Hyptis suaveolens

Hyptis suaveolens

Il Suob kabayo (Hyptis suaveolens (L.) Poit.) è una specie erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Lamiaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Sottoregno Tracheobionta,
Superdivisione Spermatophyta,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Sottoclasse Asteridae,
Ordine Lamiales,
Famiglia Lamiaceae,
Genere Hyptis,
Specie H. suaveolens.
Sono sinonimi i seguenti termini:
– Ballota suaveolens L.;
– Bystropogon graveolens Blume;
– Bystropogon suaveolens (L.) L’Hér.;
– Gnoteris cordata Raf.;
– Gnoteris villosa Raf.;
– Hyptis congesta Leonard;
– Hyptis ebracteata R.Br.;
– Hyptis graveolens Schrank;
– Hyptis plumieri Poit.;
– Marrubium indicum Blanco;
– Mesosphaerum suaveolens (L.) Kuntze;
– Schaueria graveolens (Blume) Hassk.;
– Schaueria suaveolens (L.) Hassk..

Etimologia –
Il termine Hyptis deriva dal greco hyptos che allude alla posizione del labbro inferiore del fiore rivolto all’indietro.
L’epiteto specifico suaveolens viene dal latino, da suavis soave, gradevole e da oleo esalare odore, profumo: che emana un gradevole profumo.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’ Hyptis suaveolens è una pianta originaria delle regioni tropicali del Messico centrale, delle Indie occidentali e del Sud America, oltre ad essere naturalizzata nelle parti tropicali dell’Africa, dell’Asia e dell’Australia.
La pianta si è diffusa nelle aree tropicali e subtropicali di tutto il mondo ed in Australia è divenuta una erba infestante su aree forestali aperte molto pascolate.
Il suo habitat è quello delle foreste monsoniche e boschetti e campi da umidi a secchi, spesso in siepi o terreni incolti, fino ad altitudini di 1.600 metri circa.

Descrizione –
L’ Hyptis suaveolens è una pianta annuale erbacea, aromatica, con fusto eretto, ramificato, più o meno peloso, alto da 0,5 a 2 metri e con gambi quadrati.
Le foglie sono ovate, opposte, lunghe da 4 a 9 centimetri, appuntite all’estremità, a forma di cuore alla base e dentate ai margini.
I fiori sono a gambo lungo, portati all’ascella delle foglie. Il calice è peloso, lungo circa 4 millimetri, ma ben presto si ingrossa nel frutto fino a circa 1 centimetro di lunghezza, striato con denti eretti e rigidi. La corolla è di colore blu, fortemente zigomorfa, bilabiata; gli stami sono 4, declinati e lunghi circa 8 millimetri, con un lembo di 5 millimetri di diametro.
I frutti hanno semi piatti e mucillaginosi.

Coltivazione –
Il Suob kabayo è una pianta che allo stato selvatico forma popolazioni abbondanti formando spesso fitti boschetti di notevole estensione che sono molto visitati dagli uccelli quando i semi sono maturi.
La pianta inizia a fiorire intorno alle 8-12 settimane, producendo abbondanti quantità di semi, che possono essere diffusi dall’acqua, dagli animali, dall’uomo e dai macchinari agricoli.
I fiori sono molto attraenti per gli insetti impollinatori.
La pianta può fiorire e produrre semi tutto l’anno.
La propagazione della pianta può essere effettuata per seme.

Usi e Tradizioni –
L’Hyptis suaveolens è una pianta che spesso viene raccolta allo stato spontaneo e vanta una vasta gamma di usi alimentari e medicinali.
La pianta viene occasionalmente coltivata in Messico e in India.
I semi sono utilizzati in molte parti dell’America centrale come quelli della Salvia hispanica. I semi sono più grandi di quelli di altre specie di Hyptis e possono essere ottenuti in grandi quantità nei luoghi in cui le piante abbondano, scuotendo i rami sopra un contenitore.
Quando i semi messi in ammollo vengono mescolati o schiacciati in acqua, formano una bevanda dal sapore gradevole e dalla consistenza mucillaginosa che si beve molto sia a tavola che ai banchi di ristoro. Questa bevanda viene a volte offerta al tavolo negli hotel.
La bevanda può essere aromatizzata con succhi di frutta.
I semi gelificati possono anche essere preparati come una pappa o budino.
Le punte dei giovani germogli vengono aggiunte agli alimenti come aromatizzanti.
Le foglie sono aromatiche e vengono utilizzate per preparare un sostituto del tè aromatizzato alla menta.
Negli impieghi per uso medicinale, dalle radici si prepara un decotto che viene apprezzato come antipasto. Questa pianta viene utilizzata anche per le affezioni dell’utero. Si dice che un decotto di radice sia emmenagogo e stimolante se impiegato nei reumatismi.
La pianta in fiore è antimicotica, carminativa, febbrifuga, gastrica. Viene usata nel trattamento di una vasta gamma di condizioni tra cui flatulenza e altri problemi di stomaco, febbri associate a raffreddori.
Il succo delle foglie, mescolato con succo di lime, viene bevuto per i dolori di stomaco.
Applicato esternamente, viene utilizzato come lavaggio o impiastro per i disturbi della pelle come dermatiti ed eczemi, foruncoli, mal di testa ecc..
Un impiastro ottenuto da parti vegetali fresche e pestate viene applicato per i morsi di serpente.
Il succo delle foglie viene applicato quotidianamente tra le dita dei piedi come trattamento per indolenzimenti.
La pasta di foglie viene applicata su piaghe e infezioni fungine della pelle.
Inoltre un’alta concentrazione di lipidi omega-6, presenti nei semi, suggerisce che l’olio Hyptis suaveolens sia un prodotto ideale per la pelle secca e squamosa.
Nelle prove, l’olio essenziale ha mostrato molte proprietà promettenti tra cui attività antibatterica e antimicotica; più una migliore attività antinfiammatoria rispetto al diclofenac sodico, che è una formulazione standard in commercio.
Le foglie contengono circa lo 0,025% di oli essenziali. I costituenti principali sono spathulenol, 1,8-cineole e (E) –cariofillene.
L’olio viene usato in medicina e come adulterante dell’olio di patchouli (Pogostemon cablin (Blanco) Benth., 1848).
L’olio essenziale ha anche dimostrato attività insetticida mentre le foglie sono usate come repellente per cimici.

Modalità di Preparazione –
L’Hyptis suaveolens è una pianta di cui si utilizza un po’ tutto, sia per impieghi alimentari che medicinali.
Si utilizza la pianta intera che va raccolta da aprile a giugno; dopodiché si lava si taglia a pezzi, si comprime e si asciuga al sole.
Come detto può essere trasformata in una bevanda rinfrescante immergendo i semi in acqua e refrigerando la miscela. Alcune persone aggiungono limone o altri agrumi per migliorare il gusto. A Colima, in Messico, le persone usano i semi di questa pianta per preparare una bevanda tradizionale chiamata “Bate”. Il processo consiste nel tostare e macinare i semi e quindi mescolare la polvere risultante con acqua.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *