Ceiba pentandra

Ceiba pentandra

Il Kapok (Ceiba pentandra (L.) Gaertn., 1791) è una specie arborea appartenente alla famiglia delle Bombacaceae.

Sistematica –
Dal punto di vista sistematico appartiene al Dominio Eukaryota, Regno Plantae, Divisione Magnoliophyta, Classe Magnoliopsida, Ordine Malvales, Famiglia Bombacaceae e quindi al Genere Ceiba ed alla Specie C. pentandra.
Sono sinonimi i termini:
– Bombax guineensis Schum. & Thonn.;
– Bombax orientale Spreng.;
– Bombax pentandrum L.;
– Ceiba guineensis (Thonn.) A.Chev.;
– Ceiba thonningii A.Chev.;
– Eriodendron anfractuosum DC.;
– Eriodendron caribaeum G. Don;
– Eriodendron guineense G. Don.

Etimologia –
Il termine Ceiba è la forma latinizzata del nome vernacolare (pronunciato sayba) di questa pianta usato dagli indigeni Taino dei Caraibi e Sud America.
L’epiteto specifico pentandra proviene dal greco πέντε pénte cinque e da ἀνήρ, ἀνδρός aner, andrόs maschio, elemento maschile: con cinque stami.

Distribuzione Geografica ed Habitat –
Il Kapok è una pianta con un’ampia diffusione e si ritiene che sia originaria dell’America centrale.
La troviamo nei seguenti Paesi:
– in America del nord: Messico.in America centrale: Belize, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Nicaragua, Panama e nei Caraibi (Barbados, Cuba, Repubblica Dominicana, Grenada, Guadalupa e Martinica, Haiti, Giamaica, Montserrat, Antille olandesi, Porto Rico);
– nella parte settentrionale del Sud America: Guyana Francese, Guyana, Suriname, Venezuela, Brasile, Bolivia, Colombia, Ecuador, Perù e Argentina;
– in Africa: Sudan, Tanzania, Uganda, Burundi, Camerun, Gabon, Ruanda, Zaire, Benin, Costa d’avorio, Ghana, Guinea-Bissau, Mali, Nigeria, Senegal, Sierra Leone, Togo, Angola, Malawi, Mozambico, Zambia, Etiopia e Gibuti.
Inoltre questa pianta è stata introdotta, ed è oramai naturalizzata, in Asia, in particolare a Giava, in Thailandia, a Ceylon, in Malaysia, in Indonesia, nelle Filippine; anche in Sicilia sono presenti in varie zone, come ad esempio a Palermo, nell’Istituto Comprensivo Luigi Capuana. Inoltre è presente in almeno 6 esemplari presso la città di Positano dove fu introdotto circa 60 anni fa da un turista argentino frequentatore di un hotel del borgo il quale regalò un piccolo arbusto al proprietario dell’albergo. L’albero nel giardino è tutt’ora visibile dalla strada principale della città.
Il suo habitat è quello tropicale dove si trova ad altitudini fino a 1.200 metri.

Descrizione –
La Ceiba pentandra è un albero che raggiunge una altezza di 60–70 m ed è dotato di un tronco massiccio che raggiunge i 3 m di diametro.
Il tronco così come molti dei rami più larghi sono densamente ricoperti di larghe e robuste spine.
Ha foglie composte da 5 a 9 foglioline più piccole, ognuna lunga fino a 20 cm.
I fiori si aprono di notte e sono senescenti a mezzogiorno. Emettono un forte odore e secernono il nettare alla base dei grandi fiori bisessuali.
Gli alberi adulti producono diverse centinaia di frutti, contenenti numerosi semi circondati da una fibra lanosa e giallastra costituita da lignina e cellulosa.

Coltivazione –
Il Kapok è una pianta tipicamente dei tropici umidi, dove cresce fino a 1.200 metri, anche se la produttività inizia a diminuire oltre i 460 metri.
Cresce meglio nelle aree in cui le temperature diurne annuali sono comprese tra 17 e 38 °C, ma può tollerare limiti di 12 – 40 °C.
La pianta può morire con temperature di -1 °C o inferiori.
Inoltre la fruttificazione può fallire se la temperatura notturna scende molto al di sotto dei 20 °C.
È un albero che preferisce una piovosità media annua compresa tra 1.500 e 2.500 mm, ma tollera limiti di 750 – 5.700 mm.
Può tollerare una stagione secca da 0 a 6 mesi.
Il Kapok è l’albero autoctono più alto che cresce in Africa; preferisce una posizione soleggiata in un terreno fertile, profondo, che trattiene l’umidità ma ben drenato e con pH compreso tra 5,5 e 6,5, tollerando limiti di 5 – 7,5. Infine preferisce una posizione riparata dai venti forti.
Il Kapok è un albero a crescita rapida, gli aumenti annuali di altezza e diametro durante i primi 10 anni sono rispettivamente di circa 120 cm e 3-4 cm; inoltre nelle lacune forestali la crescita in altezza può essere di 2 metri all’anno.
L’albero può iniziare a produrre semi, e quindi fibra, a partire dall’età di 4-5 anni, con rese in aumento fino a circa 8 anni. La vita economica degli impianti è di circa 60 anni.
I periodi di vegetazione e fioritura sono più regolari nelle parti più secche dell’area di distribuzione; nelle zone umide, i periodi di vegetazione e fioritura sono molto irregolari.
I frutti maturano 80-100 giorni dopo la fioritura, i tipi deiscenti rilasciano i semi, vagamente incorporati, che vengono dispersi dal vento.
Un singolo albero può dare 300-400 baccelli all’anno, producendo fino a 20 chili di fibra a partire dai 5 anni circa per oltre 50 anni.
È un albero che risponde bene al ceduo ed ha radici vigorose e sono noti per causare danni a edifici e strade se piantati troppo vicini.
Si ritiene, inoltre, che il kapok coltivato sia un ibrido naturale tra due varietà originarie rispettivamente dell’America tropicale e dell’Africa occidentale.

Usi e Tradizioni –
Le foglie, i germogli, i frutti teneri ed i semi vengono mangiati nonché l’olio che si ricava dai semi viene utilizzato in cucina.
Dal punto di vista medicinale il Kapok è un’erba astringente e diuretica che abbassa la febbre, rilassa gli spasmi e controlla il sanguinamento.
Le foglie contengono diversi composti attivi tra cui derivati di quercetina e kaempferol, tannini e acido caffeico.
Le foglie sono abortive, alterative, emollienti, lassative e sedative. Vengono utilizzate nel trattamento di scabbia, diarrea, tosse, gola rauca, affaticamento e lombalgia.
Un decotto di germogli teneri è usato come contraccettivo.
Le foglie giovani vengono riscaldate e mescolate con olio di palma per essere consumate come rimedio per problemi cardiaci.
La linfa delle foglie viene bevuta come rimedio per malattie mentali.
Il succo di rami giovani macerati viene utilizzato in una preparazione per il trattamento dell’asma.
Le foglie pestate, applicate esternamente, vengono utilizzate come medicazione su piaghe, distorsioni, tumori, ascessi, ecc..
La linfa delle foglie viene applicata sulle infezioni della pelle.
Le macerazioni fogliari vengono utilizzate nei bagni come trattamento contro stanchezza generale, febbri, rigidità degli arti, mal di testa e sanguinamento delle donne in gravidanza; inoltre sono usate come un bagno per gli occhi per trattare la congiuntivite, rimuovere i corpi estranei dall’occhio e aiutare a guarire le ferite negli occhi.
Le foglie possono essere raccolte in qualsiasi momento durante la stagione di crescita e vengono utilizzate fresche o essiccate.
La corteccia e le foglie sono utilizzate nel trattamento della congestione bronchiale.
Esternamente, vengono utilizzati nei bagni per curare febbri e mal di testa.
Alle cortecce della radice e del fusto sono attribuite proprietà emetiche e antispasmodiche.
Per trattare problemi di stomaco, diarrea, ernia, gonorrea, disturbi cardiaci, edema, febbre, asma e rachitismo si prende un decotto di corteccia del gambo.
Si dice che le macerazioni della corteccia siano una cura per problemi cardiaci e ipertensione e sono accreditate con proprietà stimolanti e antielmintiche.
I decotti di corteccia di gambo sono usati nei lavaggi della bocca per il trattamento di mal di denti e problemi alla bocca; vengono applicati anche su dita gonfie, ferite, piaghe, foruncoli e macchie lebbrose.
La corteccia, spesso in polvere, è usata come trattamento sulle ferite.
Un decotto di corteccia viene utilizzato come lavaggio per trattare la febbre e la corteccia viene solitamente raccolta nella stagione secca.
La gomma è abortiva e astringente. Viene consumata per alleviare il mal di stomaco. Viene anche assunta internamente per controllare sanguinamento uterino anormale, dissenteria e diarrea nei bambini.
La gomma viene raccolta dalle incisioni praticate nel tronco di giovani alberi, fatte mentre la linfa si alza alla fine della stagione secca.
Un decotto di radici bollite è usato per trattare edema, diarrea, dissenteria, dismenorrea e ipertensione.
Si dice anche che il decotto sia ossitocico.
La radice fa parte dei preparati usati per curare la lebbra. I fiori sono emollienti. Sono usati come rimedio per la stitichezza.
Anche il frutto è emolliente. La frutta in polvere va assunta con l’acqua come rimedio contro i parassiti intestinali e il mal di stomaco.
L’olio di semi viene strofinato sulle parti colpite per alleviare i reumatismi e viene applicato anche per curare le ferite.
Questa specie, inoltre, ricopre un ruolo importante per gli usi agroforestali.
È una specie pioniera a rapida crescita ma non può germogliare nella fitta foresta, richiedendo luce per prosperare. Può essere utilizzato in progetti di rimboschimento per boschi nativi, ma è probabilmente troppo grande e longevo per giardini boschivi.
L’albero è un’importante fonte di miele ed è adatto anche per il controllo dell’erosione del suolo e per la protezione dei bacini idrografici.
In agroforestazione è stato coltivato per fornire ombra a caffè e cacao, mentre a Giava è utilizzato come supporto per piante di peperone (Piper spp.).
La fibra della parete interna del frutto è unica in quanto unisce elasticità e resilienza ed è resistente ai parassiti, rendendola ideale per imbottire guanciali, materassi e cuscini; è indispensabile negli ospedali, poiché i materassi possono essere sterilizzati a secco senza perdere la loro qualità originale. È leggera (un ottavo del peso del cotone), idrorepellente e galleggiante, ideale per giubbotti di salvataggio, scialuppe di salvataggio e altri dispositivi di sicurezza navale.
È un ottimo isolante termico, essendo utilizzato in ghiacciaie, frigoriferi, celle frigorifere, uffici, teatri e aeroplani.
È anche un ottimo fonoassorbente ed è ampiamente utilizzato per l’isolamento acustico.
Il seme contiene il 20-25% di olio non essiccante, simile all’olio di semi di cotone.
È usato come lubrificante, illuminante, nella produzione di saponi e in cucina.
I principali acidi grassi sono acido palmitico (10-16%), acido stearico (2-9%), acido oleico (49-53%) e acido linoleico (26-29%).
La cenere del legno è ricca di potassio e può essere utilizzata per fare il sapone.
La corteccia viene utilizzata per realizzare muri e porte di capanne.
Dalla corteccia si ottengono una gomma e un colorante bruno-rossastro.
Il durame è di colore variabile, dal bianco crema al marrone chiaro, spesso con venature grigiastre, ma i funghi che macchiano la linfa possono scurirlo; non è chiaramente delimitato dall’alburno. La fibra è intrecciata, a volte irregolare; la consistenza grossolana; gli anelli di crescita sono prominenti; il contenuto di silice è basso. Il legno è morbido, debole e molto leggero; è estremamente vulnerabile alla decomposizione a contatto con il suolo ed è anche suscettibile alle termiti. Sia i tronchi che il legname sono molto suscettibili agli attacchi di insetti e funghi, ma il trattamento di conservazione è facile. Il legno stagiona normalmente, con solo un lieve rischio di contrazione o distorsione; una volta asciutto è da scarsamente a moderatamente stabile in servizio.
Il legno è facile da sbucciare per l’impiallacciatura. Un legname di bassa qualità, gli usi riportati del legno includono compensato, imballaggi, scorte di legname, costruzioni leggere, scatole e casse, mobili economici, fiammiferi, pasta di legno e prodotti di carta. Tradizionalmente viene utilizzato per canoe, gommoni e attrezzi agricoli.
Il kapok, con la sua densità di 0,35 g/cm³, è la fibra naturale più leggera del mondo. Il kapok è una fibra cava lunga da 2 a 4 cm, con circa l’80% d’aria incorporata. Questa caratteristica ha indotto per molto tempo a ritenere impossibile filare il kapok. Le fibre vengono estratte a mano da baccelli lunghi 10/15 cm. Fino a poco tempo fa il suo uso era limitato all’imbottitura di materassi, trapunte e imbottiti, ma ora dopo gli sviluppi in materia di filatura, alcune aziende di abbigliamento hanno introdotto il kapok nelle loro collezioni producendo soprattutto pantaloni. È una fibra totalmente biologica in quanto cresce spontaneamente in natura. Particolarmente indicata per chi soffre di allergie.
Il polline dei fiori di C. pentandra è gradito a molte specie di animali sia notturni (pipistrelli, piccoli marsupiali, scimmie, e falene) sia diurni (api, colibrì), ma l’opera principale di impollinatore è svolta da due specie di pipistrelli: Phyllostomus hastatus e Phyllostomus discolor.

Modalità di Preparazione –
Foglie, germogli e frutti teneri sono mucillaginosi e vengono mangiati come il gombo (Abelmoschus esculentus (L.) Moench).
I semi sono consumati crudi o cotti, arrosto e macinati in polvere e vengono consumati nelle zuppe e usati come condimento.
I semi possono essere germogliati d i germogli mangiati crudi o cotti in zuppe.
Secondo alcuni autori i semi sarebbero tossici.
Dal seme si estrae un olio da cucina dal sapore gradevole.
Sebbene il seme sia tossico, l’olio è comunque commestibile.
I fiori vengono sbollentati e mangiati con salsa al peperoncino.
Gli stami essiccati vengono aggiunti al curry e alla zuppa calda e acida per dare colore.
Le ceneri del legno sono usate come sostituto del sale.

Guido Bissanti

Fonti
– Acta Plantarum – Flora delle Regioni italiane.
– Wikipedia, l’enciclopedia libera.
– Treben M., 2000. La Salute dalla Farmacia del Signore, Consigli ed esperienze con le erbe medicinali, Ennsthaler Editore
– Pignatti S., 1982. Flora d’Italia, Edagricole, Bologna.
– Conti F., Abbate G., Alessandrini A., Blasi C. (a cura di), 2005. An annotated checklist of the Italian vascular flora, Palombi Editore.

Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, non rappresentano in alcun modo prescrizione di tipo medico; si declina pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *