Come si propaga il Pecan

Come si propaga il Pecan

Il pecan (Carya illinoensis (Wangenh.) K.Koch) è un albero da frutto e da legno della famiglia delle Juglandaceae, coltivato principalmente nell’America del Nord per la raccolta dei suoi frutti che si chiamano: noci pecan.
Si tratta di una specie originaria della parte orientale degli Stati Uniti d’America (sud degli stati dell’Illinois e dell’Iowa, del Kansas, del Missouri, dell’Oklahoma, del Texas e della Virginia) che si è adattata e diffusa in tutta la parte settentrionale del continente americano.
In Europa venne introdotta nel XIX secolo, ma ebbe una scarsa diffusione.
Il Pecan è coltivato in Italia meridionale in piccoli appezzamenti specializzati in Sicilia e nel settore meridionale della Puglia. Le varietà coltivate in Italia sono: Kiowa, Wichita e Shoshoni.
Il pecan è una specie monoica e autofertile, con spiccata dicogamia nella maggio parte delle cultivar.
È un albero molto longevo che nel periodo primaverile produce fiori maschili allungati, e femminili tondeggianti su lunghe spighe.
I frutti hanno un guscio liscio e sottile, di dimensioni variabili in relazione alla varietà, con gheriglio di sapore gradevole.

Esigenze di propagazione –
Il Pecan è una pianta a rapido accrescimento che si adatta a diversi ambienti pedoclimatici, purché caldi, a causa dell’elevata lunghezza del periodo vegetativo. È, inoltre, una pianta a foglia caduca che resiste bene alle basse temperature invernali (fino a -10 °C).
Le cultivar delle noci pecan sono numerose e differiscono per la quantità di frutti prodotti nonché per peculiarità fisiche; tra cui l’ampiezza delle foglie.
Le specie occidentali sono quelle che meglio si adattano ai climi caldi caratterizzati da piogge sporadiche e poco abbondanti. Queste vengono coltivate nella zona del Texas e del Nuovo Messico e sono caratterizzate da una produzione non troppo elevata ma dalle ottime qualità organolettiche.
Le specie nordiche invece non temono il freddo e si sono abituate a sfruttare al meglio gli elevati tassi d’umidità a cui sono sottoposte quotidianamente. Queste producono frutti poco saporiti in una fase più avanzata della stagione rispetto a tutte le altre varietà.
Le specie nordiche maggiormente coltivate sono le Colby e le Giles che producono frutti molto più grandi della media.
Tra le varietà di origine americana coltivate in Italia ricordiamo: Kiowa, Wichita e Shoshoni.
La propagazione della Carya illinoensis avviene quasi esclusivamente per innesto. In questo modo è possibile adoperare porta innesti resistenti ad alcuni parassiti molto dannosi sia per le piante che per il raccolto. Gli alberi da adulti raggiungono dimensioni notevoli e proprio per questa loro particolarità, devono essere messi a dimora in spazi ampi che non siano più piccoli di dodici metri quadrati.
Per la tecnica di coltivazione si rimanda alla seguente scheda.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *