Western Finncattle

Western Finncattle

La Western Finncattle o Länsisuomenkarja in finlandese è una razza bovina Bos taurus Linnaeus, 1758) originaria della Finlandia con attitudine prevalente per la produzione di latte.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Animalia, Sottoregno Eumetazoa, Superphylum Deuterostomia, Phylum Chordata, Subphylum Vertebrata, Infraphylum Gnathostomata, Superclasse Tetrapoda, Classe Mammalia, Sottoclasse Theria, Infraclasse Eutheria, Superordine, Laurasiatheria, Clade Ungulata, Ordine Artiodactyla, Sottordine Ruminantia, Infraordine Pecora, Famiglia Bovidae, Sottofamiglia Bovinae e quindi al Genere Bos, alla Specie Taurus ed alla Razza Western Finncattle.

Distribuzione Geografica ed Areale –
La Western Finncattle (Länsisuomenkarja) è la prevalente razza presente in Finlandia, con circa 4.000 capi di bestiame, ma con cifre in diminuzione. Tale fenomeno è dovuto in parte all’aumento di capi di altre due razze molto simili che sono: Eastern e Northern Finncattle, poiché i sussidi per l’allevamento di queste due razze sono più alti.
Tutte le razze Finncattle sono di piccole dimensioni, tutte naturalmente prive di corna, anche se si distinguono nell’aspetto e nei livelli di produzione. La razza Western Finncattle è la più grande delle tre razze, e le vacche producono circa 6435 litri di latte per lattazione (a confronto, la razza Holstein produce una media di 8630 litri).
L’area geografica della Western Finncattle è formata dagli attuali confini finlandesi, formati nel 1947. Prima della guerra questa razza si trovava principalmente nella zona occidentale del paese.

Origini e Storia –
La Western Finncattle è una razza originaria della Finlandia e, come detto, fino ad oggi, è la razza dominante in Finlandia; sembra che siano entrati anche riproduttori di altre razze nella sua storia recente.
Le origini della Western Finncattle risiedono nelle antiche razze bovine che furono portate in Finlandia, si presume dalla zona baltica, in un periodo che può essere datato tra circa 4300 e 5200 anni fa. Si ritiene che le greggi di bovini si siano ben stabilite durante l’Età del Bronzo 2500 – 3700 anni fa. Le Western Finncattle si differenziano da altri bovini europei sia da un punto di vista genetico sia per l’aspetto, poiché gli animali si sono adattati alle condizioni di vita del luogo e alle scelte di allevamento fatte dall’uomo.
A metà del diciannovesimo secolo il gruppo Finncattle, rappresentato, oltre che dalla Western Finncattle, anche dalla Eastern e dalla Northern Finncattle il loro numero è diminuito in maniera significativa, raggiungendo il minimo negli anni ottanta del ventesimo secolo. Le Western Finncattle furono registrate nei libri genealogici a partire dal 1906, ma le tre razze furono combinate nel 1947, e la razza Western fu selezionata come lo standard ufficiale della razza Finncattle. Tuttavia, i tre tipi rimangono distinti e oggi sono considerate razze separate, nonostante condividano un registro genealogico.

Morfologia –
La Western Finncattle è una razza che si caratterizza per il suo mantello di color rosso formentino, dorato o marrone-beige, con ventre a volte macchiato di bianco nella regione della mammella. È inoltre una razza geneticamente acorna (polled head) e con colorazione del musello roseo.
La Western Finncattle, come le altre due razze finlandesi è di piccola dimensione (con un peso medio nei capi adulti di 527 kg) anche se, tra di loro, si distinguono nell’aspetto e nei livelli di produzione.

Attitudine produttiva –
La razza Western Finncattle è allevata prevalentemente per la produzione di latte anche se alcuni produttori la utilizzano anche per la produzione di carne.
Le vacche producono, come detto, circa 6435 litri di latte per lattazione. I bovini Western Finncattle si sono adattati al clima finlandese meglio di altre razze bovine, e tendono a vivere a lungo e ad essere molto fertili. Nel latte il contenuto lipidico, con particolare riferimento a quello di acidi grassi buoni, è più alto che in altre razze finlandesi, inoltre le proteine del latte di Finncattle hanno molta Kappa Caseina di tipo B, che manca invece ad altri latti.
Il latte di Finncattle ha inoltre migliori proprietà di coagulazione, che è vantaggioso per la produzione di formaggio, di vili (un prodotto simile allo yogurt ma con il latte acido) e di yogurt. Il latte di Finncattle è spesso venduto crudo direttamente dalle fattorie per essere consumato o trasformato ulteriormente, tuttavia la produzione è ridotta e i canali di distribuzione limitati.
Oltre alle sue capacità produttive, per cui la razza Western Finncattle viene allevata, questi bovini vengono utilizzati a scopo di ricerca e per la riproduzione, al fine di preservare questa razza autoctona e la biodiversità. La conservazione attiva di razze animali autoctone della Finlandia ha avuto inizio negli anni Settanta e nel 1984 il Ministro dell’Agricoltura e Scienze Forestali stabilì un gruppo di lavoro per una banca del gene per salvare le razze finlandesi, compresa quindi anche la Western Finncattle. Oltre alle fattorie singole, le greggi di Finncattle sono state allevate in fattorie collegate a prigioni e istituti agrari. Oggi questa razza rischia l’estinzione per via del suo numero limitato, una mancata conoscenza da parte dei consumatori e politiche rurali che supportano altre produzioni su larga scala.

Guido Bissanti

Fonti-
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Roberto Parigi Bini, 1983. Le razze bovine, Pàtron editore, Bologna.
– Daniele Bigi, Alessio Zanon , 2010. Atlante delle razze autoctone. Bovini, equini, ovicaprini, suini allevati in Italia, Edagricole-New Business Media, Bologna.

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *