Impollinazione Autogama

Impollinazione Autogama

L’ impollinazione autogama o autoimpollinazione o impollinazione omoclina è una forma di impollinazione che si ha quando il polline passa, o cade direttamente dall’antera di un fiore allo stigma dello stesso fiore. Le piante che praticano questo tipo di impollinazione sono dette autogame.
L’impollinazione autogama è possibile solo nei fiori “Ermafroditi” ed è frequente nelle piante annuali “a vita breve” e nelle piante dove il fiore non si schiude.
Le piante che si servono dell’ impollinazione autogama sono quelle che possono fecondarsi, come detto, per merito di fiori ermafroditi (cioè che possiedono entrambi i sessi) o di fiori presenti sulla pianta stessa.
In questo senso le piante autogame si dividono in:
– Obbligate se il 100% dei fiori si riproducono in questo modo;
– Prevalenti se il ≥ 50% dei fiori si riproducono in questo modo.
Un tipo di autoimpollinazione molto stretta (cleistogamia) si verifica nel grano, quando la spighetta non si è ancora dischiusa.

Per evitare l’autoimpollinazione, in molti fiori polline e ovuli dello stesso individuo maturano in tempi diversi, oppure gli stami sono posti più in basso rispetto allo stigma.
In ogni caso, nella maggior parte dei casi esistono adattamenti per evitare l’autoimpollinazione, meno vantaggiosa dell’impollinazione incrociata che favorisce la comparsa di nuove combinazioni genetiche.
Le angiosperme hanno evoluto particolari meccanismi per evitare l’autoimpollinazione. Uno di questi è la produzione di fiori unisessuati su individui di sesso diverso (specie dioiche). Nelle specie con fiori ermafroditi e in quelle monoiche sono noti altri meccanismi. Uno dei più frequenti è la maturazione del gineceo e dell’androceo in tempi diversi: fenomeni definiti rispettivamente proteroginia e proterandria.
Un altro meccanismo è l’autoincompatibilità, cioè l’impossibilità per una pianta bisessuale di produrre zigoti con il suo stesso polline. L’autoincompatibilità è geneticamente controllata in molte specie da alleli multipli di un gene chiamato S. Si riconosce sia l’autoincompatibilità gametofitica che l’autoincompatibilità sporofitica.
La geitonogamia e quel tipo di impollinazione che si riscontra quando il polline dell’antera di un fiore è trasportato sullo stimma di un altro fiore della stessa pianta, che viene perciò definita autofertile.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *