Riproduzione del Gelso da carta

Riproduzione del Gelso da carta

Il gelso da carta (Broussonetia papyrifera (L.) L’Hér. ex Vent.) è un albero della famiglia delle Moraceae, originario dell’Asia.

Habitat idoneo di riproduzione –
La Broussonetia papyrifera è una pianta originaria dell’Asia, in un areale che comprende Taiwan, Cina, Giappone, Corea, Sud-est asiatico, Birmania e India.
Questa specie è ampiamente coltivata da tempo anche altrove e cresce come specie introdotta in alcune parti dell’Europa, degli Stati Uniti e dell’Africa.
In Europa fu introdotta verso la metà del XVIII secolo come pianta ornamentale. Venne usata per creare il primo tipo di carta, da attribuire a Cai Lun, inventore cinese, vissuto sotto la dinastia Han, che divenne successivamente un alto funzionario dell’Imperatore He, presso cui curò innovazioni tecniche a partire dalle armi ed a cui è tradizionalmente attribuita l’invenzione della carta intorno al 105.
Questa pianta dopo l’introduzione in Europa, come essenza ornamentale, è sfuggita ben presto dai giardini e dai parchi grazie al carattere frugale e pioniere. Oggi si trova facilmente lungo i bordi di strade e binari ferroviari e negli incolti lungo le spiagge.
Il suo habitat in natura è quello dei boschi, burroni di montagna e foreste, boschi di pianura aridi o umidi, aree aperte, foresta secondaria, lungo i torrenti in boschi di latifoglie, preferendo l’umidità, ad altitudini fino a 2.000 metri.
È una pianta rustica, indifferente al substrato, sopporta il freddo e posizioni scarsamente luminose.

Propagazione –
La Broussonetia papyrifera è un albero molto adattabile che cresce quasi fino a circa 2.000 metri, ma il suo areale si estende anche nella zona temperata dove le piante mature possono sopportare temperature fino a circa -10 °C.
Cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 15 e 28 °C e preferisce una piovosità media annua nell’intervallo 800 – 2.500 mm, ma tollera 500 – 3.000 mm.
È facilmente coltivabile in posizione calda e soleggiata in qualsiasi terreno ed è una specie resistente alla siccità una volta attecchita.
Dal punto di vista pedologico cresce bene anche su terreni poveri sabbiosi o ghiaiosi in condizione di pH compreso tra 5 e 7,5, tollerando tra 4,5 e 8.
Pianta resistente all’inquinamento urbano a rapida crescita.
La propagazione può avvenire per seme e non è richiesto alcun pretrattamento. La semina va effettuata direttamente nei vasi; la germinazione avviene generalmente entro 1 – 3 mesi a 15 °C.
Le giovani piantine vanno fatte crescere e trapiantate quando sono abbastanza grandi da poter sopportare l’impianto in pieno campo.
Si può propagare anche per talea con legno semimaturo, lunghi 8 – 12 cm o anche di legno maturo di rami della stagione.

Ecologia –
Il gelso da carta vanta un impiego di antichissima storia. Era usato dagli antichi austronesiani per fare la corteccia.
Vari studi genetici hanno tracciato le origini delle popolazioni di Broussonetia papyrifera nel Pacifico remoto fino a Taiwan attraverso la Nuova Guinea e le Sulawesi. Nelle Filippine, lungo il percorso di espansione, la Broussonetia papyrifera è per lo più discendenti delle introduzioni moderne nel 1935. Le antiche introduzioni presumibilmente si estinsero nella preistoria a causa della loro sostituzione con tessuti lavorati a mano, dato che la Broussonetia papyrifera generalmente sopravvive solo sotto coltivazione umana. Tuttavia, la sua assenza nelle Filippine sottolinea ulteriormente le sue origini a Taiwan e non all’interno dell’isola del sud-est asiatico. Inoltre, le popolazioni di Broussonetia papyrifera in Nuova Guinea mostrano anche un afflusso genetico da un’altra espansione dall’Indocina e dalla Cina meridionale.
Si ritiene che sia il raccolto di fibre più trasportato nella preistoria.
La Broussonetia papyrifera è presente in quasi tutte le isole o gruppi di isole della Polinesia, comprese Rapa Nui e Aotearoa. Alcune popolazioni si sono recentemente estinte dopo aver smesso di essere coltivate, come nelle Isole Cook e Mangareva, sebbene esistano resoconti ed esemplari preparati di corteccia ed erbario nelle collezioni museali raccolte dagli europei durante l’era coloniale. Sono stati diffusi dai polinesiani principalmente attraverso la propagazione vegetativa con talee e germogli di radici. Raramente venivano coltivate dai semi, poiché la maggior parte delle piante veniva raccolta prima della fioritura, quando gli steli raggiungono circa 2,5 cm di diametro, come descritto dai resoconti europei del XVIII secolo. Le piante selvatiche riprodotte sessualmente sono sconosciute, poiché le piante sono dioiche e richiedono la presenza di esemplari maschili e femminili in un’isola.
L’albero fu introdotto in Nuova Zelanda dai primi coloni Maori (le storie orali menzionano le canoe Ōtūrereao, Tainui e Aotea come fonti).
L’albero era comunemente visto durante i viaggi di James Cook negli anni ’70 del Settecento, tuttavia l’albero probabilmente si estinse negli anni Quaranta dell’Ottocento, a causa della ridotta coltivazione e predazione da parte di maiali e bovini che si nutrivano dell’albero. Fu poi reintrodotto in Nuova Zelanda dalle piante giapponesi durante la colonizzazione europea.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.