Lactucarium

Lactucarium

Il Lactucarium è il liquido lattiginoso secreto da diverse specie di lattuga, in particolare nella lattuga selvatica (Lactuca virosa L.), solitamente dalla base dei fusti. È conosciuto come oppio di lattuga per le sue presunte proprietà sedative e analgesiche. È stato anche segnalato per promuovere una lieve sensazione di euforia.
Poiché è un lattice, il lactucarium assomiglia fisicamente all’oppio, in quanto viene escreto come un fluido bianco e può essere ridotto a un solido denso fumabile.
Questa sostanza è stata utilizzata dagli antichi egizi, ed è stata introdotta come droga negli Stati Uniti già nel 1799, come un’alternativa all’oppio, più debole ma priva di effetti collaterali, e in alcuni casi preferibile. Tuttavia, i primi tentativi di isolare un alcaloide attivo non hanno avuto successo.
Il Lactucarium è stato descritto e standardizzato nella Farmacopea degli Stati Uniti del 1898 e nel British Pharmaceutical Codex del 1911 per l’uso in pastiglie, tinture e sciroppi come sedativo per la tosse irritabile o come lieve ipnotico (aiuto per il sonno) per l’insonnia.
La definizione standard di lactucarium in questi codici richiedeva la sua produzione proveniente Lactuca virosa, ma si riconosceva che quantità minori di lactucarium potevano essere prodotte in modo simile da Lactuca sativa e Lactuca canadensis var. elongata e anche da altre specie.
Nel ventesimo secolo, comunque, due importanti studi hanno scoperto che il lactucarium commerciale non ha alcun effetto. Nel 1944, concludeva Fulton, “la medicina moderna considera le sue qualità di produzione del sonno una superstizione, la sua azione terapeutica dubbia o nulla”. Un altro studio dell’epoca identificava i principi attivi amari lattucina e lattucopicrina, ma notava che questi composti del lattice fresco erano instabili e non rimanevano nelle preparazioni commerciali di lactucarium. Di conseguenza questa sostanza è caduto in disuso fino a quando le pubblicazioni del movimento hippie hanno iniziato a promuoverlo a metà degli anni ’70 come una droga legale che produce euforia.

Lavori più recenti hanno confermato che la lattucina e la lattucopicrina hanno proprietà analgesiche e sedative.
Si ricorda che i semi di lattuga sono stati elencati come anestetici nel Canone di Medicina di Avicenna, che è stato un autorevole testo di medicina medico dall’anno 1000 d.C. fino al diciassettesimo secolo.
Al giorno d’oggi, sebbene il lactucarium sia scomparso dall’uso generale come antidolorifico, rimane disponibile, a volte proposto come psicotropo legale.
Il seme della lattuga (Lactuca sativa L.) è ancora usato nell’Iran nella medicina popolare.
I composti chimici che si trovano nella lattuga sono: α-lattucerolo (taraxasterolo), β-lattucerolo (lattucone, lattucerina), lattucina e lattucopicrina.
È stato scoperto che la lattucina e la lattucopicrina hanno effetti analgesici paragonabili a quelli dell’ibuprofene e attività sedativa nelle misurazioni dei movimenti spontanei dei topi.
Alcuni effetti sono stati attribuiti anche a una traccia di iosciamina presente in Lactuca virosa, ma l’alcaloide non era rilevabile nel lactucarium standard.
Un estratto grezzo dei semi ha dimostrato di avere effetti analgesici e antinfiammatori nei test standard di formalina e carragenina su ratti di laboratorio. Non era tossico per i ratti alla dose di 6 grammi per chilogrammo.
Uno dei composti, la lattucina, è un agonista del recettore dell’adenosina in vitro, mentre un altro, la lattucopicrina, ha dimostrato di agire come un inibitore dell’acetilcolinesterasi in vitro.

Avvertenza: le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *