Lithothamnium calcareum

Lithothamnium calcareum

Il Litotamnio calcareo (Lithothamnium calcareum Pallas) è un’alga rossa appartenente alla famiglia delle Corallinaceae

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al:
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Divisione Rhodophyta,
Classe Florideophyceae,
Sottoclasse Corallinophycidae,
Ordine Corallinales,
Famiglia Corallinaceae,
Genere Lithothamnium,
Specie L. calcareum.

Etimologia –
Il termine Lithothamnium proviene dal greco litho, che significa pietra e thamnion, piccolo albero.
L’epiteto specifico calcareum viene da calx, calcis calcio: per il contenuto calcareo di questa alga.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Lithothamnium calcareum è un’alga rossa tipica dei mari della Gran Bretagna e dell’Irlanda di cui costituisce la cosiddetta “sabbia corallina”, sostanza ricca di calcio usata come concime correttore.
Il suo habitat è quello delle grandi colonie in mare aperto dove cresce fino a 30 metri di profondità.

Descrizione –
Il Lithothamnium calcareum è un’alga rossa costituita da talli monomeri e crostosi che sono composti da un unico sistema di filamenti che crescono vicino alla superficie sottostante.
Quest’alga si riproduce per mezzo di concettacoli multiporati e può vivere da 10 a 15 anni, crescendo da 0,3 a 3 mm all’anno.

Coltivazione –
Da questa alga rossa che vive nei fondali marini della Bretagna si estrae il Litotamnio che trova impiego sia per integratori alimentari che in agricoltura come fitostimolante ed ammendante.

Usi e Tradizioni –
Il Lithothamnium calcareum è un’alga rossa che viene utilizzata da tempo sia per la preparazione di integratori alimentari che in campo agricolo come fitostimolante ed ammendante.
Quest’alga è costituita da più di 40 nutrienti bilanciati, che una volta lavorati, hanno una elevata solubilità e disponibilità per gli esseri viventi.
Quest’alga rossa è utilizzata da decenni in diversi paesi per l’alimentazione animale e vegetale. Oltre a nutrire, hanno un’elevata reattività e presenza di componenti minerali e organici, fornendo una condizione favorevole alla vita microbica.
La caratteristica principale del Lithothamnion calcareum è la formazione di carbonato di calcio precipitato nelle sue pareti cellulari. Per questo motivo viene commercializzato come integratore alimentare per calcio e altri minerali in vari Paesi del mondo.
Inoltre il Litotamnio è molto usato in agricoltura biologica e biodinamica, in quanto svolge diverse funzioni:
– fitostimolante: l’ alto contenuto in carbonato di calcio (80-85%), in magnesio (10-15%) e in oligoelementi ne fa un ottimo prodotto per favorire lo sviluppo della pianta e delle sue capacità di autodifesa. Le piante trattate regolarmente, crescono più sane e vigorose grazie alla presenza di oligoelementi e sostanze ormonali naturali;
– ammendante: migliora la strutture e il pH dei terreni acidi; nei terreni tendenti all’acidità, può essere impiegato per aumentare il valore del pH e portare il terreno vicino alla neutralità. È particolarmente indicato nel ripristino di terreni condotti con concimi di sintesi, in quanto il ricco contenuto in oligoelementi, stimola l’attività della microflora del terreno;
– è un ottimo concime per produzioni ortive o frutticole e particolarmente indicato nei terreni acidi e poveri di humus essendo ricco di calcio, magnesio ed oligoelementi.
La composizione del litotmanio è la seguente: 80% Carbonato di calcio, 10-15% magnesio e una piccola percentuale di altri elementi chimici, ovvero preziosi microelementi che concorrono alla nutrizione del terreno.

Modalità di Preparazione –
Il Lithothamnium Calcareum trova impiego come un integratore alimentare vegetale utile per la salute delle ossa, infiammazioni e contro l’acidità gastrica ed in questo caso viene venduto soprattutto sotto forma di compresse.
Un altro utilizzo di quest’alga rossa è quello come ammendante e stimolante per le coltivazioni agricole ed in questo caso viene venduto sotto forma di polvere calcarea e rientra nella categoria dei prodotti naturali utile nel controllo biologico delle colture.
Questo prodotto si ottiene dalla micronizzazione di questa alga rossa.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito





Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *