Riproduzione dell’Abete rosso del Colorado

Riproduzione dell’Abete rosso del Colorado

L’Abete rosso del Colorado o peccio del Colorado (Picea pungens Engelm., 1879) è una pianta della famiglia delle Pinaceae, originaria delle Montagne Rocciose, in particolare del sud-est dell’Idaho, Wyoming, Utah e Colorado, con popolazioni isolate in Montana, Arizona e Nuovo Messico.
Questa pianta è stata importata in Europa a metà Ottocento.

Habitat idoneo di riproduzione –
Per la propagazione del Picea pungens si tenga conto che è una specie subalpina che vegeta ad altitudini comprese tra 1800 e 3300 m, prevalentemente lungo torrenti di montagna o negli umidi versanti settentrionali, su litosuoli montani o ghiaiosi normalmente poco sviluppati.
Il clima ottimale è quindi quello continentale, con inverni lunghi, freddi e nevosi, ed estati corte ma relativamente calde; le precipitazioni annue variano tra 600 e 900 mm. in queste zone cresce in piccole formazioni pure e sparpagliate, oppure miste con Pseudotsuga menziesii var. glauca, Pinus contorta e Populus tremuloides.

Propagazione –
L’ abete rosso del Colorado è una conifera a crescita lenta utilizzata in molti paesaggi.
Questa pianta si può propagare in vari modi.
Nella propagazione per talea di stelo, sebbene il successo di radicamento delle talee di stelo non sia comune, è noto che è possibile. Il successo aumenta con il taglio di alberi vigorosi containerizzati. I rametti in vegetazione raccolti al mattino presto danno i migliori risultati perché il legno è più gonfio. Anche un trattamento IBA tra lo 0,3% e l’1,0% è vantaggioso. L’uso di steli laterali per talea produrrà una pianta indesiderabile e prostrata, quindi si consigliano steli eretti.
Per quanto riguarda il substrato su cui effettuare la radicazione la ricerca mostra che un mezzo di miscela di sabbia e torba è il migliore.
Si può propagare anche per innesto.
La Picea pungens viene solitamente innestata su un portainnesto di Picea abies dormiente durante i mesi invernali. È utile immergere le basi dell’innesto in IBA a 200 ppm per tre minuti prima dell’innesto. Anche la stratificazione è stata praticata con successo.
Picea pungens può essere anche micropropagata vegetativamente per embriogenesi somatica. L’embriogenesi somatica ristabilisce la fase giovanile del ciclo di vita di una pianta. Con l’embriogenesi somatica, il ringiovanimento può essere ripristinato dalle parti mature della pianta.
Per quanto riguarda la propagazione per seme si ricorda che la produzione di semi per questa pianta inizia a circa 20 anni di età. Un albero normale produrrà un raccolto completo di coni solo ogni due o tre anni. Il seme inizia a cadere dai coni verso settembre. La riproduzione naturale del Picea pungens non è comune, probabilmente perché il seme leggero non entra in contatto con il terreno. Tuttavia, i semi germinano su una varietà di substrati.
Un tempo si pensava che il Picea pungens avesse una dormienza embrionale, ma ora la ricerca ha appurato che non è così. Le piantine crescono continuamente se esposte a più di 16 ore di luce al giorno. Le piantine entrano in dormienza quando ricevono meno di 12 ore di luce al giorno. La dormienza può essere prevenuta con un periodo di luce diurna di 12 ore con una pausa di due ore durante la notte con luce rossa o bianca. La crescita delle piantine è molto lenta, con un’altezza compresa tra 15 e 23 pollici durante i primi cinque anni.

Ecologia –
L’Abete rosso del Colorado è una pianta che, nelle aree di origine, si trova più comunemente lungo i ruscelli nelle valli montane, dove i livelli di umidità nel suolo sono maggiori di quanto suggerirebbero le scarse precipitazioni nella zona. Le grandi foreste di conifere negli Stati Uniti occidentali ospitano la maggior parte delle formazioni selvatiche, anche se è possibile vedere popolazioni quasi ovunque in quell’area. Le Montagne Rocciose del Colorado sono un ottimo posto per trovare un abete rosso. Il più delle volte si trova allo stato selvatico in Utah e Colorado, occasionalmente fa apparizioni nel New Mexico e nel Wyoming.
L’abete rosso autoctono tende a vivere ad altitudini più elevate da 1.750-3.000 m, ma quelli non autoctoni possono crescere in qualsiasi tipo di paesaggio grazie alla loro capacità di adattamento.
L’abete rosso, nonostante la sua zona di origine limitata, è in grado di crescere in un’ampia varietà di condizioni ed è considerato altamente desiderabile come pianta paesaggistica a causa dell’insolito colore blu-grigio del suo fogliame.
Nelle foreste di conifere che coprono vaste aree ma hanno poche specie vegetali e animali vivono alcuni animali come il gallo cedrone e molte specie di insetti e vermi, che risiedono tra gli alberi e nel terreno. Altri uccelli possono nidificare in questi alberi e contribuire al bioma e all’ecosistema.
L’abete rosso del Colorado svolge un ruolo cruciale in questo habitat. La nicchia ecologica della Picea pungens che cresce nei boschi di conifere delle valli montane comprende l’assorbimento di luce, acqua e sostanze nutritive (per la fotosintesi ), il riparo per uccelli, piccola selvaggina e insetti e il cibo per organismi come scoiattoli e pernici, nonché cedere ossigeno.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.