Fasce vegetazionali

Fasce vegetazionali

Le fasce vegetazionali sono delle aree altimetriche che, regione per regione, sono caratterizzate dalla presenza di formazioni floristiche tipiche.
Le fasce vegetazioni sono in relazione ai climogrammi o diagrammi climatici, che sono rappresentazioni dei parametri climatici di base, che tipicamente sono la temperatura media e le precipitazioni in una data località.
I chimogrammi vengono utilizzati per rappresentare in modo rapido e sintetico il clima di una data località fornendo un quadro chiaro e preciso, di facile comprensione anche ai non esperti del settore.
Le fasce vegetazioni sono pertanto in relazione ai due fattori climatici più importanti che caratterizzano maggiormente la vita delle piante e che sono:
– il calore e la temperatura;
– le precipitazioni.
I dati delle temperature e delle precipitazioni si ricavano dei diagrammi pluviometrici che sono dei grafici che vengono costruiti secondo il criterio di Gausse e Bagnouls, modificato poi da Walter e Lieth.

Di seguito si riporta uno schema di fasce vegetazionali secondo le formazioni vegetali italiane:
1. praterie alpine – fascia alpina o alpica;
2. arbusteti subalpini – fascia subalpina o subalpica;
3. formazioni altimediterranee – fascia irano-nevadense;
4. foreste di conifere oroboreali – fascia oroboreale;
5. foreste di conifere temperate – distribuite in più fasce;
6. faggete – fasce orosubatlantica e colchica;
7. querceti misti caducifogli – fasce sudalpina, padana, submediterranea e supramediterranea;
8. castagneti – distribuiti in più fasce;
9. boschi e macchie mediterranee – fascia mediterranea;
10. boschi e arbusteti igrofili – distribuiti in più fasce.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.