Parco nazionale di Shenandoah

Parco nazionale di Shenandoah

Il Parco nazionale di Shenandoah, il cui codice WDPA è: 989 è un parco nazionale situato in Virginia, negli Stati Uniti d’America.
Questo parco ha una superficie a terra di 805 km² ed è stato istituito nel 1935.
Quest’area della Virginia vanta tracce di esseri umani che risalgono a circa 8.000-9.000 anni fa. I nativi americani hanno visitato questa zona per cacciare, raccogliere cibo, materiali di base per strumenti di pietra e commercio. Nel 1700, cacciatori e trapper europei esplorarono le montagne della Blue Ridge e della Shenandoah Valley. Subito dopo il 1750, i coloni europei si trasferirono nelle cavità inferiori vicino a sorgenti e torrenti. Nel secolo e mezzo successivo centinaia di famiglie lavorarono la terra, piantando frutteti e colture, costruendo fattorie e mulini, utilizzando le montagne per il disboscamento e l’estrazione mineraria.

Geografia –
Il Parco Nazionale di Shenandoah sorge nella parte altra della Virginia. In questa zona spiccano due rilievi che sono lo Stony Man e l’Hawksbill che superano i 4.000 piedi. La diversità di elevazioni, pendii e aspetti, rocce e suoli, precipitazioni e latitudine creano un mix di habitat unico.
La maggior parte del paesaggio di Shenandoah è ricoperto di foreste e la particolare condizione igrometrica crea una debole foschia che dà il nome alla Blue Ridge.
L’attuale attività geologica nel Parco nazionale di Shenandoah è il risultato di forze naturali e artificiali che agiscono sulle montagne e sulle valli circostanti. Il congelamento e lo scongelamento possono provocare frane e scheggiature dalle pareti rocciose. I forti temporali e gli eventi di pioggia possono causare inondazioni e l’erosione associata. In casi estremi, grandi quantità di pioggia possono causare smottamenti. Il risultato è un paesaggio in continuo mutamento.
Le rocce degli Appalachi costituiscono le fondamenta su cui sorge la Shenandoah Blue Ridge. Oltre un miliardo di anni ha contribuito a formare una topografia drammatica, creando le cime arrotondate e disseminate di massi di Old Rag Mountain, Hogback Mountain e Marys Rock.
Le colate laviche di Greenstone, vecchie di 570 milioni di anni, ora formano le scogliere a picco e frastagliate di Stony Man, Hawksbill e molte altre vette all’interno del parco. Questi flussi, impilati l’uno sull’altro, creano una topografia simile a una scala di scogliere a picco e panchine piatte che producono molti dei paesaggi più caratteristici di Shenandoah. La maggior parte delle principali cascate del parco si trova dove i ruscelli attraversano questi strati di lava e si tuffano in canyon dalle pareti scoscese.
Le rocce metasedimentarie di Chilhowee, dalle rive di un oceano che precede l’Atlantico, ora creano i ripidi pendii e l’aspra topografia dell’esclusivo distretto meridionale del parco. Fuse insieme e alterate dal calore e dalla pressione della costruzione delle montagne, le quarziti bianche formano le grandi scogliere e i campi di massi di Rocky Mountain, Calvary Rocks e Blackrock South.

Clima –
Il clima del Parco nazionale di Shenandoah può variare notevolmente a seconda della posizione. Le montagne sono solitamente 10 gradi più fresche della valle sottostante. Gli inverni possono essere rigidi con neve e ghiaccio e l’estate può essere calda e umida con rovesci improvvisi.
L’Oceano Atlantico, e in particolare la Corrente del Golfo, gioca un ruolo importante nel regime delle precipitazioni della Virginia. Le tempeste invernali generalmente si inseguono da ovest a est e in prossimità della costa orientale si spostano a nord-est parallelamente alla costa e alla Corrente del Golfo. Questo spostamento a nord-est deriva in parte dalla tendenza delle tempeste a seguire il confine tra la terra fredda e la calda Corrente del Golfo. Quando l’aria sufficientemente fredda entra in Virginia da ovest e nord-ovest, le tempeste frontali possono portare abbondanti nevicate. I temporali si verificano in tutti i mesi dell’anno, con massime a settembre e minime a febbraio. Tempeste e condizioni di deflusso elevato possono verificarsi tutto l’anno a Shenandoah. La maggior parte delle località riceve 100-150 cm di precipitazioni all’anno. La precipitazione media annua a Big Meadows è di 132 cm, di cui circa 94 cm di neve. Prevalgono i venti da sud a sud-ovest, con massima frequenza secondaria da nord. Le aree a quote più basse del parco sperimentano un clima continentale modificato, con inverni miti ed estati calde e umide. La temperatura media annuale nella zona di pianura a Luray è in media di 12 gradi C, e la precipitazione media annua è di 91 cm, con circa 43 cm di neve.
Le aree più elevate del parco hanno inverni moderatamente freddi ed estati relativamente fresche. La temperatura media annuale a Big Meadows è in media di circa 9 °C. Le temperature medie massime giornaliere a luglio sono in media di circa 6 °C più fresche a Big Meadows, quindi nelle zone di pianura del parco. Le temperature in gennaio variano da circa –7 °C a 4 °C e a luglio di circa 14-24 °C. Neve e ghiaccio sono comuni in inverno, ma di solito si sciolgono rapidamente, lasciando il terreno nudo. Occasionali forti tempeste di neve o ghiaccio possono causare danni considerevoli agli alberi all’interno del parco.

Flora –
Shenandoah è la più grande area completamente protetta nella regione degli Appalachi medi e comprende 300 miglia quadrate.
Le caratteristiche naturali del Parco includono strati ben esposti degli Appalachi, diverse popolazioni animali e vegetali e habitat, punti di sosta per uccelli migratori e bacini idrici boscosi che perpetuano numerosi corsi d’acqua che scorrono dagli altopiani alle pianure.
Le indagini sulla vegetazione nel 1940 (Berg e Moore, 1941), 1987 (Teetor, 1987) e 2009 (Young et al 2009), mostrano cambiamenti drammatici nelle foreste del Parco Nazionale di Shenandoah negli ultimi 750 anni.
Nel tempo la successione naturale ha riempito le aree di terreno disboscato e coltivato che erano presenti al momento dell’istituzione del Parco con ampi popolamenti di bosco maturo. Queste foreste sono incontaminate in alcune aree, ma in altre aree portano i segni dell’impatto causato da disturbi naturali e causati dall’uomo come incendi, tempeste e focolai di insetti e malattie che si sono verificati nel corso degli anni
Nel 1940, Shenandoah era un parco giovane, a soli cinque anni dalla fondazione. Il paesaggio portava i segni inequivocabili di quasi 200 anni di insediamento e uso umano, comprese prelievo di legname, pascolo, caccia e coltivazione. Portava anche i segni della mortalità nelle foreste alte causata dalla peronospora dei castagni americani.
Nel 1940 il parco era per l’85% boscoso. Il castagno e la quercia rossa del nord coprivano il 72% del parco. Il resto del parco era terreno aperto, comprese praterie, campi coltivati e vecchi campi tornati a foresta. Le aree precedentemente pascolate erano occupate da querce da orso e pini marittimi, i popolamenti di pioppo giallo erano assenti e le specie di latifoglie come aceri, tigli, ciliegi e betulle coprivano solo il 6% della superficie.
Nel 1987 il parco aveva 55 anni e il 95% era ricoperto da foreste. La copertura di quercia di castagno e quercia rossa era diminuita al 59%, i popolamenti di quercia d’orso erano scomparsi e la copertura di pino pece era diminuita. L’aumento della copertura è stato visto da altre specie. I popolamenti di pioppo giallo si erano consolidati e ora coprivano il 16% del parco e la copertura in legno duro della baia era aumentata al 15% in tutto il parco.
L’indagine sulla vegetazione forestale del 2009 ha rivelato un paesaggio del parco che è rimasto al 95% boscoso. Tuttavia, la copertura della comunità dominata da querce e hickory era aumentata al 65% del paesaggio e la copertura forestale di latifoglie era aumentata al 13%. Parassiti e interferenze alle specie forestali come la falena zingara, la cicuta adelgida lanosa, gli uragani e le tempeste di ghiaccio, tra gli altri, hanno trasformato il 17% delle comunità di vegetazione del parco come tipi di vegetazione precoce o disturbata. Questi includono la foresta successiva di Tuliptree (6,5% del terreno del parco) e la foresta successoria modificata a nord-est (5,5% del terreno del parco). Nel 2009, il 5% delle foreste del parco era talmente disturbato da non poter essere classificato come nient’altro che “foresta fortemente disturbata”.
Le aree odierne di intenso disturbo possono sembrare irrecuperabili, ma attraverso i processi di successione forestale e gestione forestale responsabile, un giorno potrebbero ritornare le vecchie formazioni forestali.
Per quanto riguarda le zone umide, poco si sa circa il numero o di queste. Il Parco nazionale di Shenandoah attualmente identifica le zone umide utilizzando le mappe dell’inventario nazionale delle zone umide, ma sono in corso diversi studi per aiutare a perfezionare meglio queste mappe. Le aree lungo le rive del torrente sono considerate zone umide, aumentando così notevolmente il numero di zone umide nel parco. Il parco ha diverse zone umide note oltre le rive del torrente, con Big Meadows che è la zona umida più visibile e studiata. A Big Meadows, due Mafic Fens (tipi di zone umide) contengono comunità di piante rare a livello globale ritenute endemiche del Parco e supportano otto specie di piante rare statali. Il prato supporta anche un’abbondanza di mammiferi, uccelli, anfibi, rettili e insetti, alcuni dei quali non si trovano altrove nel Parco. Un serpente raro, un insetto raro e diverse specie di salamandre e uccelli sono tra gli animali che occupano le zone umide di Big Meadows. Sebbene attualmente sappiamo poco di tutte le zone umide del parco, possiamo aspettarci che almeno una parte di esse contenga flora e fauna uniche per gli habitat delle zone umide.

Fauna –
Le persone che viaggiavano nella valle di Shenandoah all’inizio del 1700 riferirono un’abbondanza di vari animali. Man mano che i coloni europei colonizzavano e ripulivano i territori, introducevano animali domestici e cacciavano; così le popolazioni animali originarie diminuivano. La caccia eliminò il bisonte americano intorno al 1798 e gli alci seguirono nel 1855. Il castoro e la lontra di fiume scomparvero alla fine del 1800. Il lupo del legname orientale, il puma orientale, il cervo dalla coda bianca, il tacchino, l’orso nero e le linci rosse furono estirpati o diminuiti drasticamente. Il numero esatto di specie autoctone perse è sconosciuto. Nel secolo scorso, la maggior parte di queste specie è tornata attraverso la reintroduzione su terre altrove in Virginia o attraverso il recupero naturale della popolazione. La designazione e la gestione dell’area come Parco Nazionale offre rifugio agli animali residenti e in migrazione.
Oggi il Parco nazionale di Shenandoah è un rifugio per molti animali altrimenti messi sotto pressione dalle attività umane. Il Parco ospita oltre 190 specie di uccelli residenti e transitori, oltre 50 specie di mammiferi, oltre 20 specie di rettili e anfibi, oltre 40 specie di pesci, oltre a un numero imprecisato di insetti, ragni e altri invertebrati. Una manciata di specie animali sono grandi e hanno maggiori probabilità di essere avvistate. Con pazienza, abilità e un po’ di fortuna, i visitatori possono vedere alcune delle migliaia di altri animali residenti del parco.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *