Parco nazionale del Great Basin

Parco nazionale del Great Basin

Il parco nazionale del Great Basin, il cui Codice WDPA è: 12165 è un parco nazionale degli Stati Uniti sito nello Stato del Nevada.
Questo parco ha una superficie a terra di 312.30 km² ed è gestito dal National Park Service.
Il parco prende il nome dal Great Basin, la regione secca e montuosa tra la Sierra Nevada e le montagne Wasatch. Topograficamente, quest’area è conosciuta come la provincia del bacino e della catena. Il parco si trova a circa 470 km a nord di Las Vegas.

Geografia –
Il parco nazionale del Great Basin è situato nella contea di White Pine nel Nevada centro-orientale, vicino al confine con lo Utah, ed è stato istituito nel 1986. Il parco è più comunemente inserito tramite la Nevada State Route 488, che è collegata alle US Route 6 e 50 dalla Nevada State Route 487 attraverso la cittadina di Baker, l’insediamento più vicino.
Il parco è noto per i suoi boschetti di antichi pini bristlecone, i più antichi organismi non clonali conosciuti, e per le grotte di Lehman alla base del Wheeler Peak di 3.982 m, così come per il Wheeler Peak Glacier.
Fu il presidente Warren G. Harding che creò il monumento nazionale di Lehman Caves con la proclamazione presidenziale il 24 gennaio 1922. Il monumento e i suoi dintorni furono designati parco nazionale il 27 ottobre 1986. All’interno del parco si trovano un certo numero di campeggi. L’Highland Ridge Wilderness è adiacente al Great Basin National Park. Queste due aree protette forniscono un habitat naturale contiguo e protezione a di 590,0 km2 delle terre del bacino orientale del Nevada.

Geologia –
Al’interno del parco nazionale del Great Basin molte delle rocce si sono formate durante il Cambriano, quando la regione si trovava ai margini di una massa continentale chiamata Laurentia. Con il progredire dell’era paleozoica, si sono verificati diversi eventi geologici intensificati, inclusi ripetuti episodi di faglia e, a loro volta, orogenesi che hanno comportato il sollevamento verso l’alto di un nucleo metamorfico, creando dighe e davanzali mafici e riolitici.
Durante il Cambriano medio e tardo si verificò un’estesa attività vulcanica, che contribuì ulteriormente al sollevamento dell’area. Ciò ha anche contribuito a un secondo ciclo di faglie di blocchi, in cui conglomerati, flussi di cenere e tufi si sono accumulati nella catena dei serpenti.
Si sono verificati anche movimenti di faglia continui e intermittenti, con superfici di faglia individuali su entrambi i lati della Snake Range che si assottigliavano e si allungavano.
La glaciazione, principalmente durante una serie di ere glaciali nel Pleistocene, ha poi contribuito ad erodere le cime della Catena dei Serpenti, lasciando pareti di canyon, valli a forma di U, circhi e morene in tutta la catena.
Il sistema di grotte di Lehman iniziò a formarsi circa 550 milioni di anni fa (durante il Cambriano), mentre era ancora sommerso in un oceano relativamente caldo e poco profondo. Le grotte sono costituite da una soluzione di marmo e calcare, per la maggior parte, che forma le numerose decorazioni delle grotte in tutte le caverne.
Il sistema di grotte è diventato molto più profondo durante il Pleistocene, quando un flusso d’acqua prolungato e aumentato ha eroso la roccia fratturata della grotta. Alla fine, il livello dell’acqua è sceso, lasciando stanze abbaglianti e cavità nella roccia, creando le profondità del sistema di Lehman Caves.

Clima –
Secondo il sistema di classificazione del clima di Köppen, il Parco nazionale del Great Basin ha un clima continentale umido durante l’estate calda (Dfb). La zona della vegetazione presso il centro visitatori di Lehman Caves è 6b con una temperatura minima estrema annuale media di -19,9 °C.
Il parco si trova in una regione arida e riceve pochissime precipitazioni durante la maggior parte dell’anno. La maggior parte delle precipitazioni sono neve invernale o temporali estivi. Tutte le precipitazioni in questa regione evaporano, sprofondano nel sottosuolo o sfociano nei laghi, cioè sono endoreiche. Nessuna acqua raggiunge l’oceano.
Gli inverni sono freschi e le estati da miti a calde. Il tempo può cambiare rapidamente, specialmente nell’entroterra o sul Wheeler Peak ad altitudini elevate. Le Lehman Caves mantengono una temperatura abbastanza costante di 10 °C, con un’umidità del 90% tutto l’anno. Il clima varia in tutto il parco, a seconda dell’altitudine e della posizione. Le quote più elevate sono più fresche e ricevono più precipitazioni, mentre le quote più basse sono più calde e secche.

Flora –
All’interno del parco nazionale del Great Basin e delle vallate vicine troviamo undici specie di conifere e oltre 800 specie di piante.
L’area intorno al Centro visitatori è dominata da piante come artemisia, salicornia, pinyon a foglia singola e ginepro dello Utah. Le quote più elevate ospitano prati di montagna, abete bianco, pioppo tremulo, abete rosso di Englemann e grande pino Ponderosa. Al limite del bosco c’è una zona alpina di piante basse e delicate su affioramenti rocciosi.
Il più antico organismo non clonale mai scoperto, un pino bristlecone del Great Basin di almeno 5.000 anni, è cresciuto al limite del bosco vicino a Wheeler Peak nel parco nazionale. Fu abbattuto nel 1964 da uno studente laureato e dal personale del servizio forestale degli Stati Uniti per scopi di ricerca. Gli fu dato il soprannome di Prometeo, dal nome della figura mitologica che rubò il fuoco agli dei e lo donò all’uomo.

Fauna –
Il parco ospita sessantuno specie di mammiferi, 18 specie di rettili, 238 specie di uccelli, due specie di anfibi e otto specie di pesci.
I particolari habitat del parco nazionale del Great Basin ospitano pertanto un’abbondanza di fauna selvatica. Lepri, conigli pigmei, silvilago di montagna, scoiattoli di terra, scoiattoli e vari topi vivono nel deserto di artemisia a bassa quota. Anticorna, coyote, volpi e tassi sono invece abitanti meno comuni.
Nelle zone più aspre, sui pendii delle montagne e nelle zone di fondovalle limitrofe, in questo parco si possono occasionalmente avvistare puma, linci rosse, marmotte, scoiattoli di roccia e pecore bighorn. Altri animali che possono essere trovati qui sono alci, cervi mulo, puzzole maculate, toporagni, gatti dalla coda ad anelli ed ermellino.
Per quanto riguarda i pesci, la trota spietata Bonneville è l’unico pesce originario del Great Basin National Park. È arrivato nelle acque di montagna naturalmente e alla fine è stato isolato dalle mutevoli condizioni climatiche. Altre specie di trote, come la trota spietata di Lahontan, la trota iridea, il ruscello e la trota fario, sono state immagazzinate nei laghi e nei torrenti della South Snake Range fino all’incorporazione del parco nel 1986.
Anche le specie di uccelli sono molteplici. Nel Parco nazionale del Great Basin troviamo oche del Canada, falchi, passeri, aquile calve, cigni della tundra, barbagianni, oche delle nevi, cervi assassini, aquile reali, picchi, germani reali, scriccioli, roadrunner maggiori, cince, grandi gufi cornuti, corvi, gazze e rondini.
Infine gli anfibi. Qui vivono solo due specie di anfibi cge sono state identificate positivamente nella Snake Range meridionale e nelle porzioni adiacenti di Snake e Spring Valley: il rospo occidentale (Spea hammondii) e la rana leopardo (Rana pipiens).

Guido Bissanti




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *