Propoli – proprietà ed usi

Propoli – proprietà ed usi

La propoli (in greco “pro-polis” vuol dire “per la città”, “a difesa della città”, mentre in latino “per pulire”, “per verniciare”) è una sostanza di provenienza e composizione varia raccolta dalle api sulle gemme e sulla corteccia di diverse specie come: pioppo, abete rosso, pino, abete bianco, susino, quercia, olmo, salice, ippocastano, frassino, ecc.. La propoli contiene varie sostanze aromatiche di tipo polifenolico, olii essenziali come i terpeni e vari altri composti.
Tra i composti più importanti ricordiamo i grassi, gli steroli, gli aminoacidi, i polisaccaridi, le vitamine A e B, oligoelementi e lattoni; la loro presenza è dovuta al polline che è contenuto in questo prodotto in una percentuale intorno al 5 %.

 

Le principali proprietà della propoli sono antibiotiche, antiossidante e antirrancidente, antimicotica, antivirale, anestetizzante, cicatrizzante, immunostimolante, vaso protettiva e stimolante per la peristalsi intestinale.
Per la raccolta della propoli si può provvedere con un raschietto. Questo procedimento porta a contenere grosse percentuali di cera, frammenti di api e altri corpi estranei. Per questo motivo onde poterla mettere in vendita occorre procedere ad un’attenta pulizia.
Un’altra procedura possibile è quella di utilizzare un telaio delle dimensioni della soffitta, da sostituire a quest’ultima, con sopra una rete con maglie di circa 2 mm. In questo modo le api, essendo sprovviste della parte superiore dell’arnia ermetica, provvederanno loro stesse a propolizzare il telaio che alla fine verrà ritirato ricoperto di propoli. Esistono in commercio dispositivi predisposti proprio a questo scopo.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *