Uso dell’Alloro

Uso dell’Alloro

Nome scientifico: Laurus nobilis L.
Famiglia: Lauraceae
Nome dialettale: addauru, ddauru
Pianta arbustiva, sempreverde con corteccia scura e liscia; foglie lanceolate coriacee, di colore verde scuro con margine ondulato ed apice acuto; pagina superiore lucida. Fiori nell’ascella fogliare bianco-crema; la fioritura si ha tra marzo e aprile. I frutti sono bacche nere, leggermente ovali con un solo seme.
Tipico della macchia mediterranea e componente principale della fascia fitoclimatica denominata “lauretum”.

Principi attivi –
I principi attivi sono contenuti nelle foglie e nei frutti. Le foglie contengono un olio essenziale con tannini, resine, sostanze amare, mucillagini; dai frutti maturi viene estratto l’olio di lauro che è un costituente dell’unguento laurino usato nella tradizione popolare come antireumatico e antigottoso (Compendio della Flora Officinale Italiana-F.O.I.)
Le foglie si raccolgono durante tutto l’anno, nel mese di luglio per sfruttare al meglio i principi attivi; i frutti in autunno.
Le foglie raccolte possono essere utilizzate fresche, o essiccate in luogo fresco e ventilato; frutti vanno essiccati al sole, o in forno tiepido.

Proprietà –
Aromatiche, digestive, tonico stimolanti, espettoranti, carminative, diuretiche, deodoranti.

Uso interno –
Digestivo, nella gastralgie, come espettorante e come diuretico
Decotto: fare bollire 40 gr di foglie in un litro di acqua per 20 minuti; indicato nelle gastralgie. Decotto digestivo: fare bollire due foglie di alloro fresco, o essiccato per 5 minuti in acqua (si può aggiungere una scorza di limone); filtrare e bere tiepido.
Tintura: si prepara facendo macerare i frutti in olio (20 gr in 100 ml di olio) per 5 giorni; è indicata per la cura dei reumatismi e delle contusioni.

Uso esterno –
Da utilizzare per curare le contusioni e come deodorante.
Bagno: infondere una manciata di foglie di alloro in acqua calda. Si otterrà un bagno deodorante con effetti stimolanti.
Pediluvio: fare bollire 40 gr di bacche mature e tritate in 3 litri di acqua, filtrare e immergere i piedi per trenta minuti.

Maria Canzoneri

Generalità e Bibilografia

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *