Pinus koraiensis

Pinus koraiensis

Il pino coreano (Pinus koraiensis Siebold & Zucc., 1842) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Pinaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Sottoregno Tracheobionta,
Superdivisione Spermatophyta,
Divisione Pinophyta,
Classe Pinopsida,
Ordine Pinales,
Famiglia Pinaceae,
Genere Pinus,
Sottogenere Strobus,
Specie P. koraiensis.
Sono sinonimi i termini:
– Apinus koraiensis (Siebold & Zucc.) Moldenke;
– Pinus cembra excelsa Maxim. ex Rupr.;
– Pinus cembra mandschurica (Rupr.) Carrière;
– Pinus mandschurica Rupr.;
– Pinus prokoraiensis Y.T.Zhao;
– Pinus strobus Thunb.;
– Strobus koraiensis (Siebold & Zucc.) Moldenke.

Etimologia –
Il termine Pinus è il nome latino del pino, connesso con il sanscrito pítu resinoso, citato da Plinio, Virgilio e altri.
L’epiteto specifico koraiensis è in riferimento alla Corea e di quell’are corrispondente alla penisola situata nell’Estremo Oriente.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il pino coreano è una conifera originaria dell’Estremo Oriente, in un areale che comprende l’Asia nordorientale: Corea, Manciuria, Mongolia, Giappone e alcune zone della Russia sudorientale (Territorio del Litorale).
Il suo habitat naturale è quello dei boschi misti di conifere e misti di conifere-latifoglie sui pendii montuosi asciutti, soprattutto quelli esposti a nord. Nella parte settentrionale del suo areale è presente a moderate altitudini, che vanno dai 600 ai 900 m, mentre in quella meridionale, dove il clima è più mite, cresce in alta montagna, dai 2000 ai 2600 m.

Descrizione –
Il Pinus koraiensis è una pianta sempreverde con portamento arboreo che può raggiungere i 35 metri d’altezza e con forma della chioma a cono largo.
La corteccia è di colore grigio scuro e piuttosto sottile che tende inoltre a sfaldarsi.
Le foglie sono degli aghi esili, lunghe circa 12 cm, di colore verde lucente sulla pagina superiore e bianco-blu su quella inferiore. Gli aghi sono raggruppati in folti gruppi di cinque.
I fiori maschili sono rossi ma all’apertura diventano gialli; i fiori femminili sono rossi e si trovano in grappoli separati sui rami giovani ad inizio estate.
I frutti sono delle pigne di forma conica, lunghe dagli 8 ai 17 cm circa, di tonalità inizialmente violacea, che poi vira al marrone circa 18 mesi dopo l’impollinazione.
I semi sono dei pinoli lunghi circa 15–18 mm con un’ala vestigiale che poi vengono dispersi.

Coltivazione –
Il Pinus koraiensis è un albero sempreverde che viene ampiamente raccolto in natura per l’uso locale come cibo, medicina e fonte di materiali: i coni verdi vengono venduti per la produzione di vino nei mercati locali.
È una pianta molto resistente al freddo, in grado di tollerare temperature fino ad almeno -35 °C quando è completamente dormiente.
Cresce in aree con clima a carattere monsonico estivo in prossimità della costa, ma con una forte influenza continentale nell’entroterra. Gli estremi di temperatura possono variare da più 37 °C a meno 45 °C all’interno del suo areale naturale.
Questa specie di pino, in generale, richiede una esposizione soleggiata per crescere bene e un terreno sabbioso o ghiaioso leggero e ben drenato. Non ama i terreni delle brughiere scarsamente drenati.
Le piante stabilizzate tollerano bene la siccità ma questa specie preferisce un clima fresco e umido.
La pianta, talvolta, è coltivata per i suoi semi commestibili, ed esistono alcune varietà con caratteristiche differenti.
Si ricordano la “Glauca” e la “Silveray” dalle sfumature blu e la “Winton” dalla chioma ampia.
Oppure, a causa della sua capacità di sopportare temperature rigide, è usata come albero ornamentale in luoghi pubblici come parchi e giardini in paesi come Canada e Stati Uniti settentrionali.
La propagazione avviene per seme che si consiglia di seminare in singoli vasi, in una serra fredda, non appena è maturo, se ciò è possibile, altrimenti a fine inverno. Una breve stratificazione di 6 settimane a 4 °C può migliorare la germinazione dei semi immagazzinati.
Le piantine vanno poi piantate nelle loro posizioni permanenti il prima possibile ed è necessario proteggerle per il 1-2 inverni.
Le piante hanno un apparato radicale molto sparso e prima vengono piantate nelle loro posizioni permanenti, meglio cresceranno. Gli alberi dovrebbero essere piantati a dimora quando sono piuttosto piccoli, tra 30 e 90 cm di altezza, anche se, in realtà, vengono piantati quando sono alti circa 5 – 10 cm. Tuttavia fintanto che ricevono un ottimo pacciame che impedisca la crescita delle infestanti, si stabiliscono molto bene. Gli alberi più grandi invece avranno una crescita stentata e difficilmente si svilupperanno per diversi anni. Ciò influisce negativamente anche sullo sviluppo delle radici e sulla resistenza al vento.
Un altro sistema di propagazione può essere quello per talea. Questo metodo funziona solo se queste vengono prelevate da alberi molto giovani, di età inferiore a 10 anni. Si consiglia l’uso di rametti a foglia singola con la base del germoglio corto. Si consiglia poi di eliminare i germogli alcune settimane prima di prelevare le talee. Le talee normalmente crescono lentamente.

Usi e Tradizioni –
Il Pinus koraiensis è un albero da legname molto importante, raccolto in grandi quantità per l’uso commerciale del suo legno di buona qualità; il seme alquanto grande viene anche raccolto commercialmente e costituisce la principale fonte di pinoli importati in Europa e in America.
La pianta viene anche comunemente coltivata come ornamentale, specialmente in Cina.
Si ricorda che, come per altri pini, il legno, la segatura e la resina possono causare dermatiti nelle persone sensibili.
Il Pinus koraiensis viene impiegato sia per usi alimentari che medicinali.
Per uso alimentare si utilizzano i semi crudi o cotti che sono ricchi di olio.
Il seme ha una consistenza morbida, col sapore vagamente di resina, e viene usato come spuntino o anche come alimento base.
Il seme può anche essere essiccato e macinato in polvere, quindi utilizzato come aroma e addensante nelle zuppe, ecc.
I semi, come detto, sono ricchi di un olio vegetale ad alto valore nutritivo, utilizzato nell’industria alimentare.
Dalla pasta di legno si ottiene un aroma di vanillina come sottoprodotto delle resine.
In Corea il polline è usato per aromatizzare i biscotti.
I coni femminili immaturi vengono usati nella produzione del vino.
Per uso medicinale si utilizza il seme che contiene diversi composti attivi ed è analgesico, antibatterico e antinfiammatorio.
Viene usato in Corea nel trattamento del mal d’orecchi, dell’epistassi e per promuovere il flusso di latte nelle madri che allattano.
L’olio di trementina, ottenuto dall’oleoresina di tutti i pini, è antisettico, antispasmodico, astringente, diuretico, rubefacente, stimolante e vermifugo.
È un valido rimedio utilizzato internamente nel trattamento dei disturbi renali e vescicali e viene utilizzato sia internamente che come massaggio e bagno di vapore nella cura delle affezioni reumatiche.
Inoltre è anche molto benefico per il sistema respiratorio e quindi è utile nel trattamento di malattie delle mucose e disturbi respiratori come tosse, raffreddore, influenza e tubercolosi.
Applicato esternamente, sotto forma di cerotti unguenti, cataplasmi, bagni di vapore alle erbe e inalatori, è un trattamento molto benefico per una varietà di disturbi della pelle, ferite, piaghe, ustioni, foruncoli, ecc.
La corteccia viene utilizzata nel trattamento di ustioni e disturbi della pelle.
Questa pianta trova impiego, inoltre, per svariati usi: da quelli agroforestali all’industria cosmetica.
Gli aghi contengono una sostanza chiamata terpene, che viene rilasciata quando la pioggia li bagna ed ha un effetto negativo sulla germinazione di alcune piante, compreso il grano.
Dagli aghi si ottiene un colorante marrone chiaro o verde.
I semi sono una fonte di olio usato per fare sapone e olio lubrificante.
Gli estratti di varie parti della pianta, compresi i coni, i gusci dei semi e l’olio di semi sono utilizzati come ingredienti in preparati cosmetici commerciali come antiossidanti, emollienti, umettanti, profumi e balsami per la pelle.
Dalla corteccia si ottiene il tannino mentre le oleoresine si ottengono picchiettando il tronco, oppure per distillazione distruttiva del legno.
L’olio di trementina è costituito in media dal 20% di oleoresina e viene separato per distillazione.
La trementina ha una vasta gamma di usi, incluso come solvente per cere, ecc., per diluire e dissolvere vernici e vernici, lucido da scarpe, medicinale, ecc.
Per distillazione della resina di pino si ottiene anche la colofonia che viene utilizzata nella produzione di colla per carta e sapone, come componente di vernici e pitture, e per rivestire gli archi di strumenti musicali a corda come i violini.
Dalla resina si può ottenere una pece che viene utilizzata come impermeabilizzante del legno, ecc.
Il legno è leggero, morbido, a grana diritta e abbastanza resistente alla decomposizione. Di buona qualità e di facile lavorazione in fresatura e falegnameria, trova impiego per impieghi quali pali telefonici, traversine ferroviarie, ponti in legno e cantieristica navale. Nella costruzione fornisce legname da costruzione, nonché pavimenti, compensato e impiallacciature. Può essere scheggiato per la produzione di vari truciolati o spappolato per l’industria della carta. Usi più specializzati sono mobili, attrezzature sportive e strumenti musicali.
Dal punto di vista ecologico il valore commerciale del legno ha però portato allo sfruttamento eccessivo delle popolazioni selvatiche dell’albero e alla distruzione degli ecosistemi forestali in cui cresce. Si ricorda che la tigre siberiana vive in queste foreste di pini e la conservazione di questa specie di albero è fondamentale per preservare questo felino.
Altre specie legate a questa pianta, allo stato naturale sono la Nocciolaia (Nucifraga caryocatactes, Linnaeus, 1758), che raccoglie i semi e svolge un ruolo importante nella loro dispersione.
Questi uccelli sono importanti nella dispersione dei semi, e quindi nel mantenimento delle popolazioni di Pinus koraiensis.
Questa specie, infatti, anche se ha ancora un’ampia distribuzione, a causa dello sfruttamento per il suo legname e per i semi commestibili, delle popolazioni naturali, ha provocato il degrado delle foreste e un calo della sua area di occupazione fino al 50% in alcune parti del suo areale. Nonostante il continuo sfruttamento, l’ampia distribuzione di questa specie e la grande dimensione complessiva della popolazione, questa specie non è ancora minacciata ma questa situazione potrebbe cambiare entro il prossimo decennio se le tendenze attuali dovessero continuare. La pianta è attualmente classificata come “Least Concern” nella Lista rossa IUCN delle specie minacciate.

Modalità di Preparazione –
Del Pinus koraiensis si utilizzano varie parti sia in campo alimentare che medicinale o per altri usi.
I semi di questa conifera, da cui si ricava un olio ricco di acidi grassi, sono i pinoli più sfruttati dal punto di vista commerciale, specialmente nel nordest della Cina. Essi sono inoltre l’ingrediente di base del jatjuk, un porridge di pinoli tipico della cucina coreana.
In Corea il polline è usato per aromatizzare i biscotti.
I coni femminili immaturi vengono usati nella produzione del vino.
Il seme, che contiene diversi composti attivi, trova impiego medicinale ed è analgesico, antibatterico e antinfiammatorio.
Altri usi riguardano il settore della cosmesi, del legname, e di altri settori industriali.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.
Foto – fonte: https://florakorea.myspecies.info/en/taxonomy/term/4984/media

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.




2 pensieri riguardo “Pinus koraiensis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.