Marchantia polymorpha

Marchantia polymorpha

La Fegatella (Marchantia polymorpha L.) è una epatica appartenente alla famiglia delle Marchantiaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Marchantiophyta;
Classe Marchantiopsida,
Ordine Marchantiales,
Famiglia Marchantiaceae,
Genere Marchantia,
Specie M. polymorpha.
Sono sinonimi i termini:
– Marchantia alpestris (Nees) Burgeff;
– Marchantia aquatica (Nees) Burgeff
All’interno di questa specie si riconoscono le seguenti sottospecie:
– Marchantia polymorpha L. ssp. montivagans Bischl. & Boissel.-Dub.;
– Marchantia polymorpha L. ssp. polymorpha;
– Marchantia polymorpha L. ssp. ruderalis Bischl. & Boissel.-Dub..

Etimologia –
Il termine Marchantia del genere è stato dedicato da Linneo al botanico francese Nicholas Marchant (?-1678) che fu direttore del Giardino Botanico di Blois e successivamente del Jardin du Roi a Parigi, primo botanico ammesso all’Accademia delle Scienze, nel 1666. Secondo De Theis e il Verzeichnis Eponymischer Pflanzennamen il genere fu pubblicato da Linneo, ma il nome sarebbe stato definito da Jean Marchant in onore di suo padre.
L’epiteto specifico polymorpha viene dal prefisso greco πολυ- poly- molto, molti e da μορφή morphé forma: che assume molte forme diverse.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La Marchantia polymorpha è una specie cosmopolita con un’ampia distribuzione in tutto il mondo dai climi tropicali a quelli artici.
Il suo habitat è quello dei terreni umidi e delle rocce in ambienti umidi come le rive di torrenti e pozze, torbiere, paludi e dune allentate.

Descrizione –
La Marchantia polymorpha è una epatica, cioè una pianta non-vascolare, quindi affini ai muschi, antichissima e dotata di un sistema riproduttivo primitivo. Infatti non ha floema e xilema come felci, conifere e piante da fiore per trasportare acqua, cibo e minerali attraverso la pianta.
Questa pianta forma una rosetta di talli appiattiti con rami biforcuti. I talli crescono fino a 10 cm di lunghezza con una larghezza fino a 2 cm. Di solito è di colore verde, ma le piante più vecchie possono diventare marroni o violacee. La superficie superiore è caratterizzata da segni poligonali.
La parte inferiore è ricoperta da molti rizoidi simili a radici che permettono alla pianta di ancorarsi al terreno.
Le piante producono strutture riproduttive simili a ombrelli note come gametofori. I gametofori delle piante femminili sono costituiti da un gambo con raggi a forma di stella nella parte superiore. Questi contengono archegonia, gli organi che producono gli ovuli. I gametofori maschili sono sormontati da un disco appiattito contenente gli anteridi che producono lo sperma.

Coltivazione –
La Marchantia polymorpha si riproduce asessualmente da gemme prodotte all’interno di coppe. Le gemme sono a forma di lenticchia e vengono rilasciate da goccioline d’acqua. Le piante prodotte in questo modo si possono espandere significativamente.
Infatti spesso forma grandi colonie sulla superficie su cui cresce.
Questa specie abbraccia il substrato su cui cresce, solitamente terreno umido o rocce bagnate.
Cresce soprattutto su terreni umidi, generalmente neutri o basici o su roccia bagnata, come lungo un ruscello perenne. Occasionalmente compare su suoli minerali in depressioni o all’ombra di tronchi caduti a seguito di incendi boschivi.

Usi e Tradizioni –
La Marchantia polymorpha è una specie vegetale che ha generato una lunga storia di interesse come fonte di rimedi erboristici. Aristotele e Teofrasto ne fanno riferimento nell’antica letteratura erboristica greca. Si suppone che la pianta assomigli a un fegato, quindi, applicando la “dottrina delle firme”, è stata usata per trattare le malattie epatiche sia in Europa che in Cina (Shuster, 1966). Jantwal et al., (2019) elencano un’ampia gamma di applicazioni farmacologiche umane tra cui: trattamenti per foruncoli e ascessi e come agenti antipiretici, antibatterici, antimicotici, diuretici, vasorilassanti, miorilassanti, cardiotonici, antiossidanti, antitripanosomici e antivirali.
I Marchantin, classificati come eteri, presenti in questa epatica, sono stati studiati come potenziali farmaci antitumorali: Marchantin A, induce l’apoptosi nelle cellule di cancro al seno umano (Huang et al., 2010), così come Marchantin M nelle cellule di cancro alla prostata (Jiang, 2013), mentre Marchantin C agisce sulle cellule del cancro del polmone (Zhang et al., 2019). Sebbene la maggior parte di questa ricerca sia condotta in Cina, in Occidente esiste un mercato pronto per i rimedi antitumorali alternativi.
Inoltre la sua forte capacità fungicida è stata utilizzata con successo nel trattamento di funghi della pelle e delle unghie.
Tra gli altri usi, riportiamo che il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha studiato la Marchantia polymorpha per il suo utilizzo nella riabilitazione di siti disturbati grazie alla sua capacità di tollerare elevate concentrazioni di piombo nel suolo, insieme ad altri metalli pesanti. A loro volta, le colonie di M. polymorpha possono essere un’indicazione che un sito ha alte concentrazioni di metalli pesanti, specialmente quando si trovano in densi tappetini con poche altre specie vegetative presenti.
Un importante vantaggio di M. polymorpha è che è spesso la prima vegetazione a comparire dopo un grande incendio.
Dopo aver invaso l’area bruciata, M. polymorpha cresce rapidamente, coprendo talvolta l’intero sito. Questo è importante per prevenire l’erosione del suolo che si verifica frequentemente dopo gravi incendi, causando danni ambientali significativi e a lungo termine. Oltre a ciò, M. polymorpha rinnova l’humus nel terreno bruciato e nel tempo eleva la qualità del terreno fino a un punto in cui si può stabilire altra vegetazione.

Modalità di Preparazione –
La Marchantia polymorpha è stata utilizzata da tempi antichi per porre rimedio ai disturbi del fegato a causa delle sue somiglianze percepite con la forma e la consistenza dei fegati animali, secondo la dottrina delle firme.
Attualmente viene impiegata, con vari preparati anche nella medicina omeopatica.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *