Hygrophorus eburneus

Hygrophorus eburneus

L’ Hygrophorus eburneus (Hygrophorus eburneus (Bull.: Fr.) Fr.) è un fungo basidiomicete appartenente alla famiglia delle Tricholomataceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Fungi, Divisione Basidiomycota, Classe Basidiomycetes, Ordine Agaricales, Famiglia Tricholomataceae e quindi al Genere Hygrophorus ed alla Specie H. eburneus.

Etimologia –
Il termine Hygrophorus proviene dal greco ὐγρόϛ hygrόs, umido e da φορέω phoréo, portare, avere: cioè che raccoglie e conserva umidità. L’epiteto specifico eburneus deriva da ébur avorio: eburneo, bianco come l’avorio.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’ Hygrophorus eburneus è un fungo che si trova nei boschi umidi di latifoglie, su terreni muscosi oppure nei prati. Il periodo di fruttificazione è quello autunnale.

Riconoscimento –
Si riconosce per il cappello di 3–8 cm di diametro, convesso, poi appianato, di colore bianco, viscido, con la parte centrale color crema o appena giallina e col margine involuto. Le lamelle sono bianche, decorrenti, venate alla base. Il gambo è di colore bianco e vischioso, non sempre regolare, rivestito di granulosità verso l’apice. La carne è sottile, fragile, di colore bianco ed immutabile, con odore forte, che sa di “rapa” e sapore intenso, dolciastro, rafanoide ma gradevole, leggermente acre negli esemplari troppo vecchi. Al microscopio si notano delle spore di colore bianco in massa ed ellittiche.

Coltivazione –
L’ Hygrophorus eburneus non è un fungo coltivato.

Usi e Tradizioni –
Questo fungo potrebbe essere confuso con H. cossus per i caratteri morfocromatici. La differenza consiste nell’odore (oltre ad alcuni particolari reazioni macrochimiche) che nel H. eburneus è praticamente neutro mentre l’H. cossus ha in genere un odore sgradevole (come di formaggio di capra), inoltre la sfumatura delle lamelle si differenzia in quanto sono con tonalità rosate in H. eburneus e con tonalità bianco-grigiastre in H. cossus. Infien si ricorda che l’H. cossus ha un habitat prevalentemente presso quercia. Si ricorda però che H. eburneus var. quercetorum è una varietà che cresce in boschi di Quercia ma non di Faggio.
L’ Hygrophorus eburneus è di mediocre commestibilità per via dell’esiguità della carne ed il sapore non molto buono degli esemplari più anziani per cui, in ogni caso, vanno raccolti solo gli esemplari giovani.

Modalità di Preparazione –
La preparazione di questo Hygrophorus può essere fatta solo per gli esemplari giovani ed, in ogni caso, in misto con altri funghi, per via delle rese molto basse.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Cetto B., 2008. I funghi dal vero, Saturnia, Trento.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *