Parco nazionale di Tikal

Parco nazionale di Tikal

Il Parco nazionale di Tikal, in Guatemala, comprende 575 chilometri quadrati di giungla e migliaia di strutture in rovina.
Tikal fu dichiarata monumento nazionale nel 1931 e parco nazionale nel 1955, una delle prime aree protette del Guatemala.
Più di recente, nel 1990, la vasta Riserva della Biosfera della Foresta Maya è stata riconosciuta dall’UNESCO.
Tikal è la più estesa delle antiche città in rovina della civiltà Maya e si trova in Guatemala nel dipartimento di Petén.
Tikal divenne uno dei maggiori centri di potere regionali subito dopo il collasso del Periodo Preclassico, epoca nella quale il potere politico e religioso si concentrava nel sito di El mirador e nella vicina Nakbé. La cronologia di Tikal fino al III secolo è conosciuta solo parzialmente. Il fondatore della dinastia fu Yax Ehb’ Xook che dovrebbe essere vissuto attorno all’90 a.C. Il primo sovrano di cui abbiano una quantità interessante di dati storici è Chak Tok Ich’aak I. Vari frammenti di monumenti e varie ceramiche recano il suo nome. Dai pochi dati estraibili da questi testi possiamo notare che la città godeva di ottima salute economica e che era diventata forse una delle maggiori potenze politiche dell’area.
La vita politica di Tikal sarebbe da lì a poco stata stravolta da un evento ancora non completamente chiarito dagli studiosi: l’arrivo di Teotihuacan. Teotihuacan era all’epoca la maggiore forza militare della Mesoamerica. Essa manteneva già rapporti commerciali con l’area maya, ma sembra che questi “contatti” non bastassero più ai suoi sovrani.
Il 31 gennaio 378 marca l’arrivo di Sihyaj K’ahk’ di Teotihuacan a Tikal. Chak Tok Ich’aak I era morto da soli 15 giorni e non si hanno notizie di altri re governanti al momento dell’arrivo dell’esercito teotihuacano. Sihyaj K’ahk’ inizia da Tikal il riordino di tutto il Peten incoronando re e confermando sovrani già presenti. A Tikal il nuovo re si chiama Yax Nuun Ahyiin I, figlio del re di Teotihuacan e di una principessa maya di Tikal. Il regno di Yax Nuun Ahyiin I è caratterizzato dalla massiccia presenza di iconografia teotihuacana nell’arte pubblica. Non esiste un solo esempio di ritratto di Yax Nuun Ahyiin I che sia in stile maya. Alla sua morte lo segue sul trono il figlio Siyaj Chan K’awiil II. Egli fece erigere la celebre Stele 31, ove lo si vede vestito come re maya, affiancato su entrambi i lati da immagini del padre in uniforme teotihuacana.
La città, che raggiunse il suo massimo splendore tra il 700 e l’800 d.C., venne realizzata rispettando un codice simbolico relativo alle credenze cosmiche maya. Numerosi templi sorgono presso la Grande Piazza Centrale, caratterizzati per l’ascesa in verticale, come la piramide in nove corpi a cui venne aggiunta una cresta decorata. Spesso ospitano ancora intatti ampi corredi funerari. Il centro di culto è composto da sette complessi architettonici che ospitano stele ed altari. L’Acropoli invece non sembra essere destinata ai riti di culto, ma ad un uso residenziale.
Oggi la sola parte centrale dell’antica città contiene 3.000 edifici e copre circa 16 chilometri quadrati.
Tikal fa anche parte della Riserva della Biosfera Maya da un milione di ettari creata nel 1990 per proteggere le fitte foreste della Peten, che ha iniziato a scomparire a un ritmo allarmante a causa delle pressioni della popolazione, del disboscamento illegale e delle pratiche agricole tagliate e bruciate.
I grandi monumenti di pietra di Tikal languirono per secoli e furono gradualmente ripresi dalla giungla. Hernan Cortes, il conquistatore del Messico, e la sua variegata banda di conquistatori marciarono da Tikal nel 1525, ma non riuscirono a vedere i suoi templi nascosti da alberi di seta, cotone, cedro e mogano alti 40 metri.
Le rovine di Tikal si trovano infatti su una pianura coperta di foresta pluviale, comprendente ceiba (Ceiba pentandra) alberi consacrati dai Maya; cedri tropicali (Cedrela odorata) e mogano (swietenia). Riguardo alla fauna, si incontrano facilmente aguti, atelinae, scimmie urlatrici, pavoni, tucani, pappagalli verdi e formiche tagliatrici di foglie. Giaguari e coati sono stati avvistati all’interno del parco.
Enormi alberi ancora avvolgono gli edifici di Tikal, che si raggruppano in gruppi raggiunti da larghe strade rialzate che si snodano attraverso la foresta tropicale, ospitando tucani, pappagalli, tacchini selvatici, scimmie urlatrici, mantimundi simili a procioni e innumerevoli altre creature.
Successivamente dei frati spagnoli scrissero di una grande città nascosta nelle foreste della Peten. Bisogna arrivare al 1848 quando una spedizione inviata dal governo guatemalteco scoprì ufficialmente le rovine. Gli archeologi svizzeri, tedeschi e britannici presto seguirono per rimuovere i detriti e iniziare a studiare il sito.
Il Museo dell’Università della Pennsylvania e l’Istituto guatemalteco di antropologia e storia hanno riportato le strutture di Tikal alle loro condizioni attuali negli anni ‘50 e ‘60. L’UNESCO ha designato le rovine come Patrimonio dell’Umanità nel 1979. Oggi Tikal è in Guatemala ciò che le Grandi Piramidi sono per l’Egitto, un simbolo nazionale e una fonte di orgoglio in passato.
Tra i monumenti storici che risaltano ricordiamo la grande scala di Tikal che stupisce anche coloro che hanno visitato spettacolari siti Maya come Palenque e Chichen Itza in Messico.
Il Tempio del Gran Giaguaro (Tempio I) e il Tempio delle Maschere (Tempio II) si profilano come una coppia di colossali fermalibri sui lati opposti della Grande Plaza, una vasta distesa circondata da terrazze, palazzi e campi da ballo.
Il Tempio I sorge a circa 50 metri sopra l’estremità orientale della piazza. Una scala di pietra conduce ai nove livelli della piramide, corrispondenti ai nove livelli degli inferi Maya. I turisti sono morti a morte da questi vertiginosi gradini, spingendo le autorità del parco a vietare di recente l’arrampicata.

Nel 1958, gli archeologi hanno scoperto la tomba di Ah Cacau (Lord Chocolate), uno dei più grandi sovrani di Tikal, all’interno del Tempio I. Lo scheletro di Ah Cacau era decorato con ornamenti di giada e circondato da preziose offerte, tra cui ceramiche, alabastro, conchiglie e perle dal Costa caraibica. Puoi vedere una replica di questa elaborata tomba nel Museo Tikal vicino al centro visitatori.
Il Tempio I ha prodotto altri tesori, tra cui architravi in legno finemente intagliati sopra le sue porte, che hanno fornito indizi sulle credenze Maya e sulla cosmologia.
Chiamato Tempio delle Maschere a causa delle enormi maschere di pietra che sorvegliano le sue scale, il Tempio II è alto quasi quanto il Tempio I, ma più sicuro da scalare. La sua sommità offre viste di poster di viaggio sulla Grande Plaza e su due labirintici complessi cerimoniali e residenziali chiamati Acropoli del Nord e Acropoli centrale.
Dozzine di pilastri di pietra conosciuti come stele, ciascuno abbinato a un altare circolare, si ergono in file in tutta la piazza e lungo le terrazze circostanti. Sculture e glifi che commemorano date importanti e le grandi opere dei sovrani di Tikal adornano ancora molti di questi monoliti alterati.
Dalle sommità delle piramidi di Tikal, gli astronomi Maya hanno seguito i movimenti di Venere e di tutti gli altri pianeti visibili.
I Maya hanno usato questi calcoli – estremamente accurati anche secondo gli standard odierni – per mettere a punto il loro calendario complesso, che può essere paragonato a un sistema di ingranaggi ad incastro costituito da un calendario di 260 giorni noto come tzolkin che si è unito a un 365 giorni calendario solare per completare cicli di 52 anni.
Una delle stele di Tikal registra una data misteriosa più di cinque milioni di anni fa in passato, e glifi su una stele a Quirigua, nel Guatemala orientale, commemora un oscuro evento accaduto 400 milioni di anni fa.

Flora –
La regione di Petén e la foresta Maya ospitano un’impressionante diversità di flora e fauna nei suoi vari habitat terrestri e di acqua dolce. Più di 2000 piante superiori, tra cui 200 specie di alberi sono state inventariate. Palme, epifite, orchidee e bromeliacee abbondano nei vari tipi di foresta.
La giungla attorno Tikal, oltre alla sua vegetazione autoctona, ha protetto antiche specie coltivate come: cotone, sisal, tabacco, fagioli, zucca, zucche, patate dolci, peperoni, avocado, molti frutti, ed altri relitti ornamentali e piante di importanza economica.
Si può dire che attorno a Tkal esista un immenso laboratorio per la conservazione di piante, dove botanici e altri scienziati possono ancora trovare in abbondanza il germoplasma primordiale.
Tra le specie presenti sono le orchidee quelle più numerose rispetto alle altre piante.
L’importanza di questa fonte di approvvigionamento di germoplasma può avere una grande importanza per l’agricoltura del futuro, soprattutto del Nord America.
Infatti i ricercatori sono costantemente alla ricerca di varietà più resistenti che possano far aumentare i raccolti e rafforzare la tolleranza alla siccità e la resistenza agli insetti e alle malattie.
Tutti questi fattori contribuiscono all’importanza che la giungla del Guatemala, vero laboratorio a cielo aperto, possa detenere per l’agricoltura del futuro.
La Texas Research Foundation è attualmente impegnata in un sondaggio per determinare l’estensione e la varietà delle risorse vegetali della regione e per valutare l’antica agricoltura Maya delle pianure del Guatemala.
Ad oggi, questo sondaggio, sulle risorse vegetali, ha registrato oltre duemila specie.

Fauna –
I diversi ecosistemi e habitat ospitano un ampio spettro di fauna e flora neotropicali. Cinque felini, tra cui Jaguar e Puma, diverse specie di scimmie e formichieri e più di 300 specie di uccelli fanno parte della notevole fauna selvatica. Le foreste comprendono oltre 200 specie di alberi e oltre 2000 piante più alte sono state registrate nei diversi habitat.
Gli oltre 100 mammiferi comprendono oltre 60 specie di pipistrelli, cinque specie di felidi: Jaguar, Puma, Ocelot, Margay e Yaguarondi, nonché molte specie in via di estinzione.
Le oltre 330 specie di uccelli registrate includono la Meleagris ocellata, quasi minacciata, l’Aquila crestata (Morphnus guianensis)e l’aquilastore ornato (Spizaeto ornato), nonché il vulnerabile l’hocco maggiore (Crax rubra). Degli oltre 100 rettili spiccano la tartaruga del fiume centroamericana in via di estinzione, il coccodrillo di Morelet e 38 specie di serpenti. Oltre a 25 specie di anfibi conosciute, vi è una notevole fauna ittica e una grande diversità di invertebrati. La proprietà è anche nota per le varietà selvatiche di diverse importanti piante agricole.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *