Parco nazionale delle dune dell’Indiana

Parco nazionale delle dune dell’Indiana

Il parco nazionale delle dune dell’Indiana, il cui Codice WDPA è: 1077, è un parco nazionale degli Stati Uniti d’America situato nel nordovest dello stato dell’Indiana, gestito dal National Park Service.
Questo parco è stato istituito inizialmente dal Congresso nel 1966 come Lungolago nazionale delle dune dell’Indiana (Indiana Dunes National Lakeshore) fino alla designazione quale 61º parco nazionale nel 2019.

Geografia –
Il parco nazionale delle dune dell’Indiana è un parco nazionale degli Stati Uniti situato nell’Indiana nordoccidentale e l’area protetta si estende per quasi 40 km lungo la sponda meridionale del lago Michigan, su una superficie di circa 6.100 Ha. La sede del parco e il suo centro per visitatori si trova a Porter. Nel parco sono presenti dune di sabbia, zone umide, praterie, fiumi e foreste.

Clima –
Il clima del parco nazionale delle dune dell’Indiana è fortemente influenzato dal lago Michigan e può cambiare rapidamente. Le estati sono calde e umide con temperature elevate generalmente intorno ai 30 ºC e temperature basse intorno ai 18 ºC. Ci sono circa 15 giorni all’anno sopra i 32 ºC. I periodi caldi sono occasionalmente interrotti dall’azione frontale discendente dal Canada. Questo generalmente porta giorni di clima piacevole e secco. Il sole in estate è abbondante.
Le massime in inverno sono generalmente comprese tra i 0 ºC e le temperature basse tra i -5 ºC. Ci sono circa 15 giorni all’anno al di sotto di -18 ºC. Gli inverni tendono ad essere nuvolosi ad eccezione dei periodi di freddo estremo quando il cielo è sereno.

Flora –
Il parco nazionale delle dune dell’Indiana offre l’habitat per circa 1.130 piante vascolari autoctone, incluso il cardo di Pitcher minacciato a livello federale. Il parco ospita popolazioni del 30% delle specie vegetali rare, minacciate, in via di estinzione e di interesse speciale dell’Indiana. Modellato da eventi glaciali e climi mutevoli, il paesaggio delle dune contiene una flora disgiunta rappresentativa delle foreste decidue orientali, resti di foresta boreale e specie con affinità della costa atlantica. Inoltre, il parco nazionale fa parte dei limiti superiori e più orientali della penisola della prateria di tallgrass e supporta resti di alta qualità di questo tipo di vegetazione in continua diminuzione. La presenza di molti tipi unici di comunità vegetali di dune e zone umide ha portato a una lunga storia di esplorazione e ricerca botanica. Le terre all’interno del parco nazionale sono state definite il luogo di nascita dell’ecologia americana come risultato dei primi lavori sulla successione delle piante eseguiti dal dottor Henry Cowles oltre 100 anni fa. Le indagini relative a diverse aree dell’ecologia vegetale continuano oggi e sono considerate essenziali per preservare gli ecosistemi dinamici delle dune dell’Indiana.

Fauna –
La diversità biologica è stata una delle ragioni principali per la creazione del parco nazionale delle dune dell’Indiana. Poiché il parco nazionale si trova in diverse zone di transizione ecologica, la diversità è molte volte maggiore della maggior parte delle aree delle sue dimensioni. In effetti, il parco nazionale delle dune dell’Indiana è il quarto per diversità biologica tra i parchi nazionali nonostante abbia solo 6.100 Ha. Le specie residue dei cambiamenti climatici passati sono riuscite a sopravvivere in habitat protetti. L’effetto moderatore del lago Michigan, insieme alla grande varietà di habitat all’interno di una piccola area, spiega gran parte della diversità vegetale e animale. Qui si trovano 46 specie di mammiferi, 18 specie di anfibi, 23 specie di rettili, 71 specie di pesci, 60 specie di farfalle e 60 specie di libellule e damigelle. Il più grande erbivoro è il cervo dalla coda bianca mentre il più grande predatore è il coyote. Sono state identificate oltre 350 specie di uccelli, di cui 113 nidificanti regolari. Il parco nazionale fornisce anche l’habitat per un grande nido di aironi blu e la farfalla blu Karner in via di estinzione a livello federale.
Inoltre, situato all’estremità meridionale del lago Michigan, il parco nazionale delle dune dell’Indiana è un’importante area di alimentazione e riposo per gli uccelli migratori. Il parco nazionale è tra i primi cinque di tutti i parchi nazionali in termini di numero di specie di uccelli registrate con oltre 350 specie confermate. Il lago Michigan influenza i modelli di migrazione delle specie di uccelli. Durante la migrazione autunnale, gli uccelli diretti a sud seguono la costa nord-sud e vengono incanalati nelle dune dell’Indiana. Inoltre, la distesa di mare aperto e i km di costa possono attirare un gran numero di uccelli svernanti. Il parco nazionale delle dune dell’Indiana offre un’eccellente opportunità per gli appassionati di birdwatching di vedere una varietà di specie di uccelli. I birdwatcher possono osservare gli uccelli lungo la costa con un cannocchiale, sostare sulle dune osservando i falchi durante la migrazione o cercare gli uccelli delle zone umide nelle sezioni rimanenti della Great Marsh. Il parco nazionale effettua il monitoraggio annuale degli uccelli in diverse località del parco. Il monitoraggio si concentra sul monitoraggio delle tendenze della popolazione degli uccelli nidificanti. I programmi di monitoraggio forniscono dati preziosi sullo stato degli uccelli nel parco e contribuiscono anche agli sforzi nazionali per monitorare le popolazioni di uccelli.
Il parco nazionale delle dune dell’Indiana ha, inoltre, documentato 46 specie di mammiferi. I mammiferi comuni osservati nel parco includono; toporagno dalla coda corta settentrionale, talpa orientale, piccolo pipistrello marrone, pipistrello rosso orientale, grande pipistrello marrone, silvilago orientale, scoiattolo orientale, marmotta, scoiattolo di terra a tredici linee, scoiattolo grigio orientale, scoiattolo volpe rossa orientale, scoiattolo volante del sud, topo dai piedi bianchi, topo cervo della prateria, ratto norvegese, topo domestico, arvicola dei prati, topo muschiato comune, volpe rossa, procione comune, castoro e cervo dalla coda bianca.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.