Melittis melissophyllum

Melittis melissophyllum

L’Erba limona comune o Bocca di lupo (Melittis melissophyllum L., 1753) è una specie erbacea appartenente alla famiglia delle Lamiaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Superdivisione Spermatophyta,
Divisione Magnoliophyta,
Classe Magnoliopsida,
Sottoclasse Asteridae,
Ordine Lamiales,
Famiglia Lamiaceae,
Genere Melittis,
Specie M. melissophyllum.
All’interno di questa specie vengono riconosciute delle sottospecie di cui se ne riporta un elenco:
– Melittis melissophyllum L. subsp. albida (Guss.) P.W. Ball (1971);
– Melittis melissophyllum L. subsp. carpatica (Klokov) P.W.Ball (1971);
– Melittis melissophyllum L. subsp. sarmatica Gladkova;
– Melittis melissophyllum L. subsp. albida (Guss.) Nyman (1881);
– Melittis melissophyllum L. subsp. carpatica Soo & Borsos;
– Melittis melissophyllum L. subsp. grandiflora (Sm.) Nyman (1881);
– Melittis melissophyllum L. subsp. melissophyllum;
– Melittis melissophyllum L. subsp. kerneriana (Klokov) Soò et Borsos;
– Melittis melissophyllum L. subsp. sarmatica Soo & Borsos.
In Italia sono presenti le seguenti sottospecie:
– Melittis melissophyllum L. subsp. albida (Guss.) P.W. Ball (1971);
– Melittis melissophyllum L. subsp. melissophyllum.
Sono sinonimi i seguenti termini:
– Melissa sylvestris Lam.;
– Melissophyllum silvaticum St-Lager;
– Melittis albida Guss. (sinonimo della subsp. albida);
– Melittis carpatica Klokov (sinonimo della subsp. carpatica);
– Melittis graeca Klokov (sinonimo della subsp. albida);
– Melittis grandiflora Sm. (1799);
– Melittis grandiflora sensu Klokov, non Sm. (sinonimo della subsp. carpatica);
– Melittis hispanica Klokov;
– Melittis kerneriana Klokov;
– Melittis sarmatica Klokov (sinonimo della subsp. carpatica);
– Melittis subcordata Klokov (sinonimo della subsp. carpatica).

Etimologia –
Il termine Melittis proviene dal greco μέλιττα mélitta ape: per i fiori bottinati da questi insetti.
L’epiteto specifico melissophyllum viene dal genere Melissa (dal greco μέλισσα mélissa ape, essendo una pianta mellifera per eccellenza) e dal greco φύλλον phýllon foglia: con foglie da melissa.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
L’erba limona comune è una specie originaria dell’Europa meridionale e presente in tutte le regioni d’Italia (escluse le isole).
In Europa è diffusa nella parte centrale e meridionale, dalla Francia all’Ucraina, presente anche in parte della Gran Bretagna, mentre sui rilievi europei non si trova sulle Alpi Dinariche.
Il suo habitat tipico è quello dei boschi di latifoglie (querceti, faggete e castagneti) in zone marginali o cedue; ma anche nelle zone ad arbusteti meso-termofili, pinete e gineprai. Il substrato preferito è calcareo con pH basico e terreno a bassi valori nutrizionali e a regime secco.
È presente dalla collina alla montagna ad altitudini fino a 1400 m s.l.m..

Descrizione –
La Melittis melissophyllum è una pianta erbacea perenne, alta circa 50 cm, con robusto rizoma e radici secondarie filiformi, e fusto quadrangolare, eretto non ramificato, ricoperto da una fine peluria biancastra più densa ai nodi.
Ha foglie con breve picciolo o subsessili che sono opposte a due a due su ogni nodo del fusto; la lamina è ovale o ellittico-lanceolata, con evidenti nervature, ha forma a cuore, appuntita con 10-20 denti arrotondati per lato, glabre o sparsamente pelose, con peli sulla nervatura centrale, cigliate al bordo. Se schiacciate emanano un gradevole odore di cumarina simile a quello del limone.
I fiori sono grandi profumati ed ermafroditi, in numero di 2-6 sono riuniti in fascetti all’ascella delle foglie superiori portati da un peduncolo di 5-12 mm, peloso. Hanno il calice verde, spesso membranoso, marrone da secco, svasato-campanulato e peloso, con denti mucronati e a volte denticolati, brevemente cigliati, quello superiore lungo circa il doppio di quelli inferiori. La corolla di 3-4 cm a forma di lunga tromba di colore rosso cupo, rosea o bianca con tubo eretto, il labbro superiore quadrangolare, quello inferiore trilobo giallo talvolta chiazzato di rosa o ornato di un disegno porporino con il lobo centrale più grande e lievemente ricurvo verso il basso. Stami 4 didinami con filamenti pelosi che non sorpassano i lobi della corolla. Stimma bifido.
Il frutto è schizocarpico; è un microbasario incluso nel calice con mericarpi globosi, trigoni, pelosi e brunastri che misurano 3-3,5 mm.

Coltivazione –
L’Erba limona comune è una pianta che preferisce un substrato ricco ed è resistente fino a circa -20 °C.
Questa pianta non ha bisogno di molte cure, il terreno deve essere leggero e la posizione un po’ ombreggiata.
La pianta si può coltivare partendo da seme che va seminato in semenzaio o in vasetti nel periodo autunnale.
Il trapianto va effettuato in estate.
Si può propagare anche per divisione di cespi in primavera. I cespi più grandi possono essere ripiantati direttamente nelle loro posizioni permanenti, anche se è meglio invasare i cespi più piccoli e farli crescere in semenzaio fino a quando non si radicano bene.

Usi e Tradizioni –
La Melittis melissophyllum è una pianta che ha diverse proprietà medicinali e le foglie secche possono essere usate per preparare un thè.
I fiori hanno un gradevole profumo dolce simile al miele e sono i più grandi tra le Lamiaceae.
Le foglie diventano dolcemente profumate mentre si asciugano e conservano a lungo la loro fragranza.
Questa erba profumata alla cumarina (come il fieno appena falciato), è usata occasionalmente per fare un tipo di bevanda.
Le sue proprietà medicinali sono: astringente, purificatrice del sangue, diuretica, emmenagoga, sedativa, vulneraria.
Questa pianta, come altre specie delle Lamiaceae, è piuttosto aromatica e si accompagna bene con cavoli e pomodori.
La sua natura aromatica aiuta a respingere i parassiti.
Le sostanze presenti sono la cumarina, a pianta essiccata, che gli conferisce le proprietà di purificante del sangue, emmenagoga, astringente, vulneraria, diuretica e sedativa.
Facilita le mestruazioni e allevia i dolori che le accompagnano.
Tra gli altri usi si ricorda che i fiori, pur essendo una pianta rustica, sono copiosi e graziosi per cui facilmente trovano impiego nei giardini rocciosi (soprattutto ai margini di aiuole piantate ad arbusti).
Questa pianta in genere è rifiutata dal bestiame da pascolo anche se i suoi fiori sono succhiati dalle api da miele, per cui è considerata invasiva e deve essere estirpata dai prati a pascolo.

Modalità di Preparazione –
L’Erba limona comune è una pianta di cui si utilizzano le parti aeree.
Con le foglie essiccate si possono preparare delle bevande simili al tè.
Le foglie fresche od essiccate all’ombra sono usate per preparare un tè aromatico che dopo i pasti ha azione digestiva ed è anche sedativa degli spasmi duodenali.
Unita all’Achillea e alla Primula è un buon sonnifero.
Viene anche usata in applicazioni esterne per curare le ferite che aiuta a cicatrizzare e per alleviare i dolori di contusioni ed infiammazioni.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *