Cuspidato

Cuspidato

Con il termine cuspidato, in botanica, si intende di un organo, specialmente foglia, che termina in punta allungata e rigida.
Il termine cuspidato proviene dal latino cuspidatus, derivazione di cuspis -ĭdis «cuspide», quindi che termina a forma di cuspide.
Un organo è cuspidato quando restringendosi dalla base verso l’apice, termina con una punta rigida e sottile non molto lunga di origine sia vascolare che laminare, come in alcune foglie (Verbascum phlomoides, Acer platanoides).
Il termine cuspidato si distingue da:
– mucronato con punta solo vascolare;
– apicolato con punta non rigida;
– pungente con punta lunga e rigida.

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *