Prunus serotina

Prunus serotina

Il Ciliegio tardivo o Ciliegio americano (Prunus serotina Ehrh.) è una specie arborea decidua appartenente alla famiglia delle Rosaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Sottoregno Tracheobionta,
Superdivisione Spermatophyta,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Sottoclasse Rosidae,
Ordine Rosales,
Famiglia Rosaceae,
Sottofamiglia Prunoideae,
Genere Prunus,
Specie P. serotina.
Sono sinonimi i termini:
– Cerasus serotina (Ehrh.) Loisel.;
– Padus alabamensis (C.Mohr) Small;
– Padus capuli (Cav.) Moldenk;
– Padus cuthbertii (Small) Small;
– Padus eximia (Small) Small;
– Padus rufula Wooton & Standl;
– Padus serotina (Ehrh.) Borkh.;
– Padus serotina (Ehrh.) J.Agardh.;
– Prunus australis Beadle;
– Prunus capuli Cav.;
– Prunus cuthbertii Small;
– Prunus eximia Small;
– Prunus hirsuta Elliott;
– Prunus parksii Cory;
– Prunus rufula (Wooton & Standl) Tidestr.;
– Prunus serotina subsp. capuli (Cav.) McVaugh
– Prunus virens (Wooton & Standl.) Shreve ex Sarg..
All’interno di questa specie si riconoscono alcune sottospecie di cui vengono riportate:
– Prunus serotonina subsp. capuli (Cav. ex Spreng.) McVaugh;
– Prunus serotonina subsp. eximia (Piccolo) McVaugh;
– Prunus serotonina subsp. hirsuta (Elliott) McVaugh;
– Prunus serotonina subsp. serotonina;
– Prunus serotonina subsp. virens (Wooton & Standl.) McVaugh;
– Prunus serotonina var. virens (Wooton & Standl.) McVaugh;
– Prunus serotonina var. rufula (Wooton & Standl.) McVaugh.

Etimologia –
Il termine Prunus viene da prunus, in Plinio, latinizzazione del greco προῦμνη proúmne susino, pruno in Teofrasto e Dioscoride, probabilmente derivato da una lingua pre-greca dell’Asia Minore, vedi anche prunum prugna, susina dal greco προῦνον proúnon in Galeno.
L’epiteto specifico serotina significa tardivo, serale, che produce frutti tardi (dall’avverbio sērō tardi): che spunta o fiorisce o fruttifica a stagione avanzata.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Ciliegio tardivo è una pianta originaria del Nord America orientale, in un’area che dal Canada attraverso gli Stati Uniti orientali si estende sino al Texas e alla Florida centrale, con popolazioni disgiunte in Arizona, New Mexico e sulle montagne di Messico e Guatemala, in una fascia altimetrica che arriva a 2.600 m s.l.m. in Messico.
La specie è stata importata in Europa già verso la metà del ‘600, dove è stata ampiamente utilizzata come albero ornamentale a partire dalla metà del XX secolo, e in alcune aree si è naturalizzata divenendo invasiva.
In Italia era già citata all’inizio del XIX secolo nei cataloghi del Giardino di S. Sebastiano da Po (TO) e nel catalogo dell’Orto Botanico di Torino.
Il suo habitat è quello dei margini o dell’interno di boschi planiziali e colonizza prati, incolti e brughiere, in una varietà di suoli, prediligendo condizioni fertili e umide su pendii esposti a nord o est o insenature protette. al di sotto della fascia montana inferiore.

Descrizione –
Il Prunus serotina è un albero di medie dimensioni a crescita rapida che raggiunge un’altezza di 15–24 m. questa pianta per i primi dieci anni circa di vita presenta una corteccia sottile, liscia e fasciata, simile a una betulla; negli alberi maturi questa diventa incisa con colorazione dal grigio scuro al nero.
Le foglie sono lunghe 5–13 cm, di forma ovato-lanceolata, con margini finemente dentati. Il colore delle foglie autunnali va dal giallo al rosso.
I fiori sono piccoli, bianchi e con 5 petali, in racemi lunghi 10–15 cm che contengono diverse dozzine di fiori.
Il periodo di fioritura è tra aprile e giugno.
I frutti sono delle drupe di 6-8 mm, subsferiche, glabre, rosse poi nerastre alla maturazione, senza pruina, con mesocarpo stretto e carnoso, porpora scuro, dolce, endocarpo legnoso, ovoide, liscio, con una larga costolatura.

Coltivazione –
Il Prunus serotina è una pianta, in forma di arbusto o albero, che viene utilizzato allo stato spontaneo o coltivato per l’uso locale come cibo, medicina e fonte di materiali. Si ritiene che l’albero produca uno dei legni per mobili e mobili più apprezzati del Nord America, ed è molto apprezzato e molto utilizzato per oggetti come mobili e ebanisteria. La pianta è talvolta coltivata come ornamentale.
È una pianta a crescita rapida, con persistenza in siti ombreggiati, sistema riproduttivo ermafrodito, elevata produzione di semi e capacità di disperdere i suoi semi attraverso vettori aviari e mammiferi.
In diversi paesi dell’Europa settentrionale e centrale è diventato invasivo, riducendo la biodiversità dei popolamenti boschivi autoctoni e ostacolando la produzione forestale.
Per la sua coltivazione richiede un terreno che trattiene l’umidità e ben drenato in posizione calda e soleggiata.
Dal punto di vista pedologico si adatta a terreni gessosi e calcarei o gessosi ma cn contenuti non troppo elevati.
È una pianta che produce un’abbondante fioritura, soprattutto se coltivata in pieno sole.
In natura l’albero inizia a fruttificare all’età di circa 10 anni e poi continua per circa 100 anni, fruttificando bene nella maggior parte degli anni.
Questa specie sviluppa una lunga radice a fittone da giovane, il che rende difficile il trapianto, per cui si consiglia di impiantarle direttamente in pieno campo o di trapiantarle in giovane età.
La propagazione può avvenire per seme. Richiede 2 – 3 mesi di stratificazione a freddo ed è meglio seminare in un semenzaio non riscaldato non appena è maturo.
Il seme può essere piuttosto lento, a volte impiegando 18 mesi per germogliare.
Si può propagare anche per talea dal periodo della primavera fino all’inizio dell’estate.

Usi e Tradizioni –
Il Prunus serotina è una pianta che è stata utilizzata da parecchio tempo dai nativi delle sue aree di origine per scopi alimentari, medicinali o per altri usi. Era conosciuto come capolcuahuitl in nahuatl (Antica lingua della civiltà azteca, documentata da numerose iscrizioni ideografiche o geroglifiche, parlata tuttora in alcune zone del Messico e dell’America centrale) ed era un alimento importante nel Messico precolombiano. I nativi americani mangiavano il frutto.
Il frutto commestibile crudo, viene anche trasformato in gelatina e il succo può essere utilizzato come miscelatore per bevande, da cui il nome comune di “ciliegia al rum”.
I semi di questa pianta contengono glicosidi cianogeni, composti che possono essere convertiti in cianuro, come l’amigdalina.
Questi composti rilasciano acido cianidrico quando il seme viene macinato o tritato, rilasciando degli enzimi.
Questi enzimi sono: l’amigdalina beta-glucosidasi, la prunasina beta-glucosidasi e il mandelonitrile liasi.
Al contrario, sebbene la polpa delle ciliegie contenga anche questi composti, non contiene gli enzimi necessari per produrre cianuro, quindi la polpa è sicura da mangiare.
Le foglie, quando in particolare seccano, contengono anche glicosidi cianogenici, che si convertono in acido cianidrico se mangiate dagli animali. Per questo motivo si raccomanda agli agricoltori di rimuovere gli alberi presenti in campi dove pascola il bestiame, perché le foglie secche potrebbero avvelenare gli animali.
La presenza di queste sostanze si può notare per l’odore di mandorla che rilasciano quando un giovane ramoscello viene inciso o graffiato, rivelando piccole quantità di composti di cianuro che sono prodotti e immagazzinati dalla pianta come meccanismo di difesa contro gli erbivori ed altri predatori.
In campo alimentare si mangiano i frutti, sia crudi che cotti per preparare crostate, gelatine, stufati, ecc.
I frutti devono essere completamente maturi altrimenti hanno un sapore amaro. I frutti migliori hanno una buccia sottile e una polpa succosa con un gradevole sapore vinoso.
I frutti possono essere utilizzati anche come aromatizzanti nei liquori ed il sapore è migliore quando la pianta viene coltivata in posizione soleggiata.
Il seme viene a volte mangiato crudo o cotto ma non va consumato se è troppo amaro.
Con l’infuso di ramoscelli si possono preparare delle bevande.
Dalla corteccia si ottengono degli estratti usati commercialmente come aromi in bibite, dolci, sciroppi e prodotti da forno.
Per uso medicinale si utilizzavano ampiamente le “ciliegie al rum” nella medicina tradizionale di varie tribù native degli indiani del Nord America che la usavano per trattare una varietà di disturbi.
Attualmente è poco, se non del tutto, usata nella moderna erboristeria.
La corteccia della radice, del tronco e dei rami è antitosse, astringente, pettorale, sedativa, stomachica, tonica.
Le proprietà medicinali di questa pianta vengono distrutte dalla bollitura, quindi la pianta dovrebbe essere lasciata in infusione solo in acqua tiepida.
La corteccia della radice e la corteccia aromatica interna hanno proprietà espettoranti e blande proprietà sedative e per alleviare il dolore nelle prime fasi del travaglio è stato utilizzato un tè ottenuto da una di esse.
Questo tè è usato anche nel trattamento di febbri, raffreddori, mal di gola, diarrea, ecc..
Dalla corteccia interna si ottiene un decotto che è stato utilizzato nel trattamento della laringite; inoltre la corteccia della radice è stata usata per lavare vecchie piaghe e ulcere.
Anche la corteccia contiene il glicoside prunasina, che viene convertito nel tubo digerente in acido cianidrico altamente tossico.
Questo glicoside raggiunge la massima concentrazione in autunno per cui la corteccia viene raccolta in questo momento e può essere essiccata per un uso successivo.
In piccole quantità questo composto estremamente velenoso stimola la respirazione, migliora la digestione e dona un senso di benessere.
Il frutto è invece astringente ed è stato utilizzato nel trattamento della dissenteria.
Tra gli altri usi si ricordano quelli forestali e per l’utilizzo del legname.
L’albero è utilizzato per la bonifica delle aree di detrito delle miniere di superficie. I migliori risultati si ottengono piantando piantine di 1 anno.
Viene anche piantato per la fissazione delle dune continentali e come concorrente contro erbe ed eriche negli imboschimenti delle brughiere.
Inoltre gli alberi di Prunus serotina sono talvolta piantati come piante ornamentali.
In Polonia, a volte viene piantato nel sottobosco delle pinete e nelle foreste miste di conifere per arricchire la biodiversità e migliorare le condizioni del suolo. Tuttavia, poiché in seguito diventa un colonizzatore aggressivo, a lungo termine tende a diminuire la biodiversità.
Anche in Italia, agli inizi del ‘900, è stato utilizzato in impianti selvicolturali sperimentali presso Gallarate e da qui si è rapidamente diffuso in Lombardia e Piemonte; oggi è segnalato come avventizio in molte regioni dell’Italia settentrionale e in Toscana.
Tra gli altri sui si ricorda che dalle foglie si può ottenere un colorante verde mentre dal frutto si può ottenere un colorante da grigio scuro a verde.
Il legno è di colore bruno-rossastro, è fitto e di grana dritta, leggero, robusto, piuttosto duro, molto resistente agli urti. Si piega e lavora bene, rifinisce bene, incolla bene, stagiona bene, si restringe moderatamente ed è moderatamente esente da segni e deformazioni.
È molto apprezzato per la sua grana fine e il colore bruno rossiccio intenso, caldo, è ampiamente utilizzato per mobili, ebanisteria, strumenti musicali, finiture interne di edifici, ecc..
Il legno di Prunus serotina è forse il principale legname da ebanisteria degli Stati Uniti e scambiato come “ciliegio”.

Modalità di Preparazione –
Il Ciliegio tardivo è una pianta di cui si utilizza quasi tutto, sia per uso alimentare, medicinale che industriale e come materiale costruttivo anche di pregio.
In campo medicinale si utilizza soprattutto la corteccia che viene raccolta in autunno e non deve essere conservata per più di un anno poiché perde rapidamente le sue proprietà medicinali. È da preferire la corteccia giovane e sottile.
Il frutto è adatto, oltre al consumo fresco, alla preparazione di marmellate e in America viene usato per aromatizzare liquori, bibite e gelati.
Il legno è utilizzato come combustibile per affumicare alimenti e per la costruzione di mobili di pregio.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.