Dioscorea oppositifolia

Dioscorea oppositifolia

Lo Yam cinese (Dioscorea oppositifolia L.) è una specie arbustiva rampicante appartenente alla famiglia delle Dioscoreaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al
Dominio Eukaryota,
Regno Plantae,
Classe Liliopsida,
Ordine Liliales,
Famiglia Dioscoreaceae,
Genere Dioscorea,
Specie D. oppositifolia.
Sono sinonimi i termini:
– Dioscorea opposita Thunb.;
– Dioscorea oppositifolia var. dukhunensis Prain & Burkill;
– Dioscorea oppositifolia var. linnaei Prain & Burkill;
– Dioscorea oppositifolia var. thwaitesii Prain & Burkill.

Etimologia –
Il termine Dioscorea del genere è stato dedicato a Pedanio Dioscoride Anazarbeo (di Anazarbo Asia Minore), medico di cultura greca, botanico e farmacista, vissuto nel I secolo d.C..
L’epiteto specifico oppositifolia proviene da oppósitus opposto e da fólium foglia, lamella: con foglie disposte a coppie su lati opposti del fusto.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Lo Yam cinese è una pianta originario del Myanmar e del subcontinente indiano (India, Sri Lanka, Bangladesh ).
Si tratta di una pianta con alto adattamento a diversi habitat e condizioni ambientali ma si trova più comunemente ai margini di ricche foreste mesiche di fondovalle, lungo le rive dei torrenti e i corsi d’acqua e vicino alle recinzioni.
Si tratta di una pianta con un alta capacità di diffusione legati alle attività antropiche come vicino a vecchi ruderi e lungo le strade. Da queste aree può facilmente diffondersi nelle vicine falde ripariali e in habitat indisturbati. Anche se questa pianta può tollerare livelli di luce che vanno dal pieno sole alla piena ombra, cresce principalmente in condizioni di mezza ombra e lungo i bordi della foresta in quanto è spesso associata ad habitat ripariali, dove predilige terreni limosi e limosi, tipici degli habitat alluvionali.

Descrizione –
La Dioscorea composita è una pianta rampicante perenne che cresce a partire da un tubero profondo, persistente, simile a una radice, lungo fino a 1 metro che si rigenera ogni anno.
Gli steli sono rotondi e sottili e si intrecciano a spirale verso l’alto (da sinistra a destra, in senso antiorario).
Le foglie sono generalmente disposte in modo opposto, sebbene possano essere alternate nei nodi superiori, e occasionalmente disposte in modo ternano in spirali di 3. Le foglie sono semplici, con nervature da 7 a 9, lunghe da 4 a 8 cm, e tipicamente di forma ovata, frastagliata o sagittata. Le foglie hanno generalmente una base profondamente lobata, una punta acuminata e sono di colore rosso porpora lungo i margini delle foglie, i piccioli e gli steli. Le foglie nuove hanno spesso una caratteristica tinta color bronzo.
I fiori sono piccoli,di colore bianco (giallo-verdastro) e profumano di cannella; sono unisessuali (piante dioiche) e nascono dalle ascelle delle foglie informa di infiorescenze a spiga o paniculate.
I frutti sono delle capsule membranose a tre angoli.

Coltivazione –
La Dioscorea oppositifolia è una pianta che può riprodursi sia sessualmente che agamicamente con cui si riproduce vigorosamente attraverso la produzione di piccoli propaguli ascellari simili a patate, chiamati bulbilli. Questi bulbilli mostrano un tasso di sopravvivenza relativamente basso sul campo (rispetto in serra), ma le piante apparentemente producono un numero adeguato di bulbilli per compensare in abbondanza il loro basso tasso di sopravvivenza. Ogni pianta è in grado di produrre una media di 20 bulbilli all’anno.
Anche i bulbilli parzialmente mangiati dai roditori o tagliati a pezzi da una motozappa, sono ancora in grado di produrre piante sane. I bulbilli vengono dispersi principalmente per gravità ma possono essere ulteriormente dispersi dall’acqua o dagli animali.
È una pianta che preferisce terreni relativamente ricchi di azoto.

Usi e Tradizioni –
La Dioscorea oppositifolia precedentemente era chiamata D. opposita. Tuttavia anche la Dioscorea polystachya è spesso chiamata erroneamente anche Dioscorea opposita.
Alcuni autori affermano che sia i tuberi che i bulbilli di D. oppositifolia sono commestibili, anche se i bulbilli generalmente non vengono raccolti e utilizzati come cibo. I tuberi sono commestibili, possono pesare fino a 2 kg o più se coltivati in terreni argillosi profondi; sono saporiti e nutrienti.
I tuberi contengono circa il 20% di amido, il 75% di acqua, lo 0,1% di vitamina B1 e da 10 a 15 mg di vitamina C. Contengono anche mucillagini, amilasi, aminoacidi e glutammina.
I tuberi, in certi casi, vengono usati come erba tonica. Stimolano lo stomaco e la milza e agiscono su polmoni e reni.
I tuberi sono stati mangiati per il trattamento di inappetenza, diarrea cronica, asma, tosse secca, minzione frequente o incontrollabile, diabete e instabilità emotiva. Per via esterna vengono applicati anche su ulcere, foruncoli e ascessi.
I tuberi contengono allantoina, un proliferante cellulare che accelera il processo di guarigione.
Alcuni autori affermano che il succo di foglie di D. oppositifolia può essere usato per trattare morsi di serpente e punture di scorpione. Le sue radici contengono diosgenina, che è un composto spesso usato nella produzione di progesterone e altri farmaci steroidei.
Questa pianta è stata usata, tradizionalmente, come contraccettiva e nel trattamento di vari disturbi degli organi genitali, nonché per l’asma e l’artrite.
Tra gli altri usi si ricorda che questa pianta viene frequentemente piantata per il suo valore ornamentale.
I fiori profumano di cannella e la pianta è attraente per pergole, graticci e portici.

Modalità di Preparazione –
Lo Yam cinese è una pianta che, secondo alcuni autori può essere impiegata per uso alimentare, consumando sia i tuberi che i bulbilli, anche se i bulbilli generalmente non vengono raccolti e utilizzati come cibo.
Questa pianta, da tempi remoti, è stata impiegata attraverso alcuni preparati, ricavati dai tuberi o dalle foglie per vari usi medicinali.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Useful Tropical Plants Database.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *