Parco nazionale di Olympic

Parco nazionale di Olympic

Il parco nazionale di Olympic, il cui Codice WDPA è: 974 è un parco degli Stati Uniti con una superficie a terra di 3.734 km².
Il parco nazionale di Olympic è situato nello stato di Washington, non lontano dalla città di Seattle ed è amministrato dal Servizio dei Parchi nazionali.
Il parco nazionale di Olympic è stato istituito nel 1909 dal Presidente Theodore Roosevelt, che lo denominò Olympic National Monument. Dopo che il Congresso ne votò lo stato di parco nazionale, il Presidente Franklin D. Roosevelt firmò la relativa legge nel 1938. Nel 1976 il parco nazionale di Olympic divenne riserva della biosfera e, nel 1981, un patrimonio dell’umanità.
Nel 1988 venne creata per quasi tutta la penisola olimpica la Olympic Wilderness, un’ulteriore protezione per la regione.
Il parco nazionale di Olympic si divide in tre macroregioni: costa del Pacifico, montagne Olympic e foresta pluviale temperata.
La parte costiera di Olympic è una spiaggia irregolare sabbiosa lungo una striscia boscosa. Questa è lunga 105 chilometri ma larga solo poche miglia, con comunità di nativi americani in corrispondenza delle foci dei due principali fiumi. Gli Hoh abitavano nei pressi del fiume Hoh, mentre i Quileute vivevano nella città di La Push, alla foce del fiume Quileute. I tratti di costa incontaminata raggiungono i 15-30 chilometri.
Acune spiagge sono sabbiose, altre sono ricoperte da rocce e grandi massi. Cespugli, fitta vegetazione, terreno scivoloso e maree contribuiscono a rallentare il passo anche agli escursionisti più esperti. Di norma il tempo di percorrenza indicato va raddoppiato. Può essere interessante notare che le coste sono facilmente accessibili (a differenza dell’entroterra) e si trovano poche persone a più di un giorno di viaggio dalla costa.
Il tratto più popolare di costa è l’Ozette Loop, lungo circa 13 chilometri. Dal sentiero di Lake Ozette, si snoda un percorso di cinque chilometri lungo la costa attraverso una macchia paludosa di Tuia maggiore. Una volta raggiunta la costa, cinque chilometri di cammino attraversano l’antico luogo abitato dagli aborigeni, con alcuni sentieri da seguire in caso di alta marea. Questa zona era tradizionalmente la favorita dalla tribù Makah di Neah Bay. Il terzo sentiero di cinque chilometri è inaccessibile per la maggior parte delle persone. È la difficoltà dei sentieri che rende Ozette così popolare.
Esistono gruppi di alberi che seguono la linea della sabbia, per questo si trovano rami e altre parti di albero caduti spiaggia. Il leggendario fiume Hoh, nel lato meridionale della costa, è sostanzialmente selvaggio e scarica un considerevole ammontare di pezzi di legno ed altri detriti, che tendono a muoversi verso nord, arricchendo la spiaggia.
Il parco è noto per l’unicità delle sue torbiditi. In esso sono ben visibili torbiditi con vene di calcite. Il parco è anche conosciuto per le sue tettoniche “brecce”, grosse anche come una casa, chiamate dai locali “rocce puzzolenti” a causa del forte odor di petrolio che emanano.

Geologia –
Al centro del parco nazionale di Olympic troviamo le montagne Olympic, i cui pendii sono ricoperti da enormi, antichi ghiacciai. Queste montagne si sono innalzate grazie alla subduzione della placca di Juan De Fuca. La composizione geologica è un curioso miscuglio di rocce basaltiche e sedimentarie. La metà occidentale è dominata dal Monte Olympus che raggiunge i 2.428 metri. Sul monte Olympus cade molta neve e quindi possiede il più esteso ghiacciaio di qualsiasi vetta non vulcanica degli stati confinanti con le North Cascades. Ci sono molti ghiacciai, il più grande dei quali è il ghiacciaio Hoh, lungo circa cinque chilometri. Guardando verso est le montagne sono più asciutte a causa della protezione dalle piogge che viene offerta dalle montagne occidentali. Vi sono anche numerosi picchi e creste rocciose. Il punto più alto della catena montuosa orientale è il Monte Deception con i suoi 2.375 metri.

Ambiente –
Il lato occidentale del parco è occupato da una foresta pluviale temperata, di cui fanno parte l’Hoh Rain Forest e la Quinault Rain Forest, l’area più umida degli Stati Uniti continentali (l’isola di Kauai nello stato delle Hawaii è più piovoso). Essendo una foresta temperata, invece che tropicale, come la foresta amazzonica in America meridionale, è dominata da felci, ma contiene anche fitte foreste formate da pecci e abeti ed il muschio, che li ricopre, scende dai rami formando appendici verdi ed umide.
Dal momento che il parco si trova su una penisola, con un gruppo montuoso che lo divide dalle terre a sud, ha sviluppato una serie unica di piante ed animali (come la marmotta olimpica) che non possono essere trovate in nessun altro luogo. La costa meridionale della penisola Olympic rappresenta anche la regione non glaciale più a nord della costa pacifica, con il risultato che, dal momento che la distanza che intercorreva tra le vette e la costa durante l’ultimo massimo glaciale era doppia di quella attuale, servì anche da rifugio da cui le piante colonizzarono le regioni glaciali a nord.
Fornisce anche l’habitat per molte specie (come il cervo di Roosevelt) tipiche solo della costa pacifica nord-occidentale. A causa della sua importanza gli scienziati l’hanno dichiarato Riserva biologica e studiano le specie presenti per meglio capire come piante ed animali evolvono.

Flora –
Il parco nazionale di Olympic vanta una straordinaria diversità di vita vegetale; dalle imponenti conifere alte oltre 20 piani, ai minuscoli ciuffi di Douglasia rosa che fanno leva su una vita da picchi rocciosi.
Nella penisola crescono oltre 1.450 tipi di piante vascolari, quasi lo stesso numero delle isole britanniche, un’area 30 volte più grande. Inoltre, qui vivono anche centinaia di specie di muschi, epatiche e hornwort acquatiche non vascolari.
Il parco nazionale di Olympic e la circostante penisola olimpica hanno cime innevate che si tuffano nella costa avvolta dalla nebbia. Nebbiosa foresta pluviale temperata sul lato ovest, si trova a sole 34 miglia dalla savana di querce secche all’ombra della pioggia a nord-est delle montagne. Questi rapidi cambiamenti di altitudine e precipitazioni significano che molti habitat si sovrappongono all’internp.
Inoltre, sebbene non siano piante vere, molti tipi di funghi e licheni crescono anche in questi habitat.
Alcune delle specie vegetali di Olympic non sono originarie di quest’area in quanto sono piante esotiche invasive.

Fauna –
Il Parco nazionale di Olympic ospita un’ampia varietà di fauna selvatica.
Al largo troviamo balene, delfini, leoni marini, foche e lontre marine che si nutrono nell’Oceano Pacifico. Abitano le pozze di marea, inoltre, invertebrati di innumerevoli forme, dimensioni, colori e consistenze.
Sulla terra, alcune specie, come procioni, castori e visoni, vivono principalmente nelle pianure. Ma altri, come cervi, alci, puma e orsi, vanno dalle valli ai prati di montagna. Le acque del parco ospitano alcuni dei salmoni del Pacifico più sani al di fuori dell’Alaska. Oltre 300 specie di uccelli vivono nella zona almeno una stagione dell’anno, dai piccoli rinoceronti simili a pinguini al largo alle aquile reali che volano sulle vette.
Il parco è, inoltre, un raro rifugio per specie dipendenti da foreste secolari, comprese alcune specie protette dalla legge sulle specie minacciate di estinzione. Questo parco fornisce uno degli ultimi ampi tratti di foresta primordiale intatta nei 48 stati inferiori. Queste foreste umide forniscono l’habitat essenziale per gufi maculati settentrionali, murrelet marmorizzati e una varietà di anfibi.
Anche la comunità della fauna selvatica dell’isolata penisola olimpica è unica. Questa comunità è degna di nota non solo per i suoi animali endemici (che si trovano solo qui), ma anche per le specie mancanti nella penisola ma trovate altrove nelle montagne occidentali. Pika, pernice bianca, scoiattoli di terra, lince, volpi rosse, coyote, ghiottone, orsi grizzly, pecore bighorn e storicamente, capre di montagna, non si sono riscontrati nella penisola olimpica. Nel frattempo, specie endemiche come la marmotta olimpica, la talpa delle nevi olimpica e la salamandra del torrente olimpico si trovano qui e in nessun’altra parte del mondo.
Parco nazionale di Olympic è una delle aree selvagge più diversificate degli Stati Uniti. La sua ampia varietà di ecosistemi fornisce un habitat fondamentale per la sopravvivenza di specie sensibili, come il salmone selvatico, i gufi maculati settentrionali e i murrelet marmorizzati. L’Olympic è davvero un rifugio per le specie a rischio. Protegge uno dei più grandi appezzamenti rimasti di habitat incontaminato per alcune specie minacciate o in via di estinzione.

Guido Bissanti

Link per acquistare su Amazon




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *