Come si prepara una talea di Mirabolano

Come si prepara una talea di Mirabolano

Il mirabolano, conosciuto anche con i nomi di amolo, brombolo, marusticano, o semplicemente rusticano (Prunus cerasifera Ehrh., 1784) è una pianta appartenente alla famiglia delle Rosaceae ed originario del Caucaso e dell’Asia occidentale; successivamente è stato introdotto in Europa in epoca preromana.
Il mirabolano è un albero da frutto, spesso usato anche come albero ornamentale.
La pianta si moltiplica naturalmente per seme e per via agamica per talea.

Moltiplicazione per seme –
Nella moltiplicazione per seme, da cui si ottengono pianta geneticamente differenti, la semina va effettuata in primavera o in autunno interrando i semi in un terriccio specifico costituito da due parti di terriccio organico ed una parte di sabbia.
Si consideri però che la moltiplicazione per seme è molto lenta e a causa della variabilità genetica, dovuta al processo di fecondazione, come detto, non si assicurano esemplari con le stesse caratteristiche della pianta madre.

Moltiplicazione per talea –
Se si vogliono ottenere piante con più rapido accrescimento ed identiche alla pianta madre si deve ricorrere alla propagazione per talea.
Questa operazione va effettuata, preferibilmente, nel mese di luglio, utilizzando cesoie ben affilate e disinfettate. L’operazione consiste nel prelevare, con tagli netti ed obliqui dai rami semilegnosi, delle talee lunghe 10-12 cm, che abbiano almeno una gemma ed una fogliolina apicale.
Prima dell’interramento si consiglia l’immersione della base delle talee in polvere radicanti o in preparati ottenuti da voi stessi.
Ottenute queste talee si piantano in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali.
La fase di radicazione è contrassegnata dalla formazione, dai germogli, delle prime foglioline.
A radicazione avvenuta che si manifesta con l’emissione di nuove foglioline e dell’accrescimento delle stesse, le talee vanno fatte irrobustire e solo nella primavera successiva potranno essere trasferite in singoli vasi e coltivate in essi per 1-2 anni prima di metterle a dimora definitiva.
Una volta trascorso questo periodo le giovani piantine di mirabolano possono essere messe a dimora in buche ben lavorate e nel periodo di fine inverno o autunno. Le piante vanno distanziate tra di loro con sesti di 4×5 o 5×5.
Se si vogliono ottenere invece siepi di mirabolano, le piantine vanno poste ad una distanza di 45-50 cm l’una dall’altra in buche preventivamente preparate.

Acquisto suggerito




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *