Stipola

Stipola

Con il termine stipola, in botanica, si intende una piccola appendice, di vario aspetto, che è inserita alla base della foglia di numerose piante superiori.
Le stipole possono svilupparsi molto, tanto da svolgere funzione di fotosintesi clorofilliana o possono subire metamorfosi trasformandosi in spine, probabilmente con funzione difensiva, come nel caso della robinia.
In riferimento alla loro morfologie e funzione si possono avere vari tipi di stipole:
– fogliacee, come nel caso del pisello e di altre leguminose (Fabacee);
– scagliose, come nel caso del faggio;
– spinificate, come, appunto, nel caso della robinia;
– a viticcio, come nel genere Smilax;
– nettarifere, come nel caso della fava;
– ridotte a un piccolo tubercolo.
Le stipole si possono presentare libere dal picciolo e allora spesso sembrano inserite sul caule, o saldate con esso (s. adnate, come nelle rose).

In certi casi le stipole di una foglia si saldano in una lamina che appare opposta alla foglia o è situata in corrispondenza dell’ascella di questa; o anche sono saldate due stipole di due foglie diverse di uno stesso nodo (in molte Rubiacee) ed in questo caso vengono chiamate stipole interpicciolari; altra modificazione della stipola è l’ocrea (che è una guaina che avvolge l’internodio del fusto o del ramo) come nelle Polygonaceae.
In riferimento alla loro vita biologica le stipole si definiscono:
– in caduche (come nella maggior parte degli alberi);
– e in persistenti (gerani, robinia).
La funzione della stipola è variabile ma in generale ricopre il ruolo di proteggere le gemme fogliari contro possibili offese dell’ambiente durante la crescita per distensione della lamina fogliare.
Con il termine stipoletta si intende invece la piccola espansione di aspetto fogliaceo alla base di ciascun segmento fogliare di alcune foglie composte, come nel caso delle leguminose.
Dal punto di vista istologico la stipola deriva dalla zona di contatto fra la parte basale e quella apicale della bozza fogliare e non sono sempre presenti.

Un acquisto che vi consigliamo




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *