Leptospermum scoparium

Leptospermum scoparium

La Manuka (Leptospermum scoparium J. R. Forst. & G. Forst., 1776) è una specie arbustiva appartenente alla famiglia delle Myrtaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Sottoregno Tracheobionta,
Superdivisione Spermatophyta,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Sottoclasse Rosidae,
Ordine Myrtales,
Famiglia Myrtaceae,
Sottofamiglia Myrtoideae,
Tribù Leptospermeae,
Genere Leptospermum,
Specie L. scoparmi.
Sono sinonimi i termini:
– Leptospermum bullatum Fitzh.;
– Leptospermum floribundum Salisb.;
– Leptospermum humifusum A.Cunn. ex Schauer;
– Leptospermum linifolium (Sol.) Dum. Cours.;
– Leptospermum multiflorum Cav.;
– Leptospermum nichollsii Dorr. Sm.;
– Leptospermum obliquum Colla;
– Leptospermum oxycedrus Schauer;
– Leptospermum pungens Otto & A.Dietr.;
– Melaleuca scoparia (J.R.Forst. & G.Forst.) L.f.;
– Melaleuca tenuifolia J.C.Wendl..

Etimologia –
Il termine Leptospermum proviene dal greco λεπτός leptós sottile, tenue, delicato e da σπέρμα spérma seme: dal seme sottile.
L’epiteto specifico scoparmi viene da scopa scopa, granata: adatto per fare scope o simile a una scopa.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Manuka è una pianta originaria del sud Australia orientale e Nuova Zelanda (comprese le Isole Chatham) ma è particolarmente comune sulle coste orientali più secche delle isole del Nord e del Sud, e in Australia in Tasmania, Victoria e Nuovo Galles del sud.
La ricerca ed i reperti suggeriscono che L. scoparium abbia avuto origine in Australia prima dell’inizio dell’aridità del Miocene e si sia spostato a seguito di eventi di dispersione a lunga distanza in Nuova Zelanda dall’Australia orientale durante gli ultimi 20 milioni di anni. I cicloni e altre attività del vento sono molto probabilmente responsabili del trasporto di semi su lunghe distanze. I sostenitori di questa affermazione citano prove che il genere Leptospermum è sorto in condizioni in cui gli incendi boschivi frequenti erano comuni (cioè in Australia, e non nella temperata Nuova Zelanda), perché possiedono caratteristiche di adattamento al fuoco.
È stata introdotta in altri Paesi come nel Regno Unito e nell’arcipelago delle Hawaii dove la pianta è sfuggita alla coltivazione in alcune aree ed è vista come una possibile minaccia per la flora nativa dell’Africa meridionale e delle Hawaii.
Il suo habitat è vario trovandosi dalle pianure alle zone alpine, Nord, Sud, Stewart e Isole Chatham, nella brughiera rocciosa e sabbiosa, spesso vicino a ruscelli e spesso in siti rocciosi.

Descrizione –
Leptospermum scoparium è una pianta con un’altezza di 2–5 m con portamento arbustivo o di piccolo albero anche se può crescere con dimensioni moderate, fino a 15 m o giù di lì.
È una pianta sempreverde, con ramificazioni dense e foglie piccole di 7-20 mm di lunghezza e 2-6 mm di larghezza, con all’apice una parte spinosa.
I fiori sono bianchi, a volte rosa, di 8-15 mm (raramente fino a 25 mm) di diametro, con cinque petali.
Il legno è consistente e duro.
Questa specie viene spesso confusa con la specie correlata kānuka (Kunzea ericoides (A.Rich.) Joy Thomps.). Il modo più semplice per distinguere le due specie sul campo è il loro fogliame – le foglie di mānuka sono spinose, mentre le foglie di kānuka sono morbide.
In alternativa, le capsule dei semi di mānuka sono grandi (5–7 mm) di diametro) e spesso rimangono sulla pianta tutto l’anno, mentre le capsule dei semi di kānuka sono molto più piccole (2,2–4,6 mm di diametro) e non sono presenti per gran parte dell’anno.

Coltivazione –
Il Leptospermum scoparium è una pianta poco resistente al freddo, in grado di tollerare brevi periodi con temperature fino a circa -10°C quando è completamente dormiente.
Questa pianta cresce in quasi tutti i terreni neutri o acidi di buona o ragionevole qualità preferendo un terriccio sabbioso ed esposizione in pieno sole.
Si sviluppa anche in terreni asciutti e predilige una posizione riparata da venti secchi caldi o freddi. Si è potuto riscontrare che le piante sono abbastanza tolleranti all’esposizione marittima.
Questa pianta viene spesso coltivata come ornamentale e sono state selezionate molte forme per il loro valore ornamentale che includono alcune varietà nane che crescono molto bene in vaso in serre fredde e giardini d’inverno.
La pianta non tollera il trapianto e la propagazione avviene per semina in primavera, avendo cura di mettere le piantine in vasi individuali quando sono abbastanza grandi da poterle gestire e farle poi crescere in serra almeno per il loro primo inverno.
L’impianto va fatto in tarda primavera o all’inizio dell’estate, dopo le ultime gelate previste, dando una buona protezione dal freddo per i primi o due inverni all’aperto. Il seme rimane vitale per molti anni.
La pianta si può propagare per talee di legno semimaturo, di 5 – 8 cm di lunghezza da far radicare ad inizio agosto in serra fredda per tutto il suo primo anno. La percentuale di radicazione è buona.
Numerose cultivar sono state sviluppate per l’uso in giardino, di cui le seguenti hanno ottenuto l’Award of Garden Merit della Royal Horticultural Society.

Usi e Tradizioni –
La Manuka è una pianta utilizzata dai nativi Maori per molteplici usi da tempo remoto già in epoca pre-europea.
Il legno era spesso usato per i manici degli attrezzi. È anche usata per lavori di intaglio.
La segatura di questa pianta conferisce un sapore delizioso quando viene utilizzata per affumicare carne e pesce. Viene coltivata in Nuova Zelanda per il miele di manuka, prodotto quando le api raccolgono il nettare dai suoi fiori, e per l’industria farmaceutica.
Il Leptospermum scoparium è una delle principali fonti di miele prodotto dall’Apis mellifera e la produzione di miele di manuka è diventata un’importante industria sia in Nuova Zelanda che altrove. Sebbene molti tipi di miele abbiano proprietà antibatteriche a causa della presenza di perossido di idrogeno, solo il miele di manuka ha un alto livello di attività antibatterica senza perossido. Questo fattore antibatterico non perossido è stato chiamato Unique Manuka Factor (UMF). Il miele di Manuka è ora utilizzato in molti prodotti medici in molti paesi.
Dalla distillazione a vapore delle sue foglie viene prodotto un olio essenziale che viene impiegato per molti usi medicinali.
Un decotto delle foglie veniva bevuto per i disturbi urinari e come febbrifugo.
Il vapore delle foglie bollite nell’acqua veniva inalato per i raffreddori e dalle foglie e dalla corteccia veniva preparato un decotto e il liquido caldo veniva strofinato sui muscoli rigidi e sulle articolazioni doloranti. La gomma bianca emolliente, chiamata pai Manuka, veniva data ai lattanti e usata anche per curare scottature e ustioni. Si dice che masticare la corteccia abbia un effetto rilassante e migliori il sonno.
L’olio essenziale ottenuto dalla pianta ha proprietà vermifughe e antibatteriche ed è usato nel trattamento di molte condizioni, specialmente quelle che colpiscono la pelle. Questo è venduto in Nuova Zelanda e in molti altri paesi.
Un infuso di foglie e corteccia è stato utilizzato nel trattamento di vari disturbi.
Le foglie schiacciate e i fiori sono piacevolmente aromatici.
La pianta viene impiegata anche per usi commestibili. Le foglie fresche e pungenti sono un sostituto del tè profumato e rinfrescante, di ottima qualità; nelle prove di assaggio questa specie ha spesso ricevuto voti superiori al tradizionale tè cinese ottenuto dalla Camellia sinensis.
Dagli steli e dalle foglie a causa di punture di alcuni insetti, trasuda una manna dolce. Questa è stata usato come alimento per i bambini.
Tra gli usi agroforestali annoveriamo come questa specie può essere coltivata come siepe ed è ragionevolmente tollerante all’esposizione marittima.
È un importante specie pionieristica in Nuova Zelanda. Invade naturalmente aree di terreno disturbato, germinando rapidamente e producendo una copertura densa che esclude le erbe e consente agli alberi forestali nativi di stabilirsi.
È eccellente per rinverdire pendii nudi ed erosi e può crescere su siti più poveri, più freddi, più umidi e più acidi rispetto alla kanuka. Un altro vantaggio di piantare la manuka per la conservazione del suolo è che gli animali come pecore, bovini e capre non la mangiano con piacere.
Il legno è di colore rosso ed è forte ed elastico. Viene utilizzato per lavori di intarsio, ebanisteria, maniglie di utensili, recinzioni ecc..
Il legno è molto apprezzato e molto utilizzato come combustibile e per fare carbone[290
Brucia estremamente caldo e lento ed è probabilmente la migliore legna da ardere nativa della Nuova Zelanda.
Tra gli altri impieghi si ricorda che dai fiori, dai rami e dalle foglie si ottiene una tintura giallo-verde; dai fiori si ottiene una tintura nero-verdastra e l’olio essenziale ottenuto dalla pianta è insetticida.
Dal punto di vista ecologico si sottolinea che Lo scarabeo adulto della mānuka (Pyronota festiva) e le sue larve si nutrono di L. scoparium in Nuova Zelanda. Inoltre è noto che vari impollinatori visitano L. scoparium, alcuni esempi includono Melangyna novaezelandiae, Hylaeus e Honeybees.

Modalità di Preparazione –
Della Manuka si impiegano varie parti e si ottiene un ottimo miele anche sia per usi medicinali che alimentari.
Da questa pianta si ottiene, dalle foglie, un ottimo te che è importante lasciare in infusione per un tempo considerevolmente più lungo rispetto ai normali tè per garantire che il sapore venga rilasciato nell’acqua.
L’olio essenziale ottenuto dalle foglie e dai rami viene utilizzato come ingrediente in preparati cosmetici commerciali come tonico.
Un estratto delle foglie viene utilizzato come ingrediente in preparati cosmetici commerciali come balsamo per la pelle.
Una soluzione acquosa del distillato in corrente di vapore ottenuto dai rami, fiori e foglie viene utilizzata come ingrediente in preparati cosmetici commerciali come agente mascherante.
La corteccia veniva utilizzata per realizzare contenitori per l’acqua e la corteccia interna come strato impermeabile per coperture. Inoltre la corteccia viene utilizzata per la copertura delle capanne.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *