Parco nazionale di Hot Springs

Parco nazionale di Hot Springs

Il Parco nazionale di Hot Springs è un parco nazionale degli Stati Uniti d’America sito nello Stato dell’Arkansas con una estensione di circa 22 Km quadrati.
Questo parco nazionale è stato istituito nel 1921 a protezione di importanti sorgenti di acque termali calde e una stazione termale storica.
Il Parco nazionale di Hot Springs si trova nella contea centrale di Garland, adiacente alla città di Hot Springs , capoluogo della contea. Questa riserva è stata inizialmente creata da un atto del Congresso degli Stati Uniti il 20 aprile 1832 per poter preservare quel territorio per future attività ricreative. Dopo la protezione federale nel 1832, la città divenne una città termale di successo.
Il Parco nazionale di Hot Springs fu pertanto istituito prima che esistesse il concetto di parco nazionale; era la prima volta che un’area veniva accantonata dal governo federale per preservarne l’uso come area ricreativa.
Per quanto riguarda le sorgenti di acqua calda si ritiene che questa possieda da secoli proprietà medicinali ed è stata oggetto di leggende tra diverse tribù di nativi americani.
Con l’atto del Congresso del 1921 il governo acquisì più terra, espandendola a più di 360 ettari, tra cui Hot Springs Mountain, North Mountain, West Mountain, Sugarloaf Mountain e Whittington Lake Park.
Le sorgenti sono raggruppate attorno alla base della Hot Springs Mountain, con un flusso di quasi due milione di litri al giorno. L’acqua calda viene fornita ai vari stabilimenti balneari, con proventi da canoni di concessione che vanno al Tesoro degli Stati Uniti. Il parco ha chilometri di strade e sentieri sulle montagne ed è aperto tutto l’anno.
Il parco, inoltre, gestisce un campeggio pubblico a Gulpha Gorge, a circa 3,2 km dal centro di Hot Springs.

Clima –
Secondo il sistema di classificazione climatica di Köppen il Parco nazionale di Hot Springs ha un clima subtropicale umido (Cfa).

Geologia –
Le sorgenti termali si trovano nelle montagne di Ouachita, nell’Arkansas centrale ed emergono in uno spazio tra Hot Springs Mountain e West Mountain in un’area di circa 460 m di lunghezza e 120 m di larghezza ad altitudini da 176 a 208 m. Le sorgenti sono prevalentemente composte da acqua calda proveniente da profondità maggiori mescolata con alcune acque sotterranee fredde poco profonde. Attualmente ci sono 43 sorgenti termali nel parco che si presume scorrano. L’acqua termale proveniente da 33 sorgenti termali viene raccolta e monitorata presso un invaso centrale, che distribuisce lo scarico combinato per uso pubblico e consumo. I tipi di roccia nell’area includono unità di scisto che generalmente impediscono il movimento delle acque sotterranee, mentre la selce fratturata, la novaculite, e le unità di arenaria generalmente supportano il movimento delle acque sotterranee.
La composizione dell’acqua indica che si tratta di acqua piovana riscaldata che non si è avvicinata a una sorgente magmatica, quindi nessuna azione vulcanica è coinvolta nella formazione di queste sorgenti calde. Il risultato è una soluzione leggermente alcalina e dal gusto piacevole con carbonato di calcio disciolto.
Per quanto riguarda la natura delle rocce queste, in prossimità delle sorgenti termali, sono rocce sedimentarie che vanno dal periodo Mississippiano a quello Ordoviciano, con l’eccezione delle più giovani rocce ignee (età del Cretaceo) esposte in due piccole aree di circa 9,7 e 17,7 km a sud est delle sorgenti termali (rispettivamente di Potash Sulphur Spring e Magnet Cove) e in molte piccole dighe e davanzali. La maggior parte degli argini sono larghi meno di 1,5 m. Sono state rilevate 80 dighe a circa 6,4 km a sud-est di Hot Springs, sul e vicino al fiume Ouachita. Non ci sono indicazioni che si formino rocce ignee dove scaricano le sorgenti termali.
Le rocce sedimentarie nelle vicinanze delle sorgenti termali sono costituite da scisto, selce, novaculite, arenaria e conglomerato.

Flora –
La flora del parco nazionale di Hot Springs è principalmente di tipo forestale. Le pendici settentrionali delle creste e dei bacini forniscono un habitat adatto per la foresta decidua dominata da querce e hickory. I pini predominano sui lati sud delle creste. Ci sono 93 ettari di foreste di pini e querce non intasate sulle montagne del nord e Hot Springs e 36 ettari sul Pan di Zucchero. Queste foreste secolari contengono pino a foglia corta, quercia nera e quercia bianca; molti degli alberi hanno più di 130 anni e alcuni hanno più di 200 anni.

Fauna –
La fauna di questo parco è rappresentata da grandi animali come i bisonti delle pianure, alci, puma e lupi rossi che hanno lasciato la regione dopo l’insediamento europeo. La fauna attuale include cervi dalla coda bianca, tacchino selvatico, scoiattolo, coniglio, opossum della Virginia, volpe grigia, coyote, puzzola, procione, gopher, donnola dalla coda lunga, visone, ratto, rana e armadillo a nove bande. Alcuni uccelli migratori che seguono la rotta di migrazione Mississippi Flyway trascorre parte dell’anno nelle vicinanze.
La Mississippi Flyway è una rotta di migrazione degli uccelli che generalmente segue i fiumi Mississippi, Missouri e Lower Ohio negli Stati Uniti attraverso i Grandi Laghi occidentali fino al fiume Mackenzie e alla baia di Hudson in Canada.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *