Come si coltiva la Quercia spinosa

Come si coltiva la Quercia spinosa

La quercia spinosa (Quercus coccifera L., 1753) è un arbusto sempreverde della famiglia delle Fagaceae, diffusa nel bacino del Mediterraneo ed originaria dell’Africa del Nord e dell’Europa sud-orientale. In Italia è presente sporadicamente in Sicilia, Sardegna, Liguria, Puglia e Calabria.
È una pianta monoica con fiori unisessuali. I fiori maschili sono riuniti in amenti penduli giallastri; quelli femminili sono solitari o riuniti a piccoli gruppi. Le ghiande sono di forma ovoidale di 2-3 cm con cupola coperta di squame spinescenti.

Coltivazione –
La Quercia spinosa è una pianta tipica della macchia mediterranea più arida che vegeta su suoli sassosi, poveri, scoscesi, ma laddove sia possibile preferisce terreni fertili, profondi, argillosi e più o meno pesanti senza particolari richieste in fatto di pH.
Per la sua coltivazione si tenga conto che è una specie che tollera il calcare e i forti venti, ma non tollera l’esposizione marittima. Non è una pianta rustica, ma può sopportare temperature di -15 °C.

Per quanto riguarda l’impianto, come per tutte le querce, anche la Quercus coccifera si propaga per seme appena effettuata la raccolta, direttamente all’aperto proteggendo il sito di semina da topi e scoiattoli.
Le ghiande possono essere conservate solo se viene garantita una certa umidità, dato che se si seccano perdono subito la vitalità. I semenzali devono essere messi a dimora molto presto (entro le prime due stagioni vegetative), perché l’apparato radicale della Quercia spinosa è altamente intollerante al disturbo, tanto che si è riscontrato che i migliori esemplari sono sempre quelli seminati direttamente in situ.

Usi –
La quercia spinosa è una pianta resistente e rustica, si adatta a terreni poveri e sassosi e a condizioni di aridità. Il legno, molto duro, viene usato come legna da ardere. Nel passato veniva estratto un colorante rosso scarlatto dalle femmine adulte essiccate e polverizzate di un insetto (Chermes vermilio) che vive sui rami della quercia spinosa.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *