un memorandum di cooperazione, che delinea un piano di sviluppo per l’uso sostenibile delle risorse biologiche del Konashen COCA, identifica le minacce alla biodiversità della zona, e aiuta lo sviluppo di progetti per aumentare la consapevolezza, per generare il reddito necessario per mantenere la zona in stato protetto.
Il Konashen COCA è un territorio relativamente unico, in quanto accoglie un alto livello di diversità biologica, una ricchezza quasi incontaminata, luoghi che sulla Terra sono ormai diventati rari. Questo ha dato origine a una serie di industrie ecosostenibili, come l’ecoturismo, capitalizzando con successo la ricchezza biologica del Konashen COCA minimizzando l’impatto sull’ambiente.
Più dell’80% della Guyana è ancora coperto da foreste. È la sede naturale di più di mille specie di alberi. Il clima tropicale della Guyana, la geologia unica, e gli ecosistemi relativamente incontaminati, accolgono estese aree ricche di specie e di foresta pluviale, e degli habitat naturali con alti livelli di endemismo. Circa ottomila specie di piante si presentano in Guyana, la metà delle quali non si trovano in nessun altro luogo.
Il sud della Guyana ospita alcune delle più incontaminate distese di foreste sempreverdi nella parte settentrionale del Sud America. La maggior parte delle foreste è dotata di alberi mediamente più alti, di sempreverdi in collina-terra e foreste montane inferiori, con grandi distese di foresta allagata, lungo i principali fiumi. Grazie alla bassissima densità di popolazione umana della zona, la maggior parte di queste foreste è ancora intatta. La Smithsonian Institution ha identificato circa 2 700 specie di piante provenienti da questa regione, che rappresenta 239 famiglie distinte, e ci sono certamente altre specie ancora da registrare. Tale diversità incredibile di piante supporta una ancor più impressionante diversità di vita animale, recentemente documentata da un’indagine biologica organizzata da Conservation International.

Fauna –
La Guyana ha uno dei più alti livelli di biodiversità al mondo: con 1 168 specie di vertebrati, 1 600 specie di uccelli, vanta un insieme di fauna tra le più ricche di mammiferi, rispetto a qualsiasi area di dimensioni comparabili nel mondo.
Le acque pulite e incontaminate dello spartiacque Essequibo supportano una notevole diversità di pesci e invertebrati acquatici, e ospitano lontre giganti di fiume, capibara, e diverse specie di caimani. Sulla terra, i grandi mammiferi, come giaguari, tapiri, cani selvatici, formichieri giganti, scimmie e sakè sono ancora comuni. Oltre 400 specie di uccelli sono state segnalate nella regione, e la fauna di rettili e anfibi è altrettanto ricca. Le foreste Konashen COCA sono anche habitat di innumerevoli specie di insetti, aracnidi e altri invertebrati, molti dei quali sono ancora da scoprire e senza nome.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.