Il Veleno della Natura

Il Veleno della Natura

La verità vi farà liberi (Gv 8,32), con questa citazione presa dalla Sacra Bibbia mi accingo a presentare una delle più inquietanti questioni dei nostri tempi: l’uso dei veleni in agricoltura.
A prescindere dalle nostre visioni etiche e senza voler fare proselitismi religiosi la citazione estratta dalla Bibbia contiene un valore inequivocabile: la Conoscenza è la prima giustizia che dobbiamo operare.

La conoscenza della verità, che sia quella più grande ed infinita della Vita o quella più “marginale” di un settore del sapere, non è così scontata e semplice come sembra in quanto molte questioni ed argomenti vengono sapientemente manipolati da interessi economici e orientamenti politici.
Per portare alla conoscenza va quindi fatta una esposizione dei fatti e delle questioni quanto più oggettiva possibile e questo, di per se, è già una impresa non semplice in quanto ognuno di noi è l’insieme di esperienze e conoscenze che lo hanno caratterizzato e formato.
Come nel Principio di indeterminazione di Heisenberg* è evidente che nessuno di noi è talmente estraneo alla realtà da non variarla nel momento in cui la commenta; in questo momento, pur se per un valore impercettibile sto modificando la realtà che mi circonda e la Storia del Mondo: che ci piaccia o no è così.
Fatte queste dovute premesse e ritornando al titolo del presente contributo è opportuno poi chiarire di che cosa stiamo parlando: stiamo parlando dei prodotti fitosanitari**.
Queste sostanze sono molecole inorganiche od organiche, ricavate dalla natura o sintetizzate, formulate in modo da esplicare la massima azione tossica, caustica, o comunque incompatibile con la vita degli organismi che riteniamo dannosi per l’ottenimento di una produzione agricola.

Nonostante le precauzioni, i consigli per l’uso e le “rassicuranti” istruzioni, spesso queste sostanze sono, nel senso più profondo e pieno del loro ruolo, veleni***.
Ora un veleno, come vedete nella definizione in fondo, è comunque e sempre una sostanza che uccide e, nel nostro caso, lo fa direttamente o indirettamente.
Direttamente in quanto elimina un organismo vivente che abbiamo ritenuto dannoso (per i nostri fini specifici), indirettamente perché l’effetto dell’uso di questi veleni si ripercuote sia sulla complessità dei cicli biologici (in cui siamo un anello) che sull’assunzione di questi attraverso i residui (sempre più presenti) negli alimenti, nell’acqua, nell’aria e nei suoli.
In poche parole l’uso di queste sostanze modifica l’ambiente in cui viviamo, modificando anche noi in una maniera tale da interagire su quello che noi stessi stiamo diventando.
Un ecosistema è qualcosa di più complesso di quello che una cultura riduzionista e di discutibile valore etico ci ha spesso voluto far credere.
Il ciò che siamo non è solo un effetto della sommatoria algebrica di vari fattori: ciò di cui ci nutriamo, ciò che ci circonda, ecc. ma è la ridondanza multifattoriale di fenomeni fisici, chimici, psicologici, ecc., la cui complessità è stata maledettamente affrontata anche negli ambiti degli Istituti di Ricerca da cui anche il sottoscritto proviene.
Ora, “tralasciando” i fattori Etici (uccidiamo esseri viventi in maniera deliberata ed impunita) e Scientifici (interveniamo su un singolo modificando un intero Sistema), è evidente come abbiamo trascurato la più grande delle Verità: la complessità dell’Ecosistema (anche quelli agricoli: ridotti oramai a catene di montaggio avulse dalla natura) è una necessità della Natura per consentire il miglior assorbimento ed utilizzo di tutte le energie (solare, geologica, pedologica, biologica, ecc.) al fine di rendere al massimo. Quando noi interferiamo con essa la diminuiamo, la mortifichiamo, la feriamo, operando le stesse azioni sull’intera umanità.
Un uomo che vive in una natura mortificata e diminuita è un uomo mortificato e diminuito e, a dispetto di chi promuove questi prodotti quali sostanze “miracolose” per l’aumento delle produzioni agricole o di questioni connesse, costruisce una umanità deviata ed avvilita.
Quando dopo il trattato di Roma del 1957 nacque la PAC (Politica Agricola Comunitaria) la necessità di incrementare le produzioni agricole fu pilotata artatamente dai grandi interessi delle multinazionali verso un modello produttivo ed agricolo, inumano, innaturale, fittizio e distruttivo a tal punto che l’ultima PAC (2014-2020) è quanto di più fittizio e contradditorio possa essere stato partorito da un Parlamento.
Il cammino fuori dai principi (che sono etici e filosofici, oltre che scientifici) della natura ingenera sistemi con una complessità crescente e senza soluzione.
L’Unione Europea (e tutti gli stati membri) prigioniera di questa logica innaturale (e pertanto perversa) non riesce più a regolamentare questa politica in maniera virtuosa per il semplice motivo che è fuori rotta. Non si può costruire fuori dai principi della natura perché equivale a voler costruire un edificio senza tener conto delle leggi della meccanica: l’edificio, ammesso e non concesso che possa essere costruito, prima o poi crollerà con tutte le conseguenze che possiamo immaginare.
Non è pertanto una questione di Scienza o di Tecnica ma di Conoscenza della Realtà e se non ci riprendiamo la Conoscenza della Realtà l’umanità intera è in pericolo.
La Natura ha le soluzioni per l’Uomo e non è l’Uomo che ha le soluzioni per la Natura questo è il Primo Principio della Conoscenza.

Guido Bissanti
* Werner Karlsberg Heisenberg (Würzburg, 5 dicembre 1901 – Monaco di Baviera, 1º febbraio 1976) è stato un fisico tedesco. Premio Nobel per la Fisica nel 1932, fu uno dei fondatori della meccanica quantistica.
** I prodotti fitosanitari (o agrofarmaci o fitofarmaci o pesticidi) sono tutti quei prodotti, di sintesi o naturali, che vengono utilizzati per combattere le principali avversità delle piante (malattie infettive, fisiopatie, parassiti e fitofagi animali, piante infestanti).
*** Per veleno si intende una sostanza che, assunta da un organismo vivente, ha effetti dannosi temporanei o permanenti, fino a essere letali, attraverso un meccanismo chimico.

pubblicato il 18/01/2015
Bibliografia

La Sacra Bibbia – Vangelo di Giovanni.
A.A.VV. (1997) – Lo sviluppo rurale sostenibile – Atti del X Congresso Nazionale dei Dottori Agronomi e Forestali. Vieste 12 – 14 Giugno 1997.
Bissanti G., Liotta G., Lombardo A. (1985) – Dinamica di Popolazione di Aspidiotus nerii Bouchè (Hom. Diaspididae) su limone in Sicilia Osservazioni di tre anni sull’andamento della popolazione di Aspidiotus nerii su coltivazione del Limone in Sicilia.
Bissanti G., Maniglia G., Perricone M. C. (1988) – Osservazioni sulla dinamica di popolazione di Aleurothrixus floccosus (Mask.) (Hom. Aleyrodidae) in presenza del parassitoide Cales noaki How. (Hym. Aphelinidae) – Andamento della popolazione dell’aleurothrixus floccosus in presenza di un suo parassita naturale (Cales noacki) su coltivazione di Limone in Sicilia.
Bissanti G. (1999) – Sviluppo rurale e rinascimento politico – Nuova Ipsa – Palermo.
Bissanti G. (2003) – Dalla materia al Padre – Mario Grispo Editore – Palermo.
Ciravegna Daniele (2012) – Per un nuovo umanesimo nell’economia – Elledici Editrice – Leumann (TO).
Descartes R. (1954) . Regole. La ricerca della verità. Discorso sul metodo – Laterza – Bari.
Einstein A. (1917) – Considerazioni cosmologiche sulla teoria della relatività generale –
Latouche Serge (1998) – Il paradosso dell’Economia ecologica e lo sviluppo sostenibile come ossimoro – Université de Paris XI.
Leibniz G. W. (1714) – Principi della natura e della grazia fondati sulla ragione.
Livio Mario (2009) – Dio è un matematico – Rizzoli.
Populorum Progressio (1967) – Lettera enciclica del sommo pontefice Paolo VI – Libreria Editrice Vaticana – Città del Vaticano.
Ramellini Pietro (2006) – Linee di Etica Ambientale – Paoline Editoriale Libri – Torino.
Rifkin Jeremy (2004) – Entropia – Baldini Castoldi Dalai Editore – Milano.
Talbot M. (1997) – Tutto è Uno – Urra – Apogeo srl – Milano.
Vandana Shiva (2002) – Terra Madre – Utet – Torino.
Stephen P. Hubbell (2001) – The Unified Neutral Theory of Biodiversity and Biogeography.
Igor Volkov, Jayanth R Banavar, Stephen P. Hubbell, Amos Maritan (2003) -Neutral theory and relative species abundance in ecology.
Huayong Zhanga and Jianguo Wu (2002) – A statistical thermodynamic model of the organizational order of vegetation.
João Carlos Marques, Sven Erik Jørgensenb (2002) – Three selected ecological observations interpreted in terms of a thermodynamic hypothesis. Contribution to a general theoretical framework.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *