Parco nazionale dei ghiacciai – Stati Uniti

Parco nazionale dei ghiacciai – Stati Uniti

Il Parco nazionale dei ghiacciai, il cui codice WDPA è: 11111516, è un parco nazionale degli Stati Uniti situato nel Montana, al confine con le provincie canadesi dell’Alberta e della Columbia Britannica.
Il parco che comprende oltre 4.000 Km2, racchiude due catene montuose, oltre 130 laghi, oltre 1.000 specie di piante e centinaia di diverse specie di animali. Questo vasto ecosistema è stato definito come la “summa dell’ecosistema continentale”.
Dal punto di vista archeologico e storico, in base a ritrovamenti archeologici, i nativi americani arrivarono nell’area del parco per la prima volta circa 10.000 anni fa.
Molte tribù indiane si sono succedute come dominatrici della regione in cui si trova il parco oggi, tra le quali i Cheyenne e i Piedi Neri, di cui esiste una riserva ai confini orientali del parco.
La famosa spedizione compiuta dai due esploratori Lewis e Clark, passò a soli 80 chilometri da questa regione nel 1806, mentre una serie di esplorazioni più approfondite vennero condotte durante tutto l’arco del XIX secolo, fra le quali vale la pena ricordare quelle dell’ingegnere ferroviario John Frank Stevens.
Proprio quest’ultimo nel 1891, fece sì che la compagnia ferroviaria Great Northern Railway, attraversasse il Continental Divide, ovvero lo spartiacque che divide il bacino dei fiumi che finiscono nell’oceano Atlantico e quelli che finiscono nell’oceano Pacifico, costeggiando così tutta l’area dei ghiacciai.
Proprio per stimolare l’uso di tale ferrovia, la compagnia chiese al Congresso degli Stati Uniti di preservare la zona istituendo un parco nazionale, per la tutela delle foreste e dei ghiacciai e fu così quindi che l’11 maggio del 1910 venne ufficialmente istituito il Parco nazionale dei ghiacciai (Glacier National Park).
Anche se il Parco nazionale dei ghiacciai deve il suo nome ai circa 150 ghiacciai presenti al suo interno al momento dell’istituzione; tuttavia, a causa del ritiro dei ghiacciai dovuto al riscaldamento climatico, nel 2010 rimanevano appena 37 ghiacciai, di cui solo 25 potevano essere considerati ancora attivi e con una superficie di almeno 10 ettari.
Il Parco nazionale dei ghiacciai è dominato da montagne che vennero scavate profondamente dai ghiacciai dell’ultima glaciazione, quasi completamente scomparsi nel corso degli ultimi 15.000 anni.
Quest’area è molto sensibile al cambiamento climatico planetario che ha avuto inizio nel XX secolo e per questo dal 1992 un centro di ricerche dell’United States Geological Survey le tiene sotto osservazione costante per ricavarne dati statistici da confrontare con quelli di altri laboratori ricavati da altre aree del pianeta individuate secondo determinati parametri.

Flora –
L’area del Parco nazionale dei ghiacciai fa parte di un grande ecosistema preservato noto collettivamente come “la corona dell’ecosistema continente”, che è principalmente una zona naturale ancora selvaggia e incontaminata. Praticamente tutte le piante e gli animali che esistevano all’epoca in cui gli esploratori europei entrarono per la prima volta nella regione sono oggi presenti nel parco.
In tutto il parco sono state identificate oltre 1.132 specie di piante. La foresta, prevalentemente di conifere, ospita varie specie di alberi come l’ abete Engelmann , l’ abete Douglas , l’abete subalpino , il pino agile e il larice occidentale , che è una conifera decidua, che produce coni ma perde i suoi aghi ogni autunno. I pioppi sono gli alberi decidui più comuni e si trovano a quote più basse, di solito lungo laghi e torrenti.
Il limite del bosco, sul lato orientale del parco, è quasi a 244 m inferiore a quello sul lato occidentale del Continental Divide, a causa dell’esposizione ai venti più freddi e alle condizioni meteorologiche delle Grandi Pianure. Ad ovest del Continental Divide, la foresta riceve più umidità ed è più protetta dai freddi invernali, risultando più densamente popolata con alberi più alti. Al di sopra delle valli boscose e dei pendii montuosi prevalgono le condizioni della tundra alpina, con erbe e piccole piante che sopravvivono in una regione che gode di appena tre mesi senza manto nevoso. Trenta specie di piante si trovano solo nel parco e nelle foreste nazionali circostanti. Il Beargrass, una pianta a fiore alto, si trova comunemente vicino a fonti di umidità ed è relativamente diffusa nei mesi di luglio e agosto. Fiori di campo, come Monkeyflower , ghiacciaio giglio, fireweed , Balsamorhiza e pennello indiano sono anche comuni.
Le aree boscate rientrano in tre principali zone climatiche. L’ovest e il nord-ovest sono dominati da abeti rossi e abeti e il sud-ovest da cedro rosso e cicuta; le aree a est del Continental Divide sono una combinazione di zone miste di pino, abete rosso, abete e prateria. I boschi di cedro-cicuta lungo la valle del lago McDonald sono gli esempi più orientali di questo ecosistema climatico del Pacifico.
Le comunità di pino bianco da corteccia sono state gravemente danneggiate a causa degli effetti della ruggine delle vesciche, un fungo non nativo. Nel parco e nella regione circostante, il 30% dei pini a corteccia bianca è morto e oltre il 70% degli alberi rimanenti è attualmente infetto. Il pino dalla corteccia bianca fornisce un seme di pigna ad alto contenuto di grassi, comunemente noto come pinolo, che è il cibo preferito degli scoiattoli rossi e dello schiaccianoci di Clark. Sia i grizzly che gli orsi neri sono noti per razziare i depositi di pinoli degli scoiattoli, uno dei cibi preferiti dagli orsi. Tra il 1930 e il 1970, gli sforzi per controllare la diffusione della ruggine vescicale non hanno avuto successo e sembra probabile la continua distruzione dei pini a corteccia bianca, con conseguenti impatti negativi sulle specie dipendenti.

Fauna –
Praticamente tutte le specie vegetali e animali storicamente conosciute, ad eccezione del bisonte e del caribù dei boschi, sono ancora presenti, fornendo ai biologi un ecosistema intatto per la ricerca su piante e animali. Due specie minacciate di mammiferi, l’ orso grizzly e la lince, popolano ancora il parco. Sebbene il loro numero rimanga a livelli storici, entrambi sono elencati come minacciati perché in quasi tutte le altre regioni degli Stati Uniti al di fuori dell’Alaska, sono estremamente rari o assenti dalla loro gamma storica. In media, ogni anno si verificano uno o due attacchi di orso sugli esseri umani; dalla creazione del parco nel 1910, ci sono stati un totale di 10 morti legate agli orsi. Il numero di grizzly e linci nel parco non è noto con certezza, ma i biologi del parco credevano che nel 2008 ci fossero appena più di 300 grizzly; uno studio iniziato nel 2001 spera di determinare il numero di linci. Un altro studio ha indicato che il ghiottone, un altro mammifero molto raro nei 48 stati inferiori, vive ancora nel parco. Altri mammiferi come la capra di montagna (il simbolo ufficiale del parco), la pecora bighorn, l’ alce, il cervo mulo, la puzzola, il cervo dalla coda bianca, la lince rossa, il coyote e il puma sono abbondanti o comuni. A differenza del Parco nazionale di Yellowstone, che ha implementato un programma di reintroduzione del lupo, negli anni ’90, si ritiene che i lupi abbiano ricolonizzato Parco nazionale dei ghiacciai, in maniera naturale negli anni ’80. Sono state documentate, inoltre, sessantadue specie di mammiferi tra cui tasso, lontra di fiume, istrice, visone, martora, pescatore, due specie di marmotte, sei specie di pipistrelli e numerosi altri piccoli mammiferi.
Per quanto riguarda i volatili, sono state registrate 260 specie di uccelli, con rapaci come l’ aquila calva, l’aquila reale, il falco pellegrino, il falco pescatore e diverse specie di falchi che risiedono tutto l’anno. L’ anatra arlecchino è una specie colorata di uccelli acquatici che si trova nei laghi e nei corsi d’acqua. L’ airone azzurro maggiore, il cigno della tundra, l’ oca canadese e il fischione americano sono specie di uccelli acquatici più comunemente presenti nel parco. Il grande gufo cornuto, lo schiaccianoci di Clark, ghiandaia di Steller, il picchio pileato e l’ albero della cera del cedro risiedono nelle fitte foreste lungo i fianchi delle montagne, e ad altitudini più elevate, la pernice bianca , il passero della linea del bosco e il fringuello rosa sono i più probabili da vedere. Lo schiaccianoci di Clark è meno abbondante rispetto agli anni passati a causa della diminuzione del numero di pini a corteccia bianca.
A causa del clima più freddo, i rettili ectotermici sono quasi assenti, con due specie di serpente giarrettiera e la tartaruga dipinta occidentale che sono le uniche tre specie di rettili di cui è dimostrata l’esistenza. Allo stesso modo, sono documentate solo sei specie di anfibi, sebbene queste specie esistano in gran numero. Dopo un incendio boschivo nel 2001, alcune strade del parco sono state temporaneamente chiuse l’anno successivo per consentire a migliaia di rospi occidentali di migrare in altre aree.
Infine i pesci. Un totale di 23 specie di pesci risiedono nelle acque del parco e le specie di selvaggina autoctona che si trovano nei laghi e nei torrenti includono la trota spietata del versante occidentale, il luccio del nord, il coregone di montagna, il salmone kokanee e il temolo artico. Il Parco nazionale dei ghiacciai ospita anche la trota toro minacciata, che è illegale da possedere e deve essere rimessa in acqua se catturata inavvertitamente. L’ introduzione nei decenni precedenti della trota di lago e di altre specie ittiche non autoctone ha avuto un forte impatto su alcune popolazioni ittiche autoctone, in particolare la trota toro e la trota spietata del versante ovest.

Guido Bissanti

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *