Mappa geografica del Burkina Faso

Mappa geografica del Burkina Faso

Il Burkina Faso è uno Stato, con forma istituzionale di repubblica semipresidenziale, indipendente dell’Africa occidentale privo di sbocchi sul mare.
Questo stato ha una superficie di 274200 km² e confina con il Mali a nord, il Niger a est, il Benin a sud-est, il Togo e il Ghana a sud e la Costa d’Avorio a sud-ovest.
Il Burkina Faso ha una popolazione di 20.835.401 abitanti (2014) e la sua capitale è Ouagadougou, con 2.200.000 abitanti (2015).

Geografia –
Il Burkina Faso è un paese con una altitudine media di 400 m per cui è una regione relativamente piana, con poche eccezioni localizzate.
La gran parte del territorio del Burkina Faso è costituito da un penepiano, in alcune zone mosso da poche colline, ultime vestigia di un massiccio del Precambriano. Il sudovest è invece dominato da un massiccio di arenaria; qui si trova la più alta vetta del paese, il Ténakourou (749 m s.l.m.). I bordi del massiccio sono costituiti da ripide scarpate, con dislivelli fino a 150 m.
Il Burkina Faso, che un tento si chiamava Alto Volta, doveva questo nome a quattro importanti fiumi che ne attraversano il territorio: il Comoé, il Mouhoun (precedentemente chiamato Volta Nero), il Nakambé (“Volta Bianco”) e il Nazinon (“Volta Rosso”). Il Mouhoun e il Comoé sono i due unici corsi d’acqua con presenza di acqua tutto l’anno.
Il bacino del fiume Niger costituisce il 72% della superficie del Paese. I tributari (Béli, Gorouol, Goudébo e Dargol) hanno andamento stagionale; sono in secca per circa metà dell’anno, ma possono anche causare notevoli inondazioni.
Fra i numerosi laghi del Burkina Faso i principali sono il Tingrela, il Bam e il Dem, oltre ai grandi bacini di Oursi, Béli, Yomboli e Markoye.

Clima –
Il Burkina Faso è caratterizzato da un clima principalmente tropicale, con due stagioni distinte: la stagione delle piogge, da maggio-giugno a settembre (più breve nel nord), con precipitazioni comprese fra i 600 e i 900 mm; e la stagione secca, in cui soffia l’harmattan, un vento secco e caldo proveniente dal Sahara.

Flora-
Il Burkina Faso non ha sbocchi sul mare e il territorio presenta una grande varietà di ambienti naturali, dalle aspre zone desertiche e semidesertiche del nord ai boschi e alla savana della verde regione sud-occidentale. Nei pressi di Banfora le piogge sono particolarmente intense e ci sono rigogliose foreste, coltivazioni di canna da zucchero e risaie; è qui che si trova l’esiguo 13% di terre coltivabili del Burkina Faso. Tuttavia, la caratteristica predominante del territorio è il vasto altopiano centrale di laterite del Sahel, dove crescono rigogliosi alberi e arbusti.
Il Burkina Faso è gravemente colpito da due forme collegate di danno ambientale: la deforestazione e l’erosione del suolo. Secondo alcune fonti, a causa di questi fenomeni il PIL si riduce ogni anno del 9%. Oggi, Ouagadougou è circondata da una fascia di 70 km di terreno praticamente privo di alberi. Il fabbisogno energetico del paese viene coperto per oltre il 90% con il consumo di legna, a cui si aggiungono il disboscamento a scopo commerciale, la pratica agricola del «taglia e brucia» e l’estensione delle zone adibite a pascolo. Se a queste devastazioni si sommano la minaccia perenne di siccità e l’invasione delle locuste del 2004, il futuro ecologico del Burkina Faso appare decisamente fragile. Fortunatamente, non ci sono solo notizie negative. Alcuni piccoli progetti portati avanti da organizzazioni non governative (ONG) si sono dimostrati molto efficaci nel risolvere questi problemi a livello locale. Per esempio, i contadini sono stati incoraggiati a sfruttare le acque sotterranee, anziché affidarsi alle imprevedibili piogge, e a tornare ai metodi tradizionali di coltivazione, in particolare a ripristinare la costruzione delle diguettes, file di pietre disposte lungo i margini dei campi che impediscono il deflusso dell’acqua e al tempo stesso ne favoriscono la penetrazione nel terreno riducendo l’erosione. Un programma realizzato con successo dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha debellato la cecità fluviale (oncocercosi) e ha consentito il ripopolamento e la ripresa dello sfruttamento agricolo di vaste aree fertili.
La flora di Burkina Faso è composta di 2.067 specie d’impianto. Le famiglie più importanti in termini di ricchezza di specie e abbondanza sono le erbe (Poaceae) e i legumi (Fabaceae). Molte specie sono distribuite largamente nelle regioni di savane di Africa. Ci sono comunque due impianti endemici, Pandanus brevifrugalis e Isoetes jaegeri.
Approssimativamente il 15% del paese ha una copertura boscata.
Molto poca foresta chiusa può esser trovata e questo è principalmente foresta di galleria lungo vie d’acqua. Le foreste aperte includono la savana di quattro tipi, vale a dire Sahelian, Sahelian-Sudanian, Sudanian e Sudanian-guineano. Sebbene la gran parte del paese sia secco e rado, la vegetazione può differire considerevolmente. Il Burkina Faso del nord consiste principalmente di savana, terreno boscoso di acacia, e durante la stagione umida, gli arbusti spinosi e l’abbellimento di alberi striminzito. Gli impianti erbacei includono broadleaf deciduo, l’arbusto, l’arbusto desertico, la savana semidesertica e la macchia irta di spine. La coltura include la Banana, la Manioca, la Buganvillea, il Cottone, la Guava, il Granoturco, lo Spinacio, lo Spinacio di Malabar, il Miglio, le Cipolle, la Papaia, il Sorgo comune, i Pomodori e Yams. La maggior parte del paese è occupato da praterie di savana rade, con arbusti occasionali o acacie. Sebbene il paese solo abbia la copertura di foresta del circa 15% nell’insieme, ci sono molte foreste nel sud, crescendo più dense lungo le rive dei fiumi perenni. Questi includono Diéfoula Forest, Logoniégué Forest, Laba Forest, Dida Forest, Koulbi National Forest, Bontioli Reserve Forest, Nabere Partial Reserve Forest, Koflandé Forest, Maro Forest, Tui Forest, Deux Balés Forest, Kalio Forest, Tisse Forest, Dibon Forest, Pâ Forest, Mou Forest, Boulon Forest, Tigo Forest, Nakambe Forest e Niangoloko Forest, di cui il circa 16% ha la protezione ufficiale.
Gli alberi comprendono l’albero shea (conosciuto come “Karité” nella lingua di Dioula locale e il baobab (l’albero d’ibisco). Sebbene l’albero shea sia indigeno alla regione di Sahel semiarida di Africa Ovest, Burkina Faso contiene il più gran numero di loro. L’albero shea è estremamente importante per la gente burkinabe e è definito come “l’oro delle donne” dagli abitanti di villaggio, perché le noci di albero shea possono esser raccolte e poi trattate da schiacciante e macinante per fruttare il burro shea, importante in cucina e in esportazioni, per uso nella fabbricazione di cioccolato e cosmetici come sapone.
I centri più importanti di produzione di burro shea sono nella Provincia di Sissili e la Provincia di Ziro. La corteccia dell’albero è anche usata come un ingrediente in medicine tradizionali e il guscio di noce è detto essere capace di respingere zanzare e è anche detto proteggere alberi esistenti. L’arachide Bambara (Vigna subterranea) è anche coltivata in abbondanza; Burkina Faso produsse circa 20.000 tonnellate nel 1989, dopo arachidi (160.000 tonnellate) e cowpeas (74.000 tonnellate). Tra il 1982 e il 1985, un tentativo fu fatto migliorare l’arachide di Bambara, un’iniziativa che coinvolse la partecipazione di allevatori d’impianto nel Programma di Legumi di Grano.
In Burkina Faso troviamo popolazioni di alberi di Vitellaria paradoxa, che spesso hanno problemi con parassiti della famiglia delle Loranthaceae.
Quattro specie di Tapinanthus (Tapinanthus dodoneifolius, Tapinanthus globiferus, Tapinanthus ophiodes e Tapinanthus pentagonia) sono molto diffuse tutti attraverso Burkina Faso e Mali e sono anche soggette a esser intaccate da infestanti. Altri alberi includono Acacia, albero sgargiante, Delonix regia e albero neem.

Fauna –
Il Parc National d’Arly, nei pressi del confine con il Benin, è la dimora delle poche specie animali di grossa taglia rimaste nel Burkina Faso, come elefanti, ippopotami, facoceri, babbuini, scimmie, leoni, leopardi, coccodrilli e diverse specie di antilopi.
Le due maggiori aree protette del Burkina Faso – il Parc National d’Arly, che dà accesso ai parchi nazionali del Benin appena oltre il confine, e il Ranch de Nazinga – si trovano nell’angolo sud-orientale del paese. Il Parc National des Deux Balés, a sud di Boromo, è meno attrezzato per i turisti, ma ospita elefanti. Il Parc Regional du W si estende tra il Burkina Faso, il Niger e il Benin, ma le zone più interessanti si trovano oltre il confine. Purtroppo, la caccia (praticata anche dai turisti) rappresenta ancora un problema.
Tra i mammiferi che abitano il Burkina Faso troviamo l’oritteropo, l’elefante di cespuglio africano, lo zibetto africano, la lontra clawless africana, il gatto d’oro africano, l’africano basano lo scoiattolo, il cane selvatico africano, il bufalo nano occidentale, bushbuck, la lepre di Capo, il Capo hyrax, caracal, il ghepardo, lo scimpanzé comune, genet comune, la gazzella di Dorcas, fennec la volpe, il riccio quattro toccato con la punta del piede, il gigante pangolin, la giraffa, lo sciacallo d’oro, grivet, il babbuino della Guinea, l’hamadryas babbuino, Haussa genet, l’ippopotamo, il leopardo, il leone, il babbuino d’oliva, oribi, la volpe pallida, patas la scimmia, ratel, la gazzella rosso fronteggiata, reedbuck, l’antilope roana, genet modo rugginoso notato, il Senegal bushbaby, serval, lo sciacallo a strisce dalla parte, la mangusta snella, la lontra da gola di macchiolina, ha individuato l’iena, l’iena a strisce, la puzzola a strisce, lo scoiattolo di sole, l’albero pangolin, warthog, l’acqua chevrotain, hartebeest occidentale, la mangusta da coda bianca e il gatto selvatico.
Tra i rettili troviamo ancora alcune specie di ccodrilli.
Tra gli uccelli, secondo Bird Life International, ci sono 119 specie di migratori che visitano il paese di cui 81 appartengono a specie paleartiche comprese due specie e cioè: Falco naumanni (vulnerabile) e Gallinago, minacciato, in stato di preoccupazione di conservazione globale.

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.