Parco nazionale di Capitol Reef

Parco nazionale di Capitol Reef

Il parco nazionale di Capitol Reef, il cui codice WDPA è: 2511, è un parco nazionale degli Stati Uniti, situato nello Stato federato dello Utah.
Questo parco ha una estensione di 979 km² ed è gestito come gli altri parchi degli Stati Uniti dal National Park Service.
Il parco nazionale di Capitol Reef è situato nel sud dello stato dello Utah e si estende in lunghezza per oltre 160 km ma ha una conformazione piuttosto stretta. Il parco è stato istituito nel 1971 ed è aperto ai visitatori tutto l’anno.
Il parco nazionale di Capitol Reef è considerato “uno tra i segreti meglio conservati” dello Utah, infatti, nonostante le sue straordinarie peculiarità non registra le folle di visitatori che invece riempiono gli altri parchi dello stato, restando perciò un’oasi apprezzata dai coloro che fuggono il turismo di massa.
Il motivo di questa minore affluenza è comunque da ricercare nella scarsità di accessi e nella povertà di strade asfaltate che permettono l’attraversamento del parco che resta per lo più esplorabile con veicoli a quattro ruote motrici e limitatamente al periodo della stagione secca.

Geologia –
La storia geologica di Capitol Reef può essere suddivisa in tre fasi, ognuna delle quali si è verificata nel corso di un tempo geologico di milioni di anni: deposizione, sollevamento ed erosione.
La fase di deposizione ha creato oltre 3.000 metri di strati sedimentari che sono stati depositati nell’area.
Queste rocce variano in età dal Permiano (di 270 milioni di anni) al Cretaceo (di 80 milioni di anni). Poiché il Waterpocket Fold ha inclinato questa torta di strati geologici verso est, le rocce più antiche si trovano nel parte occidentale del parco, e le rocce più giovani si trovano vicino al confine est.
Questa sequenza di strati su strati di roccia sedimentaria registra quasi 200 milioni di anni di storia geologica. Gli strati rocciosi di Capitol Reef rivelano ambienti antichi così vari come fiumi e paludi (Chinle Formation), deserti simili al Sahara (Navajo Sandstone) e oceani poco profondi (Mancos Shale). I fossili trovati in queste rocce forniscono ulteriori indizi su questi antichi ambienti e abitanti. Questi antichi sedimenti sono stati depositati quando la regione era al livello del mare o vicino, molto al di sotto dell’attuale elevazione.
La fase di sollevamento è iniziata molto tempo dopo il deposito delle rocce sedimentarie; durante questa era l’intera regione si è sollevata di centinaia di metri a causa delle forze tettoniche delle placche su larga scala. La maggior parte dell’altopiano del Colorado è stato sollevato in modo relativamente uniforme, mantenendo gli strati approssimativamente orizzontali, creando l’aspetto di “torta a strati” comune in tutta la regione (come al Grand Canyon). Capitol Reef è una gigantesca eccezione a questo modello, grazie al Waterpocket Fold.
Il Waterpocket Fold è infatti una barriera geologica (monoclinale) lunga un centinaio di miglia e che dà il nome all’intero parco che la racchiude nella sua interezza includendone anche le diramazioni laterali, con le spettacolari e colorate pareti rocciose, i monoliti isolati e i canyon convergenti verso i bacini collettori.
Come per gli altri parchi dello Utah, non mancano numerosi archi naturali.
La parte più facile da raggiungere del Waterpocket Fold, che si trova vicino al fiume Fremont, è conosciuta come Capitol Reef: capitale per le cupole bianche di Navajo Sandstone che assomigliano a cupole di campidoglio e barriera corallina per le scogliere rocciose che sono una barriera per viaggiare, come una scogliera oceanica.

Flora –
Il Waterpocket Fold definisce il Parco nazionale di Capitol Reef. Una curvatura lunga oltre 160 Km nella crosta terrestre, la Waterpocket Fold è un classico monoclino: una piega regionale con un lato molto ripido in un’area di strati altrimenti quasi orizzontali. La variegata topografia, geologia, elevazione e modelli di precipitazioni lungo il Waterpocket Fold hanno portato a una diversità di micro habitat e nicchie per le specie vegetali. All’interno del Waterpocket Fold sono esposte diciannove formazioni geologiche, ognuna con combinazioni uniche di minerali, tipi di suolo, aspetto e pendenza.
Le elevazioni nel parco vanno da 1.219 m, nel Distretto Sud vicino a Hall’s Creek a oltre 3.353 m, nel Distretto Nord vicino a Thousand Lakes Mountain. Questo gradiente di elevazione si traduce in un aumento delle precipitazioni annuali dal sud all’estremità nord del parco. La combinazione di altitudini e precipitazioni ad ampio raggio, insieme alla diversa geologia e topografia, consente l’esistenza nel parco nazionale di Capitol Reef di 85 associazioni di vegetazione. Nel parco sono presenti oltre 840 specie di piante, molte delle quali hanno distribuzioni molto ristrette, che vegetano su specifiche formazioni geologiche, suoli, pendii o intervalli di elevazione o precipitazioni. Il parco nazionale di Capitol Reef ha più di 40 specie vegetali rare ed endemiche, sei delle quali sono elencate a livello federale come minacciate o in via di estinzione.

Fauna –
All’interno del parco nazionale di Capitol Reef troviamo più di 230 specie di uccelli. Alcune specie sono residenti stagionali, altre passano durante la migrazione e alcune ne fanno la loro casa tutto l’anno. Luoghi popolari per il birdwatching nell’area di Fruita includono il Fremont River Trail che passa per il campeggio e i frutteti, gli alberi intorno al Ripple Rock Nature Center, l’area picnic e la vegetazione ripariale lungo Sulphur Creek.
I viaggi nelle parti settentrionali e meridionali del parco possono offrire l’opportunità di vedere uccelli in altri tipi di vegetazione, tra cui praterie desertiche, arbusti desertici e boschi di pini e ginepri.
In questo parco troviamo anche degli anfibi. Gli anfibi sono animali a sangue freddo che in genere sperimentano una fase di respirazione branchiale acquatica seguita da una fase di respirazione polmonare terrestre. Gli anfibi includono rane, rospi, salamandre e tritoni. Il parco nazionale di Capitol Reef ospita cinque specie di anfibi, tutte rane o rospi. Questi animali si affidano all’acqua del deserto spesso scarsa e possono essere visti dentro o vicino a ruscelli, fiumi, sorgenti e pozze effimere, note anche come serbatoi o sacche d’acqua.
La diversa geologia del parco nazionale di Capitol Reef offre, inoltre, diversi habitat per numerose specie animali. Cinquantotto specie di mammiferi sono state documentate nel parco. Questo include sedici specie di pipistrelli; altri piccoli mammiferi come topi, ratti dei boschi, scoiattoli; e grandi mammiferi come cervi, coyote e puma.
Per quanto riguarda i rettili, che sono in genere vertebrati a sangue freddo che respirano aria attraverso i polmoni e hanno squame, inclusi serpenti, lucertole, tartarughe e alligatori, alcuni di questi vivono nel parco. Serpenti e lucertole sono gli unici rettili residenti nel parco nazionale di Capitol Reef. Come ectotermi (animali a sangue freddo), i rettili si affidano al calore dell’ambiente e quindi diventano inattivi durante i freddi mesi invernali. Durante questo periodo di inattività stagionale serpenti e lucertole si rifugiano in anfratti rocciosi o cunicoli sotterranei e il loro tasso metabolico diminuisce, conservando energia.
Infine i pesci. Gran parte della regione del parco nazionale di Capitol Reef è considerata “deserto alto”, con una media di 20,3 cm di precipitazioni all’anno. Nonostante questa classificazione, ci sono alcune fonti d’acqua perenni e presenti tutto l’anno, come il fiume Fremont e il Sulphur Creek, che possono sostenere le popolazioni ittiche. Il parco ospita diverse specie, alcune autoctone e altre non autoctone o introdotte.
Le specie non autoctone sono quelle che vivono al di fuori del loro areale nativo o habitat tipico. Gli animali non nativi che si diffondono in aree naturali e competono in modo aggressivo con le specie autoctone per le risorse sono indicati come invasivi. Le specie invasive possono sostituire le specie autoctone, interrompere le catene alimentari e alterare i cicli dei nutrienti.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *