Motacilla flava

Motacilla flava

La cutrettola (Motacilla flava Linnaeus, 1758) è un uccello appartenente alla famiglia dei Motacillidae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Animalia, Phylum Chordata, Subphylum Vertebrata, Classe Aves, Sottoclasse Neornithes, Superordine Neognathae, Ordine Passeriformes, Sottordine Oscines, Infraordine Passerida, Superfamiglia Passeroidea, Famiglia Motacillidae e quindi al Genere Motacilla ed alla Specie M. flava.
La sistematica e la filogenesi di questa specie sono estremamente confuse. Sono state descritte dozzine di sottospecie e circa 15-20 sono attualmente considerate valide a seconda dell’autore che le recensisce.
Tra i sinonimi più frequenti si riportano:
– Motacilla cinereocapilla;
– Motacilla feldegg;
– Motacilla flavissima;
– Motacilla iberiae;
– Motacilla leucocephala;
– Motacilla lutea;
– Motacilla simillima;
– Motacilla taivana;
– Motacilla thunbergi.
Sono note, inoltre, le seguenti sottospecie:
– M. f. flavissima (Blyth, 1834) – sottospecie diffusa nel Regno Unito e in Europa settentrionale “cutrettola britannica”;
– M. f. lutea (S.G.Gmelin, 1774) – presente in Russia e Kazakistan;
– M. f. flava (Linnaeus, 1758) – Europa centrale e settentrionale, sino ai monti Urali “cutrettola gialla”;
– M. f. beema (Sykes, 1832) – diffusa alla Siberia e Kazakistan sino all’Himalaya “cutrettola di Sykes”;
– M. f. iberiae (Hartert, 1921) – nella Penisola Iberica, Francia sud-occidentale e Maghreb “cutrettola di Spagna”;
– M. f. cinereocapilla (Savi, 1831) – sottospecie presente in Italia, comprese Sicilia e Sardegna, Corsica, Slovenia “cutrettola capocenerino”;
– M. f. pygmaea (Brehm, AE, 1854) – sottospecie presente in Egitto;
– M. f. leucocephala (Przewalski, 1887) – Siberia sentro-meridionale, Mongolia e Cina;
– M. f. feldegg (Michahelles, 1830) – diffusa dai Balcani sino all’Iran e all’Afghanistan “cutrettola capinera”;
– M. f. thunbergi (Billberg, 1828) – presente dall’Europa settentrionale alla Siberia nord-occidentale “cutrettola caposcuro”.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
La cutrettola è un uccello, che, con le sue sottospecie, è presente in Europa, Nord Africa e Asia; in Italia ci sono nidificazioni sparse ed è di doppio passo regolar, comune, nidifica sulle Alpi.
In Italia le specie osservabili sono:
– motacilla flava flavissima;
– motacilla flava iberiae;
– motacilla flava feldegg;
– motacilla flava thunbergi;
– motacilla flava cinereocapilla.
Il suo habitat è quello dei campi umidi, ma si può riprodurre anche in zone asciutte, come nei campi di cereali.

Descrizione –
La Motacilla flava è un uccello passeriforme con una lunghezza di 17-18 cm, per un’apertura alare di 24-28 cm ed n peso tra i 12 e i 18 g.
È presente il dimorfismo sessuale con i maschi che hanno le parti superiori di colore verde – marrone chiaro, coda nera con timoniere esterne bianche. Il capo ha varie colorazioni in dipendenza alle numerose sottospecie presenti in Europa. Le parti inferiori sono gialle. D’estate, il maschio ha la testa completamente gialla, senza alcun segno scuro. D’inverno, invece, muta aspetto «sporcando» il piumaggio. La femmina assomiglia ad un maschio molto sbiadito, con colorazione bruno-fulva di sopra e biancastra sotto.
Zampe e becco in ogni sesso ed età sono neri.

Biologia –
La Cutrettola è una specie con comportamento solitario, durante la stagione riproduttiva. Questo uccello nidifica in coppie sparse o isolate, su terreni provvisti di bassa vegetazione o zone umide d’acqua sia dolce sia salmastra, interne come costiere.
La specie frequenta anche le zone coltivate asciutte, estensive o talvolta intensive, con preferenza per prati, campi di orzo e frumento. Ma anche coltivazioni di mais, aree golenali con presenza di graminacee, prati e pascoli con pochi cespugli e alberi sparsi, talvolta risaie.
Il nido viene realizzato in un posto ben riparato nel terreno, è con fibre vegetali e rifinito di peli e lana.
La femmina depone tra le 4 e le 6 uova, una o due volte nei dodici mesi, di colore maculato. Il periodo di incubazione varia fra gli 11 e i 13 giorni.

Ruolo Ecologico –
La cutrettola è principalmente insettivora, anche se non disdegna vermi ed altri piccoli organismi animali. Raramente lo si vede pure cibarsi di nettare.
Nel periodo estivo segue le greggi posandosi sul dorso degli animali da pascolo e li libera dai parassiti.
L’areale della popolazione italiana risulta essere vasto (maggiore di 20000 km², Boitani et al. 2002), Il numero di individui maturi stimato in 200000-400000. Sulla base delle circa 1450 coppie mediamente censite ogni anno nel corso del progetto MITO2000, la popolazione italiana risulta essere in declino del 38% nell’arco temporale 2000-2010 (LIPU & Rete Rurale Nazionale, wwww.miti2000.it). È possibile dunque ipotizzare che negli ultimi 10 anni (tre generazioni per la specie), la popolazione sia in declino almeno del 30% e pertanto la specie viene classificata Vulnerabile (VU) per il criterio A. La specie é fortemente legata agli ambienti agricoli e per questo particolarmente sensibile alle veloci di trasformazioni ambientali che caratterizzano questa tipologia ambientale. In Europa la specie risulta essere in uno stato sicuro, sebbene sia in declino in alcuni Paesi (BirdLife International 2004). Al momento non ci sono evidenze di immigrazione da fuori regione, pertanto la valutazione fatta per la popolazione italiana rimane invariata.
Le principali minacce, secondo la IUCN, sono la trasformazione dell’habitat di nidificazione e alimentazione.

Guido Bissanti

Fonti
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– C.Battisti, D. Taffon, F. Giucca, 2008. Atlante degli uccelli nidificanti, Gangemi Editore, Roma.
– L. Svensson, K.Mullarney, D. Zetterstrom, 1999. Guida agli uccelli d’Europa, Nord Africa e Vicino Oriente, Harper Collins Editore, Regno Unito.

Un acquisto che vi consigliamo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *