Parco nazionale dei Voyageurs

Parco nazionale dei Voyageurs

Il Parco nazionale dei Voyageurs, il cui Codice WDPA è: 988 è un parco nazionale situato nel Minnesota, negli Stati Uniti d’America.
Questo parco ha una superficie a terra di 882 km² ed è stato istituito nel 1975.
Come per gli altri parchi degli Stati Uniti è gestito dal National Park Service.
Il nome del parco commemora i voyageurs, commercianti di pellicce franco-canadesi che furono i primi coloni europei a viaggiare frequentemente attraverso l’area.
Il Parco nazionale dei Voyageurs è noto per le sue eccezionali risorse idriche ed è frequentato da canoisti, canoisti, altri diportisti e pescatori. La penisola di Kabetogama, che si trova interamente all’interno del parco e costituisce la maggior parte del suo territorio, è accessibile solo in barca. A est del parco si trova la Boundary Waters Canoe Area Wilderness.
Il parco ha diverse rampe per barche e centri visitatori alla sua periferia, sebbene il corpo principale del parco sia accessibile solo in barca o, in inverno, in motoslitta, sci o racchette da neve.

Geografia –
L’area in cui sorge il Parco nazionale dei Voyageurs è caratterizzata dalla presenza di grandi laghi che contribuiscono a conferire a questa zona delle particolari caratteristiche geografiche ed ecologiche.
Il Parco nazionale dei Voyageurs comprende tutti o parte di quattro grandi laghi, e cioé:
– Rainy Lake – 97 km di lunghezza, 1.495 km di costa;
– Lago Kabetogama – 24 km di lunghezza, 126 km di costa;
– Lago Namakan – 26 km di lunghezza, 235 km di costa;
– Sand Point Lake – 13 km di lunghezza, 148 km di costa.
Di questi, i laghi Namakan, Rainy e Sand Point si trovano a cavallo del confine tra Stati Uniti e Canada. Il lago Namakan e il lago Sand Point sono accessibili solo in barca tranne in inverno. Il confine meridionale del parco è la sponda settentrionale del lago Crane. Il parco ha molti laghi più piccoli, specialmente sulla penisola di Kabetogama. I più popolari di questi sono sul sentiero dei laghi Locator.

Geologia –
Il Parco Nazionale dei Voyageurs si trova nella zona tettonica dello scudo canadese, con rocce di età compresa tra 1 e 3 miliardi di anni. Queste sono alcune delle rocce più antiche del continente nordamericano. Queste si sono formate durante le prime ere della formazione della terra, le rocce del parco furono compresse e piegate sotto una tremenda pressione. Quindi flussi di lava fusa si sono insinuati attraverso gli strati creando un mosaico di vari gneiss e graniti. Nel corso del tempo, sulla sommità si sono sviluppati ulteriori strati di rocce sedimentarie, che sono state strappate via dai ghiacciai continentali dell’epoca glaciale del Wisconsin e delle precedenti.
La maggior parte delle rocce del parco appartengono alla Sottoprovincia Archeon Quetico, della provincia Fisiografica Superiore, associata all’Orogenesi Kenorana. Questi sono costituiti da scisti e gneiss nella parte occidentale e centrale del parco e rocce granitiche del Complesso granitico Vermillion (da 2,69 a 2,64 Ga) a est e sud-est. Lo sciame di dighe Kabetogama-Kenora (da 2,2 a 2,1 Ga) segue un sistema di faglie del Precambriano con andamento nordoccidentale. L’angolo nord-ovest del parco contiene rocce metamorfosate della sottoprovincia di Wabigoon, che formano una cintura di pietre verdi che tende a nord-est. Una faglia laterale separa le due sottoprovincie, denominata zona di faglia Rainy Lake-Seine River. È questa zona nord-ovest del parco, sulla penisola di Kabetogama, che ha visto una corsa all’oro dal 1893 al 1898. La Little American Mine, a Little American Island, è una delle 13 miniere abbandonate all’interno dei confini del parco.
All’interno del Parco nazionale dei Voyageurs si trovano morene terminali mentre la parte settentrionale contiene bacini lacustri dilavati dai ghiacciai, ma gli accumuli di eruzioni glaciali e glaciali fino a meno di 100 piedi sono la norma. I depositi del lago Agassiz sono evidenti all’interno del parco, mentre le striature glaciali e gli erratici glaciali sono comuni.

Flora –
Particolare e la vegetazione del Parco nazionale dei Voyageurs.
Secondo i tipi di vegetazione naturale potenziale degli Stati Uniti di A. W. Kuchler, il Parco nazionale dei Voyageurs ha due classificazioni; un tipo di vegetazione Abete/Abete dei Grandi Laghi (93) con una forma di vegetazione Foresta di conifere settentrionale (22) e un tipo di vegetazione Pino dei Grandi Laghi (95) con una forma di vegetazione Foresta di conifere settentrionale (22).
Il Parco Nazionale dei Voyageurs si trova in un’area di transizione tra la foresta boreale meridionale a nord e la foresta decidua temperata a sud e ad est. È composto da una varietà di sistemi ecologici, tra cui foreste di conifere, foreste di latifoglie, paludi, affioramenti rocciosi e ambienti lacustri. Il parco ospita oltre 50 specie di alberi e arbusti, oltre 40 specie di felci e muschi, oltre 200 specie di erba, carice e giunco e oltre 400 specie di fiori selvatici.
Storicamente, fuoco e vento sono stati le principali influenze sugli ecosistemi del parco. Oggi, il disboscamento del passato, i castori, le piante esotiche e il cambiamento climatico influenzano questi ecosistemi. Per aumentare la consapevolezza su alcuni di questi problemi e promuovere i benefici delle piante autoctone, il parco ha creato un giardino etnobotanico sul terreno del Rainy Lake Visitor Center. Inoltre, il parco sta coltivando un vivaio di piante autoctone per aiutare con gli sforzi di rivegetazione nelle aree disturbate.
Percorrendo le acque di Voyageurs, si possono godere, inoltre, degli stessi panorami di cui hanno assistito i viaggiatori franco-canadesi: maestosi pini bianchi e rossi intervallati da abeti rossi, abeti, pioppo tremulo, betulla, pino domestico e acero rosso. Sbarcando su una costa rocciosa, si possono trovare gli stessi deliziosi mirtilli, lamponi, fragole e nocciole che sostenevano i viaggiatori nei loro viaggi, nonché l’uva ursina che fumavano nelle loro pipe e la corteccia di betulla che usavano per rattoppare le loro canoe. Le piante legnose, molto alte, continuano a prosperare nel parco come hanno fatto per migliaia di anni.
Tra i fiori selvatici si ricordano le prime violette in primavera, agli ultimi astri in autunno, le foreste e le zone umide di Voyageurs si animano di colori. Nel corso della stagione, si può osservare i colori cambiare mentre sbocciano oltre 400 fiori di campo.
Molte delle piante trovate nel parco sono state utilizzate dalle persone per secoli. Alcune di queste piante sono importanti fonti di cibo, mentre altre sono state utilizzate come riparo e vestiario
Nel Parco nazionale dei Voyageurs le foreste e le zone umide sono sane, ma sono anche minacciate. Una delle minacce più significative sono le piante esotiche. Queste sono piante che non sono originarie della regione. Alcuni di questi animali esotici sono relativamente innocui, mentre altri hanno il potenziale per occupare vaste aree di habitat, spostando le piante autoctone e gli animali che dipendono da loro. Il personale lavora diligentemente per impedire a questi invasori di stabilirsi nel parco e per rimuoverli quando vengono trovati.
All’interno del Parco nazionale dei Voyageurs si possono trovare molte specie difunghi. Si ricorda che la raccolta di funghi è vietata all’interno del confine del parco.

Fauna –
Questo parco nazionale ospita lupi dei boschi, orsi neri, alci, un’abbondanza di cervi dalla coda bianca e mammiferi più piccoli come volpi, castori, lontre di fiume, topi muschiati, lepri con le racchette da neve e donnole che possono essere visti attraversare congelati superficie del lago durante l’inverno. Aquila calva, loon, cormorano a doppia cresta, gufo e warblers sono uccelli comuni trovati.
La foresta boreale porta con sé non solo una varietà di specie di alberi e piante, ma anche una quantità unica di fauna selvatica. Il parco ospita più di 100 specie di uccelli, tra cui aquile e svassi, e più di 50 specie di mammiferi, tra cui alci, castori e lupi.
Inoltre come parco acquatico, il Parco nazionale dei Voyageurs supporta molti tipi di zone umide, come torbiere di sfagno, paludi boscose e paludi. Questa vasta gamma di habitat acquatici è l’ideale perché tutti gli anfibi fanno affidamento sull’acqua ad un certo punto durante la loro vita.
Sono inoltre presenti molte specie di uccelli tra cui il Cormorano a doppia cresta. Questo uccello, con il suo corpo tutto nero, può essere trovato a prendere il sole su una roccia per asciugarsi, o si nutre di pesci nelle baie poco profonde.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *