Parco nazionale di Mammoth Cave

Parco nazionale di Mammoth Cave

Il Parco nazionale di Mammoth Cave, il cui Codice WDPA è: 371415 è un’area naturale protetta del Kentucky che racchiude al suo interno le Mammoth Cave, il più lungo sistema di grotte del mondo. A volte il sistema viene chiamato Flint-Mammoth-Toohey-Eudora-Joppa-Jim Lee Ridge Cave System, dal nome delle colline sotto cui si trova.
Quest’area è stata dichiarata parco nazionale il 1º luglio 1941. Divenne patrimonio dell’umanità il 27 ottobre 1981, e riserva della biosfera il 26 settembre 1990. I 214 km² del parco si trovano nella contea di Edmonson, in Kentucky, con piccole zone che si estendono ad est nella contea di Hart e in quella di Barren. È centrato attorno al Green River ed al suo affluente Nolin River, che si congiunge al Green River all’interno del parco. Il Green River ha una diga sul confine occidentale del parco, ed il fiume scorre libero solo in una piccola parte della metà orientale del parco.

Storia –
Prima che Mammoth Cave fosse una popolare destinazione di viaggio, o addirittura un parco nazionale, i proprietari della grotta gestivano un’attività mineraria redditizia all’interno dei passaggi sotterranei. Tuttavia, non erano metalli preziosi o gemme che venivano estratti da Mammoth Cave, ma piuttosto un minerali necessari agli Stati Uniti durante la guerra del 1812.
Fu il dottor John Croghan di Louisville, Kentucky, a riconoscere alcune qualità dell’aria a Mammoth Cave. Credeva che la temperatura e l’umidità uniformi sarebbero state terapeutiche per i pazienti affetti da tubercolosi e nel 1842 invitò 16 pazienti a stabilirsi nella grotta. Così sviluppò una struttura di trattamento ospedaliero sperimentale all’interno della grotta, più o meno nello stesso periodo in cui il turismo si stava espandendo.

Geologia –
Mentre la geologia ci mostra spesso meraviglie sulla superficie terrestre, questa sarebbe incompleta senza pensare al mondo sotto di noi, dove i letti rocciosi si sono formati per oltre centinaia di milioni di anni. Le grotte come Mammoth Cave ci permettono di esplorare questo mondo antico permettendoci di camminare attraverso gli strati rocciosi e vedere da vicino la formazione della terra.
I ricercatori hanno datato i letti rocciosi di Mammoth Cave al periodo Mississippiano.
I letti rocciosi si sono formati circa 320-360 milioni di anni fa. Tuttavia, i passaggi di Mammoth Cave non hanno iniziato a formarsi fino a circa 10-15 milioni di anni fa, quando torrenti e fiumi che scorrevano sulla superficie hanno permesso all’acqua di affondare ed entrare nei letti rocciosi attraverso piccole fessure.
I passaggi più alti si sono formati fino a circa 2 milioni di anni fa, quando la ricerca ipotizza che l’attività dell’era glaciale abbia alterato la quantità di acqua che scorreva nella grotta e che i flussi rimanenti della grotta scendessero ai livelli inferiori della stessa.
Attualmente ci sono cinque distinti “livelli” di passaggi all’interno di Mammoth Cave. Questi consistono in quattro livelli fossili e il livello del fiume moderno, che è il livello più basso situato a oltre 90 metri sotto la superficie.
La grotta si sta ancora formando oggi mentre l’acqua si muove verso il basso attraverso questi passaggi grandi e piccoli per raggiungere la falda freatica, ei fiumi sotterranei continuano a scorrere fuori dalla grotta e nel Green River.

Flora –
Il Parco nazionale di Mammoth Cave ospita un’ampia varietà di piante e animali che vanno dalle rare specie esotiche delle caverne alle più comuni creature dei boschi che si trovano negli ambienti della foresta decidua orientale. Gli scienziati hanno scoperto più di 130 specie nella grotta stessa, oltre a quasi 1.000 specie di piante da fiore in superficie, centinaia di specie animali, più di 80 tipi di pesci e oltre 50 tipi di cozze d’acqua dolce. Mammoth Cave ospita oltre 70 specie in via di estinzione, minacciate o elencate dallo stato.
La vegetazione del Parco nazionale di Mammoth Cave è caratterizzata principalmente da foreste di seconda crescita di varie annate e piccole aree di vecchia crescita. Circa il 45% del terreno del parco è stato utilizzato per scopi agricoli prima dell’istituzione del parco. Queste aree sono in gran parte dominate dal cedro rosso orientale e dal pino della Virginia, mescolati con alberi decidui lungo i margini esterni. I siti montuosi più maturi sono generalmente foreste di querce hickory, e nelle cavità umide domina la foresta di faggio, acero e pioppo.
Lungo i fiumi Green e Nolin si trovano il sicomoro, il pioppo argentato, l’acero di fiume e il sambuco. Comunità speciali di distribuzione limitata includono paludi montuose con querce, alberi della gomma e acero rosso; profonde cavità di arenaria con cicuta e magnolia a ombrello; radure di quercia di cedro calcareo secco; al margine della scogliera troviamo il pino della Virginia su terre arenarie.
Il Kentucky una volta aveva una vasta area di praterie della savana nota come “Barrens”. Questo era, in parte, un ecosistema progettato dall’uomo mantenuto attraverso un incendio intenzionale da parte degli indiani d’America prima del contatto europeo nel tentativo di attirare cervi e bufali. Sebbene in gran parte eliminati dalla regione a causa della pratica agricola e della soppressione degli incendi, esistono ancora piccoli resti di erbe autoctone e sono costituiti da varietà di Indian Grass, Big Bluestem, Little Bluestem e altri geneticamente distinti dai loro cugini.

Fauna –
Alla superficie del Parco nazionale di Mammoth Cave troviamo animali tipici di una foresta di latifoglie orientali. I mammiferi più grandi comprendono il cervo dalla coda bianca, volpe, procione, opossum, marmotta, castoro, coniglio e scoiattolo. Abbondano anche i mammiferi più piccoli, come pipistrelli, topi e scoiattoli. Anche molti rettili e anfibi trovano protezione nel parco. Anche le teste di rame e i serpenti a sonagli sono comuni. Uccelli come colombe in lutto, whippoorwill, gufi, falchi, picchi e warblers volano attraverso le foreste di Mammoth Cave. I tacchini selvatici, reintrodotti nel 1983, sono ora visti regolarmente dai visitatori.
Il Green River, che si snoda attraverso il parco, supporta un’insolita diversità di pesci e tre specie di pesci delle caverne. Il fiume supporta un’ampia varietà di molluschi, come i mitili d’acqua dolce, che sopravvivono nella sabbia e nella ghiaia. Oltre 50 specie di cozze, di cui sette nell’elenco delle specie in via di estinzione, vivono nel parco. Gli animali acquatici nel fiume svolgono un ruolo importante nel fornire nutrimento ad altri animali: nella grotta, nel fiume e sulla terraferma.
All’interno delle grotte troviamo più di 130 specie. Queste sono divise quasi equamente tra tre classi di abitanti delle caverne obbligati (troglobi), specie facoltative che possono completare il loro ciclo di vita dentro o fuori le grotte (troglofili) e quelle che usano le grotte come rifugio (troglosseni). A causa della storia unica della regione, dell’enorme varietà di condizioni abiotiche e della presenza di specie di troglosseni chiave, il carso centro-meridionale del Kentucky ospita specie di grotte e comunità di grotte biotiche che sono tra le più diverse al mondo.
Sebbene il Parco nazionale di Mammoth Cave non sia attualmente utilizzata da un gran numero di pipistrelli, 12 specie, comprese due in via di estinzione, vivono nelle grotte. Consumando un numero enorme di insetti, i pipistrelli funzionano come un “insetticida naturale”, controllando i parassiti delle colture e gli insetti che possono diffondere malattie. I piccoli pipistrelli marroni, una delle specie più comuni in Mammoth Cave, possono mangiare circa 600 zanzare in un’ora. Inoltre, molte piante coltivate di cui ci nutriamo, inclusi avocado, datteri, pesche, banane e anacardi, dipendono dai pipistrelli per l’impollinazione.
Tuttavia quando si visita il Parco nazionale di Mammoth Cave è molto più probabile vedere grilli che pipistrelli. Anche i grilli, in realtà una specie di cavalletta, sono troglosseni. Trascorrono gran parte della loro vita nella grotta ma dipendono dalle incursioni notturne in superficie per raccogliere cibo. Poiché Mammoth Cave ha una popolazione di pipistrelli in declino, i grilli sono estremamente importanti per fornire energia, sotto forma di escrementi, uova e carcasse, ad altri animali nella grotta.
I troglobi, il gruppo di animali delle caverne più adattati alla vita nelle caverne, non possono sopravvivere al di fuori delle caverne. Molti, tra cui pesci senza occhi e gamberi, dimostrano gli adattamenti creativi al loro ambiente. Senza bisogno di mimetizzarsi o proteggersi dal sole, molti di questi animali hanno perso la pigmentazione e sono bianchi. Alcuni non hanno occhi. La maggior parte ha sviluppato altri organi sensoriali altamente sensibili per rilevare predatori e prede. Poiché il cibo nelle grotte è scarso, gli abitanti delle caverne a tempo pieno tendono ad essere più piccoli, con un metabolismo inferiore e una durata di vita più lunga rispetto alle loro controparti di superficie.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *