Come si coltiva l’Acero negundo

Come si coltiva l’Acero negundo

L’Acero negundo o acero americano o acero bianco (Acer negundo L., 1753) è un albero originario dell’area orientale del Nord America che fu introdotto in Europa nel 1688 ed è tipico dei giardini e dei viali dell’Italia settentrionale e centrale. Questa specie è allo stato inselvatichito lungo torrenti e fiumi.
Le strutture riproduttive di questa pianta dioica sono infiorescenze maschili che sono formate da corimbi eretti, giallo-verdastri con sfumature rosate ed infiorescenze femminili costituite da amenti più lunghi e penduli di color giallo-verdastro. La pianta fiorisce in aprile-maggio. I frutti sono rappresentati da samare doppie ad ali allungate.

Coltivazione –
L’Acer negundo per essere coltivato ha bisogno di luoghi ben soleggiati o parzialmente ombreggiati; è una pianta che non teme il freddo e sopporta senza problemi le gelate intense ma anche l’estate più calda e torrida. Tuttavia, nella prima fase della loro vita sia consiglia di proteggere le radici delle giovani piante da poco poste a dimora, pacciamando il terreno con fogliame o paglia.
Tranne che nei primi anni di vita, in cui è necessaria una irrigazione di soccorso nei periodi più caldi estivi, la pianta poi si accontenta delle piogge. All’impianto ed in primavera è opportuno apportare sul terreno attorno all’albero del concime organico (ma senza abbondare) ben maturo, interrandolo con una zappa.
Dal punto di vista pedologico l’ Acer negundo è una pianta che si adatta a vari tipi di terreno anche se predilige suoli soffici e mediamente drenati, non particolarmente ricchi in materia organica. In generale gradisce terreni di medio impasto con buona areazione.
La moltiplicazione si può effettuare prelevando talee semilegnose, dagli apici dei rami che non hanno fiorito; come molti altri aceri tende ad auto riseminarsi, quindi è facile trovare molti esemplari giovani alla base dell’albero, che sarebbe meglio contenere.

Usi –
L’Acer negundo è una pianta molto usata come ornamentale anche per il suo rapido accrescimento. Come l’Acero saccarino, dalla linfa si ottiene una sostanza zuccherina, chiamata sciroppo d’acero (maple syrup) e usata sui pancakes.
Il legno chiaro, leggero e fragile non trova grande impiego in falegnameria, ma può essere usato per realizzare prodotti a base di fibra di legno. È una pianta visitata dalle api per il polline ed il nettare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *