Come costruire una trappola contro insetti e mosche della frutta

Come costruire una trappola contro insetti e mosche della frutta

Uno dei principi di applicazione della lotta biologica è quello di eliminare le mosche (della frutta, dell’olivo ed altre) con metodi naturali e senza l’uso di pesticidi.
Il ricorso alle trappole è uno di questi metodi e nel dettaglio vi spieghiamo come realizzarle da voi.
Per costruire le trappole saranno necessari: Bottiglie di plastice, Forbici, Nastro isolante, Fil di ferro, Un cucchiaio di marmellata, limonata o aranciata.
Vediamo adesso come operare. Per iniziare bisogna tagliare la bottiglia di plastica circa un centimetro prima che la circonferenza cominci a restringersi verso l’apertura con un taglio netto ed omogeneo. In questo modo avrete ottenuto due parti: la base cilindrica più alta e l’apice, più basso, che rovescerete nell’altra parte di bottiglia tagliata a forma di imbuto. Fissate bene le due parti con nastro isolante.

A questo punto ponete sul fondo della bottiglia un cucchiaio di marmellata o, in mancanza, della limonata o dell’aranciata che fungeranno da attrattivo per questi insetti.
Per appendere la bottiglia ai rami effettuate due fori opposti nella parte più alta della bottiglia e con del filo di ferro formerete un manico che vi servirà per appenderla ai rami.
Quando le bottiglie saranno appese le mosche verranno attratte dall’odore dell’attrattivo utilizzato; entreranno nella bottiglia ma non potranno più uscire dal collo della bottiglia che è molto stretto.
Se volete essere più selettivi nei riguardi della mosca che volete catturare potete cambiare il tipo di esca. Per la Mosca dell’ulivo potete utilizzare un’esca proteica (questa può essere composta da residui di pesce che andando in decomposizione le attira) o acqua e ammoniaca; per la Mosca della frutta vanno bene i succhi di frutta o marmellate. Per la Carpocapsa, Tignola, Sesia, Falene e vari altri tipi di lepidotteri si prepara una tazzina di vino con 6/7 cucchiai di zucchero e una manciata di chiodi di garofano e cannella.
Se volete aumentare l’efficacia di queste trappole economiche ed efficienti comprate del nastro adesivo di colore giallo intenso, ruotatelo attorno alle bottiglie; in questo modo la trappola, tramite l’effetto cromo tropico, aumenterà l’attrazione degli insetti che poi, all’odore del cibo entreranno nella bottiglia dove rimarranno intrappolate. Provare per credere.

Guido Bissanti




7 thoughts on “Come costruire una trappola contro insetti e mosche della frutta

  • 27 marzo 2018 in 22:14
    Permalink

    Salve, ma così ci cascano dentro anche le api?

    Rispondi
    • 28 marzo 2018 in 09:34
      Permalink

      No, stia tranquilla questa trappola attrae esclusivamente le mosche.

      Rispondi
  • 9 aprile 2019 in 13:03
    Permalink

    che tipo di esca serve per la mosca del giuggiolo?

    Rispondi
    • 10 aprile 2019 in 11:44
      Permalink

      Quando parli di mosca del Giuggiolo penso ti riferisca alla Carpomya vesuviana Costa che da adulta depone, nel periodo estivo, le uova all’interno della polpa dei frutti e dove di conseguenza si sviluppano le larve, prima di sfarfallare come adulto nel periodo autunnale.
      Per contrastare questo insetto in maniera biologica potresti allestire sulla pianta delle trappole a feromoni che attraggono gli adulti in volo prima che depongano le uova. Le trappole si possono acquistare anche nei negozi specializzati per prodotti agricoli o nei consorzi agrari. Per l’esatto riconoscimento dell’insetto e per il numero delle trappole è bene seguire i consigli del tecnico ove acquisti le trappole. In ogni caso le dinamiche di questo insetto, come di altri fitofagi è legato ad una serie di cause, difficilmente diagnosticabili a distanza. Comunque i motivi maggiori di aumento della popolazione dei fitofagi è legato alla creazione di condizioni agricole intensive (anche al di fuori della propria azienda o della singola pianta), con eccessive specializzazioni colturali e con carenti tecniche agroecologiche ed accorgimenti agronomici adeguati.
      L’uso della chimica è quasi sempre un accorgimento peggiore del rimedio.
      Buona giornata e sempre disponibile per qualunque consiglio.

      Rispondi
  • 10 aprile 2019 in 12:23
    Permalink

    Mi è stata consigliata una trappola artigianale con miele, zucchero, chiodi di garofano e aceto di mele dentro una bottiglia di plastica
    Può funzionare?

    Rispondi
    • 10 aprile 2019 in 12:45
      Permalink

      Si, funzionano, in quanto i chiodi di garofano, unitamente all’aceto ed ai composti zuccherini sono degli attrattivi … infatti come, detto queste trappole si possono preaparae artigianalmente a costo … praticamente zero.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *