Come si coltiva il Pino uncinato

Come si coltiva il Pino uncinato

Il pino uncinato (Pinus mugo subsp. uncinata (Ramond ex DC.) Domin) è una pianta originaria delle montagne dell’Europa meridionale e occidentale (Pirenei, Massiccio Centrale, Giura, Vosgi, Foresta Nera, Alpi Centrali e Occidentali).
Questa specie è tipica dei climi freddo-continentale delle aree alpine che predilige substrati calcarei o misti, e colonizza versanti rocciosi e ricchi di detrito. A volte forma pinete molto estese. In Italia è presente dalle Alpi Marittime fino all’Ortler, in provincia di Sondrio.
Le sue strutture riproduttive sono coni maschili gialli, piccoli e numerosi alla base dei germogli; coni femminili, prima globosi poi allungati (4-5 cm) con punta rosso-violacea. Le squame delle pigne, specialmente quelle inferiori, presentano un’apofisi molto sporgente, con evidente carena longitudinale e umbone ripiegato in basso a uncino.

Coltivazione –
Il Pino uncinato è una pianta che predilige climi di tipo continentale e che cresce, preferibilmente, su suoli calcarei (ma non eccessivamente alcalino) o misti soprattutto su rocciosi e ricchi di detrito.
Questa pianta si propaga per seme nel periodo primaverile, dopo un periodo di vernalizzazione di 6-7 settimane, soprattutto nel caso di semente conservata tramite disidratazione del 10% e mantenimento in contenitore ermetico a 0-5°C oppure a -15°C in caso di tempi di conservazione particolarmente lunghi (superiori ai 5 anni). I semi vanno posti in contenitori singoli, per evitare lo stress da ripicchettamento, e messo successivamente a dimora quanto prima fornendo però protezione nel corso dei primi due inverni trascorsi all’aperto.
Una volta posizionata la pianta e ricoperta la buca è utile ricoprire la zona attorno al tronco con pacciamatura composta da aghi di pino e corteccia.
Per quanto riguarda il suo utilizzo ornamentale, le cultivar nane possono far parte di bordure miste, o essere coltivate in ampi terrazzi all’interno di capaci contenitori, insieme a altre conifere nane o a piante compatibili come eriche o piante aromatiche come rosmarino, salvia o lavanda.
La specie tipica invece può essere un’aggiunta interessante sia come esemplare isolato che a gruppi nei giardini naturali, dove attrarrà la fauna selvatica tra cui la Loxia curvirostra (cioè il Crociere, un piccolo uccello il cui becco si è modificato nel corso dell’evoluzione proprio per potersi cibare dei semi delle conifere).
Inoltre, essendo un arbusto molto resistente non necessita di cure particolari, ma è bene posizionarlo in una zona spaziosa, per fare in modo che si possa diffondere in larghezza sia sopra che sottosuolo.

Usi –
Dalle sue gemme, come da quelle del Pino mugo, si estrae il mugolio, un olio essenziale ad azione balsamica, indicato per la cura delle malattie respiratorie.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *