Riproduzione della Sequoia gigante

Riproduzione della Sequoia gigante

La sequoia gigante o wellingtonia (Sequoiadendron giganteum, Lindley, Buchholz, 1939), è un albero della famiglia delle Cupressacee originaria della Sierra Nevada in California.

Habitat idoneo di riproduzione –
La Sequoiadendron giganteum è una pianta la cui distribuzione naturale è limitata a un’area della Sierra Nevada occidentale, in California.
È una specie paleo endemica che cresce in boschi sparsi, con un totale di 81 formazioni naturali che comprendendo un’area totale di soli 144,16 km2.
Questa specie non cresce in popolamenti da nessuna parte puri, anche se in alcune piccole aree i popolamenti si avvicinano a una condizione pura.
I due terzi settentrionali del suo areale, dal fiume American nella contea di Placer verso sud fino al fiume Kings, ha solo otto boschi disgiunti. I restanti boschi meridionali sono concentrati tra il fiume Kings e il Deer Creek Grove nel sud della contea di Tulare. Le dimensioni di questi piccoli boschi variano da 12,4 km2, con 20.000 alberi maturi, a piccoli boschi con solo sei alberi viventi. Molti sono protetti nei parchi nazionali di Sequoia e Kings Canyon e nel Giant Sequoia National Monument.
Il suo habitat è caratterizzato da un clima umido caratterizzato da estati secche e inverni nevosi. La maggior parte dei boschi di sequoie giganti si trovano su suoli residui e alluvionali a base granitica. L’elevazione dei boschi di sequoie varia generalmente da 1.400–2.000 m a nord, a 1.700–2.150 metri a sud.
Le sequoie giganti si trovano generalmente sui lati esposti a sud delle montagne settentrionali e sulle pareti settentrionali dei pendii più meridionali.
Purtroppo la maggior parte dei boschi di sequoie giganti sta attualmente subendo un graduale declino della densità.

Propagazione –
La sequoia gigante è un albero ornamentale molto popolare in molte aree. Viene coltivato con successo nella maggior parte dell’Europa occidentale e meridionale (dove è stato introdotto in Europa e in Italia, dove si trovano anche esemplari che superano i 40 metri di altezza).
È stato impiantato nel Pacifico nord-occidentale del Nord America da nord a sud-ovest della Columbia Britannica, negli Stati Uniti meridionali, nell’Australia sud-orientale, in Nuova Zelanda e nel Cile centro-meridionale. Viene anche coltivato, anche se con meno successo, in alcune parti del Nord America orientale.
La Sequoiadendron giganteum può resistere a temperature di -31 °C o più fredde per brevi periodi di tempo, a condizione che il terreno attorno alle radici sia isolato con neve pesante o pacciame. Al di fuori della sua zona naturale il fogliame può soffrire di dannose scottature da vento.
Di questa pianta sono state selezionate molte varietà, soprattutto in Europa, comprese le varietà blu, blu compatto, blu polvere, nocciola, pendolo o piangente e cultivar innestate.
La propagazione di questa pianta può essere effettuata per seme, con semina in contenitori in semenzaio freddo nel periodo primaverile.
Questa pianta è una specie pioniera che ha difficoltà a riprodursi nel loro habitat originale (e molto raramente si riproducono in coltivazione) poiché i semi riescono a crescere con successo solo in pieno sole e in terreni ricchi di minerali, liberi da competizione vegetazione.
Si può propagare anche per talee di legno in estate o talee semi mature a fine estate.

Ecologia –
Le sequoie giganti sono in molti modi adattate agli incendi boschivi. La loro corteccia è insolitamente resistente al fuoco e i loro coni normalmente si aprono immediatamente dopo un incendio.
Questa pianta è una specie che si riproduce con successo solo in pieno sole e in terreni ricchi di minerali, liberi da competizione vegetazione. Sebbene i semi possano germogliare in primavera, nell’humus umido che si forma dopo la decomposizione degli aghi, queste piantine moriranno quando il suolo si asciuga poi in estate. Richiedono quindi incendi periodici per ripulire la vegetazione in competizione e la presenza di humus nel suolo prima che possa avvenire una rigenerazione efficace. Senza il fuoco, le specie amanti dell’ombra soffocheranno le giovani piantine di sequoia e i semi di sequoia non germoglieranno.
Quando queste piante sono completamente cresciute, richiedono in genere grandi quantità d’acqua e sono quindi spesso concentrate vicino a ruscelli. Scoiattoli, fringuelli e passeri consumano, inoltre, le piantine appena germogliate, impedendone la crescita.
Gli incendi portano aria calda in alto per convezione, che a sua volta asciuga e apre i coni. Il successivo rilascio di grandi quantità di semi coincide con le condizioni ottimali del letto di semina dopo il fuoco. La cenere macinata sfusa può anche fungere da copertura per proteggere i semi caduti dai danni delle radiazioni ultraviolette. A causa degli sforzi di soppressione degli incendi e del pascolo del bestiame durante l’inizio e la metà del XX secolo, gli incendi a bassa intensità non si verificavano più naturalmente in molti boschi e ancora oggi non si verificano in alcuni boschi.
La soppressione degli incendi porta all’accumulo di sostanza organica nel terreno e alla crescita densa di abete bianco sensibile al fuoco, che aumenta il rischio di incendi più intensi che possono interessare gli abeti che vanno poi a minacciare le chiome delle sequoie giganti mature. Nel 1970, il National Park Service iniziò a bruciare i suoi boschi per correggere questi problemi. Le politiche attuali consentono anche la combustione degli incendi naturali.
Oltre al fuoco, due agenti animali aiutano anche il rilascio di semi di sequoia gigante. Il più significativo dei due è uno scarabeo longhorn (Phymatodes nitidus) che depone le uova sui coni, in cui le larve hanno poi scavato dei buchi. La riduzione dell’apporto idrico vascolare alle squame del cono consente ai coni di asciugarsi e aprirsi per la caduta dei semi. I coni danneggiati dai coleotteri durante l’estate si apriranno lentamente nei prossimi mesi. L’altro agente è lo scoiattolo Douglas (Tamiasciurus douglasi) che rosicchia le scaglie verdi e carnose dei coni più giovani. Gli scoiattoli sono attivi tutto l’anno e alcuni semi vengono staccati e lasciati cadere mentre il cono viene mangiato.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.